Villa Porto (Vivaro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Porto a Vivaro
Villa Porto (Vivaro di Dueville) 20081204-1.jpg
Villa Porto a Vivaro di Dueville
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàDueville
Coordinate45°37′04.32″N 11°32′37.08″E / 45.617867°N 11.543632°E45.617867; 11.543632Coordinate: 45°37′04.32″N 11°32′37.08″E / 45.617867°N 11.543632°E45.617867; 11.543632
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1554
Stilepalladiano
Realizzazione
ArchitettoAndrea Palladio (?)
Proprietario storicoPaolo Porto

Villa Porto (nota anche come Villa da Porto Pedrotti) a Vivaro di Dueville (Vicenza) è una villa veneta del 1554, attribuita tradizionalmente all'architetto Andrea Palladio,[1] ma non inclusa nell'elenco del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO di "Vicenza e le ville palladiane del Veneto".[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1554 Paolo Porto spartisce con i propri fratelli l'eredità paterna acquisendo un fondo a Vivaro, a nord di Vicenza, dove nei quattro anni seguenti realizza una villa che la tradizione vorrebbe progettata da Palladio.[1]

Il conte Paolo Porto, uno dei più potenti canonici della Cattedrale (nel 1550 è sul punto di diventare vescovo), è uomo colto e sofisticato, trascorre molto tempo a Roma, dov'è amico del cardinale Alessandro Farnese, e fra i suoi amici e parenti vicentini annovera committenti palladiani di primo piano come Giangiorgio Trissino, Biagio Saraceno, Bernardo Schio o Girolamo Garzadori. Tale rete di amicizie potrebbe averlo messo molto facilmente in contatto con Palladio, anche se, a ben guardare, l'architettura della villa pone più dubbi che certezze, mostrando diverse fasi costruttive successive che rendono ardua l'individuazione di un eventuale originario progetto palladiano: il pronao, ad esempio, s'innesta con evidente discontinuità sul corpo dominicale.[1] Senza dubbio ottocentesche sono invece le due ali laterali, frutto di una postuma palladianizzazione della villa ad opera dell'architetto Antonio Caregaro Negrin.[1]

La cappella della villa è dedicata a San Gaetano Thiene. L'altare è ottocentesco e conserva un dipinto giovanile di Francesco Maffei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Villa Porto (Vivaro), in Mediateca, Palladio Museum. URL consultato il 27 maggio 2018.
  2. ^ (EN) UNESCO World Heritage Centre, City of Vicenza and the Palladian Villas of the Veneto, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]