Zu (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zu
Zu Credit Valerio Pampanini.jpg
Zu band in the Sky
Paese d'origineItalia Italia
GenereNoise rock
Industrial
Math rock
Musica contemporanea
Musica d'ambiente
Post-hardcore
Periodo di attività musicale1997 – in attività
Album pubblicati14
Studio12
Live2
Sito ufficiale

Gli Zu sono un gruppo di musica strumentale sperimentale originario di Roma. Fino ad oggi il gruppo ha inciso 14 album, inclusi due live e tre split, e ha suonato in festival in Europa, America, Asia ed Africa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si forma nel 1997 a Roma composto da tre membri: Luca Mai al sax baritono, Massimo Pupillo al basso e Jacopo Battaglia alla batteria, tutti provenienti dal collettivo Gronge. Iniziano come compositori e esecutori di musica per rappresentazioni teatrali[1].

Nel 1999 esce il loro primo album Bromio, dallo stile votato al jazzcore sperimentale che suscita grande interesse della stampa musicale e del pubblico. Nascono collaborazioni con artisti di fama internazionale iniziata con l'album registrato dal vivo con il chitarrista sperimentale americano Eugene Chadbourne: The Zu Side of the Chadbourne edito nel 2000 e proseguita con Motorhellington del 2001, sempre registrato dal vivo con Chadbourne, composto da cover di Motörhead e Duke Ellington[1].

Il gruppo parte per un tour mondiale dove suona con vari musicisti tra cui The Ex, Ami Denio, Karate e Damo Suzuki. Durante questo tour viene registrato presso gli studi di Steve Albini e con il contributo di musicisti della scena locale il secondo album, Igneo[1], uscito nel 2002, lavoro che ha riscosso unanimi consensi della critica, soprattutto a livello internazionale[2].

Nel 2003 esce il disco dal vivo Live in Helsinki, registrato in Finlandia. L'anno successivo il gruppo collabora con gli Spaceways Inc. nell'album Radiale. Nel 2005 esce How to Raise an Ox inciso con Mats Gustaffson, mentre l'anno seguente il gruppo parte per un tour con la Fantômas/Melvins Big Band.

Dal 2007 gli Zu collaborano stabilmente con Mike Patton. Nel 2008 realizzano uno split EP con Il Teatro degli Orrori. Il 20 febbraio 2009 è uscito l'album Carboniferous su Ipecac Recordings, che vede come ospiti lo stesso Patton e Buzz Osborne dei Melvins.

Nel 2011 dopo un tour mondiale di quasi due anni, gli Zu si fermano per quasi tre anni. Dopo aver suonato con diversi batteristi, fra cui Gabe Serbian dei Locust e Tomas Jarmyr dei Motorpsycho, nel 2018 Jacopo Battaglia torna alla batteria per un tour con Mats Gustafsson. Nello stesso tempo esce per House Of Mythology un album a nome Zu93 chiamato Mirror Emperor, in collaborazione con David Tibet dei Current 93

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

La musica del gruppo, difficile da classificare, è una fusione tra hardcore punk, math rock, jazz e metal. Lo stile degli Zu, anche se con cambiamenti nel corso degli anni, è basato su continue evoluzioni ritmiche e armoniche. Dopo il 2010 lo stile del gruppo si evolve in direzioni più aperte e influenzate sia dalla musica contemporanea che dall'ambient e l ' elettronica. In quasi ogni loro album da studio c'è sempre qualche collaborazione e non è inusuale vedere ospiti speciali sul palco come ad esempio Mike Patton. Nel 2002 il famoso sassofonista John Zorn dopo l'uscita di Igneo disse: "Avete creato una musica potente ed espressiva che spazza via totalmente ciò che molti gruppi fanno in questi giorni!"[3].

Progetti paralleli[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo (o i suoi membri) ha preso parte ad altri progetti musicali, dei quali alcuni esistenti solo come esibizioni dal vivo, interessati nel creare una vasta gamma di stili musicali, dal jazz al metal, passando per la canzone popolare in romanesco. Nel 2002 Pupillo ha dato vita al progetto parallelo con contaminazioni elettroniche Dogon insieme a Martusciello e Økapi. Sempre Pupillo con il sassofonista Gianni Gebbia ed il batterista Lukas Ligeti ha pubblicato nel 2004 l'album The Williamsburg Sonatas.

Nel 2005 il trio assieme a Geoff Farina dei Karate ha formato gli Ardecore.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex-membri[modifica | modifica wikitesto]

  • Tomas Järmyr - batteria (2015-2018)
  • Gabe Serbian - batteria (2014-2015)
  • Roy Paci - tromba (1998-1999)

Ospiti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Split e singoli[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Gianluca Testani (a cura di), Enciclopedia del rock italiano, Arcana Editrice, 2006, pp. 423.
  2. ^ Piero Scaruffi, Zu, in Storia del Rock, 2004. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  3. ^ Radiale (feat Spaceways Inc)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 7130 5100
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock