Vita Smeralda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vita Smeralda
Vita smeralda 2006.png
Silvia, Luana ed Elena
Titolo originaleVita Smeralda
Paese di produzioneItalia
Anno2006
Durata93 min
Generecommedia, sentimentale
RegiaJerry Calà
SoggettoJerry Calà, Gino Capone
SceneggiaturaJerry Calà, Gino Capone
Casa di produzioneMedusa Film in collaborazione con Sky
Distribuzione (Italia)Medusa Distribuzione
MusicheAngelo Talocci
Interpreti e personaggi

Vita Smeralda è un film del 2006 scritto, diretto e interpretato da Jerry Calà.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Silvia, Luana ed Elena sono tre giovani amiche che decidono di trascorrere le vacanze estive in Sardegna assieme ai rispettivi fidanzati e a una comitiva di amici. Stufe della monotonia e dello squallido ambiente del campeggio le tre ragazze scaricano i loro compagni in campeggio, avventurandosi alla scoperta del jet set della Costa Smeralda: una realtà a loro sconosciuta e costellata di lussuosi yacht, boutique griffate e feste glamour, a diretto contatto con il mondo dei VIP del cinema, della televisione e dello sport. Tra questi vi è anche Jerry Calà, protagonista di un'altalenante trattativa con un produttore russo interessato a finanziarlo in un film intitolato Vacanze di Natale a Mosca, la cui realizzazione sembra però essere molto complicata per via dei bizzarri modi di fare del russo e della sua famiglia, entrambi ospiti sullo yacht dell'attore. Dopo pochi giorni all'imbarcazione si presenta una ragazza indiana di nome Negar, che rivela di essere figlia illegittima di Calà, il quale dopo lo stupore e lo scetticismo iniziale la riconosce, seppur non per vie legali.

Nel frattempo Silvia, Luana ed Elena si allontanano per alcuni giorni per poi ritrovarsi a Poltu Quatu: qui Silvia, dopo essere scappata assieme ad Elena da un festino hard, incontra Ascanio, un ricco imprenditore che la ospita in casa dandole riparo. Elena e Luana decidono di fare ritorno al campeggio dai loro fidanzati, mentre Silvia sceglie di restare con Ascanio. Conclusa la vacanza in barca Jerry Calà scarica su una spiaggia il produttore russo dopo aver scoperto le sue molestie nei confronti di Negar, ma una volta tornato in porto la ragazza lo ringrazia per averla difesa e gli confessa di non essere veramente sua figlia, ma soltanto un'ammiratrice in cerca di qualcuno che la ospitasse nel corso della vacanze. Appena Calà lascia il porto, però, Negar telefona a sua madre raccontandole dell'accaduto e dicendole che questa aveva ragione quando le raccontava che il suo vero padre aveva un viso paffuto.

Intanto, sempre a Poltu Quatu, la Guardia di Finanza effettua un blitz con un mandato di arresto nei confronti di Ascanio il quale si ritrova nel mezzo di una bancarotta. Superata la delusione amorosa Silvia torna anch'essa in campeggio da Luana ed Elena, ma viene raggiunta da Ascanio il quale le chiede disperatamente perdono; Silvia accetta e i due iniziano una nuova vita assieme. Luana, invece, dopo aver lavorato come skipper nello yatch di Jerry Calà con Ciro, decide di continuare la relazione, mentre Elena tronca il rapporto col suo fidanzato Gianni, in quanto maturata a seguito della sua avventura, capendo non provare più nulla per lui. Le tre ragazze si ritrovano quindi a cena in un ristorante sul mare, gestito da un vu cumprà che avevano conosciuto in spiaggia nel corso del loro viaggio. Questo consiglia loro di lasciarsi andare in amore nella stagione estiva senza avere timori, perché a detta sua l'estate non è una stagione ma uno stato d'animo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato annunciato il 28 giugno 2005 tramite un comunicato ufficiale dell'ufficio stampa di Jerry Calà, lo stesso giorno sono inoltre incominciate le riprese. La pellicola è stata presentata come il Sapore di mare degli anni duemila, con lo scopo di mostrare il cambiamento delle nuove generazioni rispetto agli anni Sessanta e Ottanta. Sancisce inoltre il ritorno al cinema di Jerry Calà a distanza di nove anni dalla sua ultima regia, ovvero Gli inaffidabili (1997).

