The Core

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Core
The Core.jpg
Una scena del film
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2003
Durata135 min
Genereazione, fantascienza
RegiaJon Amiel
SceneggiaturaCooper Layne, John Rogers
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaJohn Lindley
MontaggioTerry Rawlings
MusicheChristopher Young
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Core è un film di fantascienza del 2003 diretto da Jon Amiel. Il film è uscito negli Stati Uniti il 28 marzo 2003, mentre in Italia è uscito il 17 aprile 2003.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Trentadue persone a Boston muoiono improvvisamente nello stesso istante, mentre si trovavano apparentemente in ottima salute. Il dottor Josh Keyes, professore universitario di geologia, e il dottor Serge Leveque, esperto di armi ad alta energia, chiamati ad indagare sul fatto, scoprono che tutte le vittime avevano impiantato un pacemaker e deducono che la causa della loro morte è stata un'anomalia nel campo elettromagnetico terrestre che ha mandato in tilt i dispositivi. Nel frattempo in Trafalgar Square a Londra avviene un altro fenomeno sospetto: tutti i piccioni della zona (che si orientano nel volo mediante il campo elettromagnetico) iniziano a disorientarsi e ad impazzire, fino a precipitare morenti contro i palazzi e creando panico e incidenti nella città. Anche lo shuttle Endeavour, a causa degli stessi disturbi nel campo elettromagnetico, accusa problemi alla strumentazione di bordo, tanto da dover effettuare, al rientro dallo spazio, un ammaraggio nel fiume di Los Angeles.

Inizialmente scettico dei risultati di Josh, il dottor Conrad Zimsky, noto scienziato e scrittore, convoca Josh al Pentagono per dichiarare quella che ha capito essere la realtà riguardo al destino della Terra: il campo elettromagnetico intorno al pianeta sta collassando perché il nucleo interno della Terra ha inspiegabilmente smesso di ruotare. A causa della progressiva scomparsa del campo elettromagnetico, non vi sarà più alcuna protezione contro le radiazioni cosmiche, che potranno letteralmente "arrostire" il pianeta, e Josh ritiene che, anche se ci fosse un metodo per rimettere in moto il nucleo, non sarebbe possibile raggiungerlo.
Sul punto di rinunciare a un piano per salvare la Terra, Zimsky, Josh e Serge si rivolgono a Edward "Braz" Brazzelton, un originale inventore che da anni ha in progetto una "nave" capace di penetrare nel sottosuolo per mezzo di un potente sistema di laser e ultrasuoni in grado di perforare la roccia, battezzata "Virgil", nonché un materiale noto come "Unobtainium", che, usato come rivestimento esterno, è estremamente resistente e riesce a convertire le elevate temperature e pressioni della Terra in energia per la nave.

Gli Stati Uniti d'America finanziano la costruzione della nave in pochi mesi sotto la supervisione di Braz, che si unirà all'equipaggio; Serge installa cinque potenti ordigni termonucleari destinati a far ripartire il nucleo, mentre Keyes sviluppa un'ottima tecnologia MRI per poter visualizzare l'ambiente esterno e guidare la nave, e arruola anche un hacker, Theodore "Ratto" Finch, molto giovane ma talmente abile da aver ricevuto 63 accuse di illecito informatico, che li aiuterà con le comunicazioni tra la nave e la superficie, ma anche e soprattutto ad evitare che la notizia dell'imminente disastro planetario si trasmetta velocemente via Internet e scateni il panico in tutto il mondo. La nave sarà pilotata da due astronauti, il comandante Robert "Bob" Iverson e il maggiore Rebecca "Beck" Childs (che avevano compiuto l'ammaraggio dello shuttle ad inizio film).

La nave si inabissa nella crosta terrestre in corrispondenza della Fossa delle Marianne e comincia il suo viaggio verso il centro della Terra. Durante l'attraversamento del mantello, dopo alcune ore in cui tutto era andato bene, il veicolo entra inaspettatamente all'interno di un gigantesco geode con guscio di cobalto pieno di grossi cristalli di ametista all'interno, e uno dei cristalli si incastra nei laser causandone il blocco. L'equipaggio è costretto ad uscire dall'entrata del propulsore (inondandola di azoto liquido preso dall'impianto di raffreddamento) per togliere il cristallo tagliandolo, tuttavia entrando nel geode Virgil ne ha indebolito il guscio, che si rompe, e l'interno comincia a riempirsi completamente di magma; l'equipaggio riesce comunque a liberare i laser e ad uscire dal guscio di cobalto appena in tempo, ma qui il comandante Iverson muore cadendo nel magma a causa di un cristallo che cade e gli si conficca proprio nella testa rompendogli il casco e provocandogli una perdita di pressurizzazione ed una grave emorragia. A questo punto dovrà essere Beck a pilotare la nave fino al nucleo.

In seguito si rende necessario entrare in una zona in cui il magma contiene grandi cristalli di diamante, uno dei quali colpisce la nave: il compartimento lesionato viene automaticamente espulso, e purtroppo Serge vi rimane intrappolato all'interno. Quando la nave raggiunge il nucleo esterno, l'equipaggio scopre che una grossa e unica detonazione non sarebbe bastata a farne ripartire il moto, pertanto si ipotizza un piano alternativo: chiamare la base operativa e far attivare DESTINO, un progetto top-secret del governo americano (in cui Zimsky è in realtà coinvolto) consistente in un enorme macchinario capace di propagare forti terremoti su zone precise attraverso il centro della Terra (DESTINO è l'acronimo di Dispositivo Energia Sismica Terrestre INterna Ondulatoria); pare però che sia stata proprio la sperimentazione di questo apparecchio a causare l'arresto della rotazione del nucleo della Terra, che origina tutti i problemi. Il suo utilizzo potrebbe avere effetti catastrofici, come l'esplosione di tutti i vulcani terrestri, ma sembra l'unica alternativa rimasta. Josh, conscio del rischio, convince tutti a far proseguire la missione di Virgil e chiede all'hacker Finch di sabotare i database di DESTINO, cosa che Finch riesce a fare appena in tempo, sottraendo tutta l'energia al macchinario pochi istanti prima che esso venisse azionato.

Zimsky a questo punto teorizza un'interferenza di più onde per far ripartire il nucleo: se le bombe venissero lanciate in punti precisi nel nucleo e fatte esplodere ad istanti precisi, l'interferenza reciproca delle onde d'urto riuscirebbe a generare la giusta energia. Insorge però un nuovo problema: a causa dell'elevata pressione le bombe non possono essere sganciate liberamente, perché fonderebbero subito, ma devono restare all'interno delle sezioni della nave fino a quando esploderanno, e Braz non ha progettato la nave per espellere i moduli se non sono danneggiati. L'unico sistema per poter liberare i "vagoni" da integri è sbloccare un comando idraulico situato nell'intercapedine alla temperatura nucleare di 9000 °F (valore pari a circa 4982 °C), quando le tute di protezione resistono fino alla metà di tale temperatura. Sarà Braz a sacrificarsi per questo, riuscendo ad entrare nell'intercapedine e a sbloccare il comando, per poi morire travolto dai gas roventi, anche se c'era ancora speranza di recuperarlo.

Zimsky e Keyes fanno sganciare le prime tre bombe innescate ma, a causa di un getto di energia dal nucleo, Zimsky rimane intrappolato nello scomparto poiché la quarta bomba è caduta e gli ha bloccato una gamba; decide così di farsi espellere con la bomba innescata, sacrificando la sua vita. L'ultima delle cinque bombe da sganciare, in base al calcolo di Zimsky, deve essere più potente delle altre per compensare la dispersione d'energia data dalla densità del nucleo esterno, minore di quella stimata, e l'unico modo possibile per potenziarla abbastanza è estrarre le barre di combustibile dal reattore di alimentazione della nave e posizionarle accanto all'ordigno. Poi, per trovare energia per la nave e sfuggire all'onda, Keyes e Beck, tra i quali sembra essere nato qualcosa, collegano i cavi elettrici alle pareti della nave che fungevano da schermo, trasformando l'immenso calore nell'energia sufficiente per far tornare la nave in superficie (la nave è ora ridotta a un solo modulo, quindi è molto più leggera, richiede meno energia e va molto più veloce).

Dopo le cinque grandi esplosioni nucleari, il nucleo riprende a girare salvando la Terra e tutti i suoi abitanti, e in tutto il mondo si avverte una forte scossa sismica.

A questo punto le autorità preferirebbero nascondere l'esistenza dell'operazione (temendo che si scoprano anche le loro dirette responsabilità per via di DESTINO), ma Finch, da un cybercafe, inserisce tutte le informazioni su Internet, così il mondo conoscerà la verità e potrà dare il giusto tributo ai quattro eroi morti nel tentativo, andato a buon fine, di far ripartire il nucleo per salvare il pianeta.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

A livello mondiale il film ha incassato 73 498 611 $ a fronte di un budget stimato in 60 milioni di dollari.[2]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto male dalla critica a causa degli effetti speciali scadenti (nonostante un budget consistente) e alle grandi imprecisioni scientifiche. Sul sito Rotten Tomatoes il film ha un indice di gradimento del 40% basato su 156 recensioni, con un voto medio di 5,2/10.[3]

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «Earth has a deadline.»
    «La Terra ha i giorni contati.»
  • «The only way out is in.»
    «L'unico modo per uscirne fuori è dentro.»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Poster The Core, MYmovies.it. URL consultato il 2 novembre 2014.
  2. ^ (EN) The Core, su Box Office Mojo. URL consultato il 22 aprile 2017. Modifica su Wikidata
  3. ^ (EN) The Core, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. URL consultato il 25 novembre 2017. Modifica su Wikidata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]