Swiftair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Swiftair
Logo
Swiftair Boeing 737-3Q8(SF).jpg
Stato  Spagna
Fondazione1986
Sede principaleMadrid
GruppoLUSAT AIR S.L.
Controllate
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.swiftair.com/
Compagnia aerea charter
Codice IATAWT
Codice ICAOSWT
Indicativo di chiamataSWIFT
HubMadrid
Flotta47 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Swiftair S.A. è una compagnia aerea con sede a Madrid, Spagna.[1] Opera voli di linea e charter sia passeggeri che cargo in Europa, Nord Africa e Medio Oriente. La sua base principale è l'aeroporto di Madrid-Barajas.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia aerea venne fondata nel 1986.[2] Possiede interamente la controllata Mediterranean Air Freight. Al 2021, Swiftair è un appaltatore delle Nazioni Unite per la Missione delle Nazioni Unite in Sudan.[3] Swiftair ha selezionato il Boeing 737-300F (esemplari convertiti da passeggeri a cargo) della Bedek Aviation (Israel Aerospace Industries) come base della sua futura flotta cargo europea. Il primo aereo è stato consegnato nel maggio 2007 in leasing da AWAS.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei Boeing 737-400 operati per la DHL.
Un ATR 72-200.

A dicembre 2021 la flotta di Swiftair è così composta[4]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
Y
ATR 42-300 6 cargo
ATR 72-200 9 cargo 1 operato per Air Europa.
68
ATR 72-500 9 cargo 1 operato per le Nazioni Unite.

3 operati per Air Europa Express.

68
Boeing 737-300(SF) 1 cargo
Boeing 737-400(SF) 11 cargo 4 operati per la DHL.
Boeing 737-800(BDSF) 1 cargo Operato per la DHL.[5]
Boeing 757-200(PCF) 2 cargo [6]
Boeing 757-200F 1 cargo [7]
Embraer EMB 120 7 cargo
Totale 47

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Swiftair operava in precedenza con i seguenti aeromobili[4][8]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A300B4 1 2005 2006
Boeing 737-300(BDSF) 5 2008 2016
McDonnell Douglas MD-83 7 2005 2015

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 28 luglio 1998, il volo Swiftair 704, uno Swearingen SA227-AC Metro III, stallò durante l'avvicinamento a Barcellona e precipitò, provocando la morte dei due piloti.[9]
  • Il 24 gennaio 2014, il volo Gryphon Airlines 094, un McDonnell Douglas MD-83 in leasing dalla Swiftair, distrusse alcune delle luci che erano entrate in contatto con l'ala destra dell'aereo durante un avvicinamento non stabilizzato. Non ci furono vittime, ma l'aereo venne ritirato dal servizio.[10]
  • Il 24 luglio 2014, il volo Air Algérie 5017, un McDonnell Douglas MD-83 in leasing dalla Swiftair, precipitò tra Gao e Kidal nel Mali, il 24 luglio 2014. Il McDonnell Douglas MD-83, con a bordo 110 passeggeri e 6 membri dell'equipaggio, scomparve dai radar 50 minuti dopo il decollo. Il velivolo era stato noleggiato dalla Air Algérie per fornirsi di capacità aggiuntiva durante la stagione estiva. Le vittime furono 116.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) CONTACT, su Swiftair. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  2. ^ (ES) SWIFTAIR, su Swiftair. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) PD/C0262/09 (7) | UN Procurement Division, su www.un.org. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  4. ^ a b (EN) Swiftair Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  5. ^ Marche EC-IXO.
  6. ^ Marche EC-NIU e EC-NIV.
  7. ^ Marche EC-NQJ.
  8. ^ (EN) Mahan Air Fleet | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  9. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Swearingen SA227-AC Metro III EC-FXD Barcelona Airport (BCN), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident McDonnell Douglas DC-9-83 (MD-83) EC-JJS Kandahar Airport (KDH), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident McDonnell Douglas DC-9-83 (MD-83) EC-LTV Gossi, su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]