Assieme al primo comunicato stampa sono stati resi noti anche i nomi del cast, con protagoniste Eleonora Pedron, divenuta nota a seguito della vittoria del concorso di bellezza Miss Italia nel 2002; Francesca Cavallin - già protagonista della soap opera di Canale 5 Vivere - e Benedetta Valanzano, affermata attrice in diverse fiction televisive.

La data di uscita era inizialmente prevista tra Natale e i primi di gennaio, per poi essere spostata nel periodo estivo.[1] Il budget è stato di circa un milione e mezzo di euro.[2]

Fanno brevi apparizioni nel film nel ruolo di sé stessi Raffaella Zardo, Lele Mora e Umberto Smaila.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il trailer del film è stato diffuso in rete nel giugno 2006, seguito da una serie di spot televisivi. È stato pubblicizzato da Medusa Film come "il film dell'estate".[3] Sempre a giugno è stata pubblicata in rete e diffusa in radio l'omonima canzone ufficiale del film, con annesso videoclip, interpretata dallo stesso Calà, che ha proseguito la campagna di promozione del film con diverse ospitate in vari programmi televisivi come Markette - Tutto fa brodo in TV su La 7.[4][5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'anteprima del film si è tenuta all'Ischia Film Festival pochi giorni prima dell'uscita in sala.[6]. Venne distribuito nelle sale venerdì 14 luglio 2006 da Medusa Film.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film, uscito nelle sale di venerdì, ha esordito al box office italiano piazzandosi in quarta posizione con un incasso di €181.324 nei primi tre giorni di programmazione e, in particolare modo, nella giornata di domenica 16 luglio ha raggiunto la seconda posizione in classifica, incassando €64.000. Nel secondo weekend di programmazione si è mantenuto tra i primi cinque della classifica incassando €71.000, per poi scendere al settimo posto nel weekend del 28 luglio con un incasso di €45.000. Al termine della sua corsa al botteghino il film ha incassato €587.000[7].

Il successo del film è stato principalmente televisivo: su Sky Cinema, infatti, il film ha registrato un auditel complessivo di 2,5 milioni di telespettatori tra aprile e maggio 2007.[8] Nel 2008, quando è stato trasmesso per la prima volta in chiaro su Italia 1, il film ha registrato in prima serata un auditel di 2.415.000 spettatori, pari al 9% di share.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CineSpecial Vita Smeralda, su www.cinemovie.info. URL consultato il 10 luglio 2017.
  2. ^ Speciale Vita Smeralda, su www.filmup.leonardo.it. URL consultato il 10 luglio 2017.
  3. ^ Vita Smeralda trailer italiano, su ivid.it.
  4. ^ Jerry Calà presenta il film Vita Smeralda a Markette (2006), su www.youtube.com. URL consultato il 10 luglio 2017.
  5. ^ Jerry Calà presenta il film Vita Smeralda a Markette (2006) parte 2, su www.youtube.com. URL consultato il 10 luglio 2017.
  6. ^ Cinema: per Al Pacino e Nicole Kidman remake di Testimone d'accusa, su www1.adnkronos.com. URL consultato l'11 luglio 2017.
  7. ^ Box Office weekend 16/07/2006, su www.mymovies.it. URL consultato l'11 luglio 2017.
  8. ^ Biografia, su jerrycala.com.
  9. ^ ascolti tv domenica 27 aprile 2008, su www.tvblog.it. URL consultato l'11 luglio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema