Corpo di polizia locale di Roma Capitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Polizia Roma Capitale)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Roma Capitale.

Corpo di polizia locale
di
Roma Capitale
2june 2007 577.jpg
Agenti motociclisti della Polizia locale di Roma alla parata del 2 giugno 2007 su BMW R 1150 RT d'ordinanza
Descrizione generale
Attiva 3 ottobre 2010
Nazione Italia Italia
Servizio polizia municipale
Tipo polizia locale civile
Numero di emergenza 06.67691 (Sala Operativa LUPA)
Comando generale Via della Consolazione, 4
00186 - Roma
Dimensione 6.500
Soprannome "vigili urbani" "Pizzardoni"
Sito internet Corpo di polizia locale di Roma Capitale
Parte di
Comandanti
sindaco Virginia Raggi
Comandante generale Diego PORTA

[senza fonte]

Voci di enti pubblici presenti su Wikipedia

Il Corpo di polizia locale di Roma Capitale (già Polizia municipale di Roma), conosciuto più informalmente come Corpo dei vigili urbani di Roma, è il servizio di polizia municipale di Roma Capitale.

Conta circa 6 000 unità tra istruttori, funzionari e dirigenti, e si occupa insieme alle forze di polizia italiane della sicurezza in piazza San Pietro nella Città del Vaticano.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Comando generale[modifica | modifica wikitesto]

Il comando generale organizza, coordina, controlla e supporta del corpo ottemperando alle direttive del sindaco di Roma. Il Comando è organizzato uffici e unità organizzative di staff e tre direzioni di coordinamento.

Gruppi[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione territoriale è strutturata in gruppi (unita organizzative). I gruppi territoriali espletano l'attività polizia stradale, polizia amministrativa, polizia urbana, polizia edilizia, ambientale e giudiziaria, nonché le funzioni di pubblica sicurezza in ausilio alle forze di polizia dello Stato elencate nella legge n°121/81.

Sono inoltre presenti gruppi che operano sull'intero territorio comunale, tra cui il GSSU (Gruppo sicurezza sociale ed urbana), il GPIT (Gruppo pronto intervento traffico) e lo SPE (Sicurezza pubblica ed emergenziale).

I Gruppi GSSU e SPE svolgono principalmente attività di contrasto all'abusivismo commerciale, sgombero patrimonio abitativo comunale occupato abusivamente, tutela decoro urbano, controllo campi nomadi e polizia giudiziaria, mentre il GPIT svolge un servizio specifico di polizia stradale oltre a fornire le scorte stradali in primis con personale motomontato.

Qualifiche del personale[modifica | modifica wikitesto]

Gli appartenenti al Corpo rivestono le seguenti qualifiche:

  • pubblico ufficiale ai sensi dell'art. 357 del codice penale,
  • agente di polizia giudiziaria ai sensi dell' art. 57 comma 2 lettera b del codice di procedura penale,
  • ufficiale di polizia giudiziaria ai sensi dell' art. 5 comma 1 legge 07/03/1986 n 65,
  • agente di pubblica sicurezza ai sensi dell' art 5 comma 2 legge 07/03/1986 n 65,
  • agente addetto al servizio di Polizia Stradale ai sensi dell'art. 12 del codice della strada)

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Fiat Grande Punto con la livrea del Corpo di polizia locale di Roma Capitale
  • polizia amministrativa locale, urbana e rurale
  • sicurezza urbana e funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza
  • polizia stradale
  • tutela del consumatore, polizia sanitaria, veterinaria e mortuaria
  • vigilanza sull'igiene e la somministrazione di cibi e bevande
  • tutela urbanistica e polizia edilizia
  • polizia ambientale, demaniale e tutela degli animali
  • polizia giudiziaria
  • missioni di soccorso, protezione civile e servizi di rappresentanza
  • accertamenti e informazioni relativi alle attività istituzionali dell'ente locale (accertamenti anagrafici ecc)
  • evasione ed elusione dei tributi locali

L'attività di polizia stradale, al fine di garantire e preservare la Sicurezza stradale, consiste nella prevenzione, accertamento e repressione degli illeciti inerenti al codice della strada, il trasporto pubblico locale, taxi e noleggio di veicoli, regolazione e fluidificazione del traffico e della viabilità, rilevazione di incidenti stradali e infortunistica stradale, rimozione di veicoli che creino intralcio, occupazione abusiva di posti invalidi, uso improprio dei Pass Disabili, rilevazione della velocità mediante autovelox fissi e mobili, guida sotto l'effetto di sostanze alcoliche, psicotrope e stupefacenti, falsificazione di patenti, libretti di circolazione e targhe, espletamento di scorte.

Il Corpo della polizia locale di Roma Capitale vanta alcuni reparti operativi che operano su tutto il territorio di Roma.

Nell'ambito della sicurezza socio-ambientale e urbana, la polizia locale di Roma svolge attività di Polizia nel contrastare illeciti amministrativi e penali in materia edilizia e urbanistica (abusivismo edilizio, tutela del territorio anche con l'ausilio del Reparto Volo), in materia ambientale (repressione dei reati a danno della natura, dell'ambiente e degli animali, la salvaguardia del patrimonio arboreo, incendi boschivi, scarichi illeciti di acque reflue e smaltimento e trasporto illecito di rifiuti, inquinamento acustico ed elettromagnetico, con il supporto tecnico del personale ARPA), in materia urbana e sociale (perseguimento degli atti di vandalismo, insediamenti abusivi, monitoraggio e controllo dei campi nomadi e dell'evasione scolastica, tutela dei soggetti fragili e dei minori, occupazioni abusive degli immobili del patrimonio comunale destinati all'assistenza alloggiativa, prostituzione, sfruttamento di minori e disabili nei fenomeni di accattonaggio minorile, microcriminalità).

