Slava (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Slava
Moskva
Slava-Cruiser-DN-SC-86-03642.JPEG
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg
Naval Ensign of Russia.svg
Tipo incrociatore missilistico
Classe Slava
Proprietà Naval Ensign of the Soviet Union.svg Voenno-morskoj flot
Naval Ensign of Russia.svg Voenno-morskoj flot
Cantiere Nikolaev
Entrata in servizio 1983
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 9.300 t
a pieno carico: 11.280 t
Lunghezza 186 m
Larghezza 20,8 m
Altezza 6,28 m
Propulsione 2 turbine a gas; 71000 hp
Velocità 32,5 nodi
Autonomia 8070 nmi a 18 nodi
Equipaggio 485
Armamento
Artiglieria 2 cannoni da 130 mm,
6 x 6 mitragliere AK-630 AA
Siluri 2x5 tubi lanciasiluri da 533 mm
Missili 8 x 2 Bazalt (SS-N-12 Sandbox),
8 x 8 Fort (SA-N-6 Grumble),
2 x 2 Osa (SA-N-4)
Mezzi aerei 1 Ka-27

dati tratti da [1] e [2]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

Lo Slava, adesso Moskva (Москва, nome russo della città di Mosca) è un incrociatore lanciamissili della Classe Slava, Progetto 1164 Atlant, realizzato in Unione Sovietica ed entrato in servizio nel 1983. Il nome Слава, "gloria" in russo, è stato portato in passato da una corazzata predreadnought, la Slava del 1905.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il crollo dell'URSS trovò questa unità in raddobbo ed a causa della carenza di fondi, i lavori si sono protratti quasi per tutti gli anni novanta, rimanendo in cantiere a Nykolaev 1998[2]; la nave è tornata in servizio con lo hull number 121 nell'aprile 2001. Attualmente è la nave ammiraglia della Flotta Russa del Mar Nero[2].

All'inizio di aprile del 2003, il Moskva, insieme con le navi Pytlivy, Smetlivy ed una nave da sbarco lasciò Sebastopoli per esercitazioni nell'Oceano Indiano insieme ad una task group della Flotta russa del Pacifico (Marshal Shaposhnikov e Admiral Panteleyev) e la marina indiana.[3] La forza era supportata dalla petroliera di squadra del tipo Progetto 1559V Ivan Bubnov e dal rimorchiatore oceanico di tipo Progetto 712 Shakhter.

In agosto 2008, in risposta alla crisi georgiana del 2008, il Moskva fu dispiegato con compiti di protezione nel Mar Nero.[4][5][6] Dopo il riconoscimento da parte russa dell'indipendenza dell'Abkhazia, la nave è stata dislocata nella capitale abkaza Sukhumi.[7]

Il 3 dicembre 2009 il Moskva è stato posto per un mese nel bacino galleggiante PD-30 per una manutenzione programmata intermedia comprensiva della sostituzione degli impianti di raffreddamento e altre attrezzature, lavori di pulizia e ripitturazione su carena e fiancate ed altre parti dello scafo sopra il galleggiamento, eliche ed assi propulsivi.

In aprile 2010 è stato riferito che l'incrociatore si sarebbe unito ad altre unità navali per una esercitazione nell'oceano Indiano[8].

Dal settembre 2015 l'incrociatore è stato dislocato nel porto di Tartus, in Siria, con una scorta di cinque navi e un sottomarino d'attacco, per svolgere un'azione di supporto all'intervento militare russo varato il 30 settembre 2015 a sostegno del presidente Bashar al-Assad nella guerra civile siriana.

tubi di lancio per i missili SS-N-12

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Project 1164 Atlant, su russianships.info. URL consultato il 24 novembre 2015.
  2. ^ a b c Krasina / Slava Class - Project 1164
  3. ^ Richard Scott, 'Russia deploys naval squadron to Indian Ocean,' Jane's Defence Weekly, 16 April 2003, 6
  4. ^ http://invasionintogeorgia.org/news/black-sea-fleet-moving-towards-georgia/1014.html
  5. ^ Russian Navy carries out Black Sea anti-terror exercise | Russia | RIA Novosti
  6. ^ Russian navy blockade Georgia _English_Xinhua
  7. ^ http://www.presstv.ir/detail.aspx?id=68380&sectionid=3510304
  8. ^ Russia sends additional missile cruiser to Indian Ocean | Military & Intelligence | RIA Novosti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]