Street Fighting Years

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Street Fighting Years
Artista Simple Minds
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 maggio 1989
Durata 61:54
Tracce 11
Genere Pop rock
Rock
Etichetta Virgin (Europa), A&M Records (Nord America)
Produttore Trevor Horn,
Steve Lipson
Registrazione marzo 1988 - marzo 1989
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi di platino Germania Germania[2]
(vendite: 1 000 000+)

Svizzera Svizzera[3]
(vendite: 100 000+)
Francia Francia (2)[4]
(vendite: 200 000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[5]
(vendite: 300 000+)

Italia Italia (4)[6]
(vendite: 400 000+)
Simple Minds - cronologia
Album precedente
(1987)
Album successivo
(1991)
Singoli
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 2.5/5 stelle[7]
CMJ buono[8]
Melody Maker buono[9]
Rolling Stone 2/5 stelle[10]
Q 2.5/5 stelle[11]
New Musical Express 7/10
Smash Hits 6/10[12]
Martin C. Strong 5/10[13]
Sunday Mail molto buono[14]

Street Fighting Years è l'ottavo album in studio del gruppo musicale scozzese Simple Minds, pubblicato nel 1989 dalla Virgin Records.

Il Disco[modifica | modifica wikitesto]

È l'ottavo album da studio realizzato dalla band scozzese e include i noti singoli Belfast Child, Mandela Day e Biko. Dotato di un sound potente ed epico, viene di norma considerato, assieme a New Gold Dream del 1982, il lavoro più riuscito e rappresentativo del gruppo guidato da Jim Kerr. La canzone iniziale, l'omonima Street Fighting Years è espressamente dedicata a Victor Jara[15], il noto musicista cileno ucciso dal regime di Pinochet, mentre l'ultima, la strumentale When Spirits Rise, figura soltanto nell'edizione in CD. Il disco si avvale inoltre di preziosi collaboratori fra i quali Lou Reed e Stewart Copeland, tuttavia è l'ultimo album dei Simple Minds dove figura il tastierista Michael MacNeil, fra i fondatori del gruppo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche dei Simple Minds, eccetto ove indicato.

  1. Street Fighting Years – 6:27
  2. Soul Crying Out – 6:09
  3. Wall of Love – 5:17
  4. This Is Your Land – 6:21
  5. Take a Step Back – 4:24
  6. Kick It In – 6:09
  7. Let It All Come Down – 4:53 (Giblin, Simple Minds)
  8. Mandela Day – 5:41
  9. Belfast Child – 6:45 (testo: Simple Minds - musica: trad.)
  10. Biko – 7:31 (Gabriel)
  11. When Spirits Rise – 2:01

L'edizione in vinile omette il brano strumentale When Spirits Rise.

Formazione[15][modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[15][modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Album
Classifica (1989) Posizione
Australia[16] 11
Austria[17] 3
Canada[18] 24
Europa 1
Germania Ovest 1
Italia 1
Norvegia[19] 4
Nuova Zelanda[20] 4
Paesi Bassi[21] 1
Regno Unito 1
Stati Uniti[22] 70
Svezia[23] 4
Svizzera[24] 1

Singoli

Singolo Classifica (1989) Posizione
Belfast Child Regno Unito 1
This Is Your Land Regno Unito 13
Stati Uniti (alternative) 12
Stati Uniti (radio rock) 37
Kick It In Regno Unito 15
The Amsterdam EP Regno Unito 18
Mandela Day Stati Uniti (alternative) 17
Take a Step Back Stati Uniti (alternative) 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold Platinum Database - Simple minds, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Scorpions; 'Crazy World'), swisscharts.com. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ ITALIAN BEST SELLERS 1987-2002, mjj.freeforumzone.leonardo.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  5. ^ ITALIAN BEST SELLERS 1987-2002, mjj.freeforumzone.leonardo.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  6. ^ ITALIAN BEST SELLERS 1987-2002, mjj.freeforumzone.leonardo.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) "Simple Minds: Street Fighting Years > Review", su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 October 2011.
  8. ^ Street Fighting Years – CMJ New Music (US), su CMJ New Music Report, CMJ. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  9. ^ Ian Gittins, The Higher Ground: Simple Minds – Street Fighting Years (JPG), su Melody Maker, IPC Media, 6 maggio 1989, p. 33. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  10. ^ Mark Coleman, Simple Minds: Street Fighting Years, in Rolling Stone, RS 556–557, Straight Arrow, 13 luglio 1989, ISSN 0035-791X. (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2007).
  11. ^ David Sinclair, Street Fighting Years, in Q, Bauer Media, June 1989, ISSN 0955-4955. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  12. ^ Mike Soutar, Street Fighting Years, in Smash Hits, Peterborough, UK, EMAP Metro, ISSN 0260-3004. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  13. ^ The Essential Rock Discography – Volume 1, 2006, p. 970.
  14. ^ Simple Minds – Street Fighting Years – Review, su Sunday Mail. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  15. ^ a b c (EN) dati ricavati dalla scheda dell'album (edizione europea) sul sito Discogs [1].
  16. ^ Simple Minds – Street Fighting Years, australian-charts.com. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  17. ^ (DE) Simple Minds – Street Fighting Years, austriancharts.at. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  18. ^ RPM 100 Albums, in RPM, Volume 50, No. 7, archived at Library and Archives Canada, 12 giugno 1989. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  19. ^ Simple Minds – Street Fighting Years, norwegiancharts.com. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  20. ^ Simple Minds – Street Fighting Years, charts.org.nz. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  21. ^ (NL) Simple Minds – Street Fighting Years, dutchcharts.nl. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  22. ^ (EN) "Street Fighting Years > Charts & Awards > Billboard Albums, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 October 2011.
  23. ^ Simple Minds – Street Fighting Years, swedishcharts.com. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  24. ^ (DE) Simple Minds – Street Fighting Years, hitparade.ch. URL consultato il 24 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica