STS-51-F

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
STS-51-F
Emblema missione
STS-51-F patch.svg
Dati della missione
Operatore NASA
Numero di catalogazione 1985-063A
SCN 15925
Shuttle Challenger
Lancio 29 luglio 1985 5:00:00 p.m. EDT (21:00:00 UTC)
Luogo lancio complesso di lancio 39 (rampa 39A)
Atterraggio 6 agosto 1985 12:45:26 p.m. PDT (19:45:26 UTC)
Luogo atterraggio Edwards Air Force Base (pista 23)
Durata 7 giorni, 22 ore, 45 minuti e 26 secondi
Proprietà veicolo spaziale
Peso al lancio 114 693 kg
Peso al rietro 98 309 kg
Peso del carico 16 309 kg
Parametri orbitali
Orbita orbita terrestre bassa
Numero orbite 127
Apogeo 321.1 km
Perigeo 312.1 km
Periodo 90.9 min
Inclinazione 49.5°
Equipaggio
Numero 7
Membri Gordon Fullerton
Roy Dubard Bridges
Karl Henize
Story Musgrave
Anthony England
Loren Acton
John-David F. Bartoe
STS-51-F crew.jpg
Di fronte (seduti) da sinistra a destra: Fullerton, Bridges. Dietro (in piedi) da sinistra a destra: England, Henize, Musgrave, Acton, Bartoe
Programma Space Shuttle
Missione precedente Missione successiva
STS-51-G STS-51-I

La STS-51-F è una missione spaziale del Programma Space Shuttle.

È stata la diciannovesima missione del programma Shuttle e l'ottava che ha visto volare la navetta Challenger.

Il lancio ebbe luogo il 29 luglio del 1985, dopo che il decollo previsto per il 12 luglio era stato sospeso a T-3 secondi dopo l'accensione degli SSME per un problema riscontrato in essi. Anche il secondo lancio incontrò problemi, questa volta a causa dei motori principali. Fu l'unica missione shuttle a dover utilizzare una procedura di emergenza in fase di decollo, più precisamente una "ATO" (Abort To Orbit), che gli permise comunque di raggiungere un'orbita stabile più bassa. Il rientro si ebbe il 6 agosto, alle 12:45:26 p.m. PDT, atterrando alla Edwards Air Force Base, in California. La navetta fece poi ritorno al Kennedy Space Center l'11 agosto.

La missione fu molto pubblicizzata per via del Carbonated Beverage Dispenser Evaluation un distributore di bevande gassate sponsorizzato dalla Coca-Cola e dalla Pepsi, messo a bordo della navetta.

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi il numero di voli spaziali completati da ogni membro dell'equipaggio, inclusa questa missione.

Parametri della missione[modifica | modifica wikitesto]

Il pannello comandi del Challenger in modalità ATO.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica