Adam Goldstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Goldstein a dicembre 2008

Adam Michael Goldstein, noto come DJ AM (Philadelphia, 30 marzo 1973New York, 28 agosto 2009), è stato un disc jockey statunitense.

È stato membro della rock band Crazy Town, e ha collaborato agli album di vari artisti fra cui Madonna, Will Smith, Travis Barker dei Blink-182 e i Papa Roach.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Philadelphia da una famiglia ebrea, è stato soggetto durante l'infanzia alle violenze verbali di suo padre che soffriva di dipendenza dalle droghe. Lo stesso Goldstein ha in seguito dichiarato che suo padre è stato "incredibilmente crudele" nei suoi confronti[1]. Durante l'adolescenza inizia anche lui ad assumere droghe, e viene mandato dalla madre in una clinica per la disintossicazione.

Raggiunti i 20 anni Goldstein decide di dedicarsi all'attività di DJ, dopo aver visto Herbie Hancock suonare la canzone “Rockit” ai Grammy Awards. In questo periodo continua a combattere contro la dipendenza dalle droghe, in particolare il crack. Dopo un tentativo di suicidio, fallito a causa della pistola inceppata[2] si sottopone nuovamente a un tentativo di disintossicazione, stavolta frequentando i meeting degli AA.

Dopo la disintossicazione dimagrisce di 35 chili e inizia a esercitarsi costantemente nel djing[3]. Goldstein inizia a ottenere lavori nelle discoteche più alla moda, e a lavorare come DJ per le feste di compleanno di vip di Hollywood come Tom Cruise e Leonardo DiCaprio[3]. Sempre in quel periodo inizia a collaborare con la rock band Crazy Town, con cui incide il disco d'esordio The Gift of Game da cui è estratto il singolo di successo "Butterfly".

Negli anni 2000 si dedica completamente all'attività di DJ, e diventa famoso presso il grande pubblico grazie alle sue relazioni con star dello spettacolo come Nicole Richie e Mandy Moore. Nel 2008 è coinvolto in un terribile incidente aereo: il Jet privato su cui si trovava a bordo assieme a Travis Barker crollò al suolo lasciandolo gravemente ferito mentre due dei membri dell'equipaggio e due passeggeri morirono sul colpo.

Il 29 agosto 2009 Goldstein è stato trovato morto per overdose nel suo appartamento di SoHo, quartiere del borough newyorkese di Manhattan. Sul pavimento e in cucina, sono stati ritrovati del crack, alcune confezioni di pillole e molte ricette di farmaci[4]. La sua morte ha creato grande scalpore, poiché Goldstein aveva spesso partecipato a campagne a favore della disintossicazione dalle droghe portando ad esempio la sua esperienza personale.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inside Story: DJ AM's Triumphs – and Troubles People.com. 29 agosto 2009
  2. ^ DJ AM Opens Up About Suicide Attempt, People.com. Retrieved August 29, 2009.
  3. ^ a b DJ AM with Glamour Glamour.com. Retrieved August 27, 2009
  4. ^ Muore di overdose il DJ vip Corriere.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 120212118