Nell'ambito delle attività di polizia giudiziaria e di Sicurezza Urbana il personale del Corpo espleta numerose indagini d'iniziativa e su delega dell'Autorità Giudiziaria.

La Sezione di pronto intervento centrostorico-decoro urbano (PICS) ha il compito di contrastare i fenomeni e i comportamenti illeciti che compromettono il decoro urbano della città (abbandono indiscriminato di rifiuti urbani, ingombranti, speciali e pericolosi; affissioni abusive, mancata raccolta delle deiezioni canine e violazione delle norme contenute nel Regolamento di polizia urbana e di igiene; discariche abusive e abbandono di veicoli su suolo pubblico e in aree protette, tutela delle aree verdi, dei giardini comunali e dei parchi, l'azione vandalica dei graffitisti).

Il Servizio di Ricognizione Aerea e sorveglianza del territorio comunale con l'Elicottero, attivo dall'anno del Giubileo, il cui personale attraverso il controllo e il monitoraggio dall'alto, mediante rilievi fotografici e video, identifica campi nomadi abusivi, insediamenti e accampamenti abusivi nelle aree boschive, incendi boschivi, inquinamento del suolo e delle acque, e dando supporto quotidiano nelle attività di Polizia Stradale. Attualmente il Servizio di Ricognizione Aerea è svolto in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, in seguito alle polemiche scaturite sugli eccessivi costi da sostenere (4 milioni di euro l'anno).

La Sezione Arce Capitolina espleta funzioni di vigilanza all'interno e all'esterno del Campidoglio, sede dell'Assemblea Capitolina Consiliare e del sindaco, prestando servizio d'ordine e d'onore per lo svolgimento delle attività istituzionali del Consiglio Comunale e della Giunta Capitolina.

Le attività svolte nel settore della Polizia Amministrativa comprende la Tutela del Consumatore, la Polizia Commerciale e Annonaria. Il personale della Polizia di Roma Capitale vigila pertanto sulla prevenzione e repressione degli abusi e degli illeciti di natura amministrativa e penale compiuti nel settore del commercio e del turismo, a danno della tutela del consumatore, dei turisti e della salute dei cittadini: abusivismo commerciale, merce contraffatta, prodotti alimentari scaduti e sofisticati, somministrazione e igiene di alimenti e bevande, vendita di prodotti pericolosi, verifiche sulla regolare e lecita attività delle guide turistiche e delle strutture ricettive, le agenzie d'affari e di viaggi, le affissioni e gli impianti pubblicitari abusivi, manutenzione di ascensori e montacarichi e tutto quanto previsto dal TULPS nelle norme delegate ai Comuni. La Polizia Amministrativa Locale si occupa anche del controllo sull'evasione dei tributi locali (COSAP, IMU, TARI).

L'attività svolta nell'ambito della Polizia Urbana è strettamente legata al Regolamento Comunale di Polizia Urbana, che stabilisce norme e divieti al fine di garantire il pacifico svolgimento della vita cittadina, la sicurezza e l'incolumità dei cittadini, la tutela delle aree verdi, dei parchi comunali, del patrimonio storico-artistico della Capitale, le occupazioni di suolo pubblico, l'ordine e la quiete pubblica, l'esercizio di mestieri sul suolo pubblico ecc. Ad ogni violazione e trasgressione, corrisponde una sanzione amministrativa di natura pecuniaria.

La polizia locale di Roma Capitale, essendo un Corpo di polizia locale, ha numerosi altri compiti istituzionali: accertamenti anagrafici, polizia sanitaria, veterinaria e mortuaria, quest'ultimo settore disciplinato da un apposito Regolamento Comunale. Svolge inoltre un servizio di ausilio alla guardia medica attivo 24 ore su 24, come nel caso dell'esecuzione coattiva del trattamento sanitario obbligatorio, disposto con provvedimento del sindaco, in qualità di Autorità Sanitaria Locale, su proposta motivata del medico. La polizia locale di Roma gestisce anche l'Ufficio oggetti smarriti e rubati rinvenuti.

Spetta alla Polizia di Roma Capitale far rispettare le ordinanze emanate dal sindaco, atte a contrastare i fenomeni di degrado urbano, abusivismo commerciale, illecite occupazioni di suolo pubblico. Alcuni esempi di OS vigenti fino al 30 gennaio 2013 riguardano "Disposizioni per contrastare atti vandalici di danneggiamento e/o imbrattamento del patrimonio pubblico e della proprietà privata"; "Disposizioni per la tutela del decoro urbano", "Prevenzione e Repressione degli schiamazzi, rumori, igiene e pulizia degli spazi pubblici" mentre sarà in vigore fino al 30 settembre 2012 in alcuni quartieri in cui si concentra la Movida romana il "Divieto di vendita al dettaglio o per asporto di bevande alcoliche". L'ultima ordinanza, recante la firma del sindaco di Roma Gianni Alemanno, riguarda "Disposizioni urgenti per garantire la tutela delle aree di pregio del centro storico": in base al provvedimento, fino al 31 dicembre 2012 nelle aree “di particolare pregio storico, artistico, architettonico e culturale ricomprese nel perimetro della città storica di Roma” è fatto divieto di bivaccare, sistemare giacigli e sostare per consumare cibi o bevande e le sanzioni amministrative sono comprese tra 25 e 500€. Le Ordinanze, se necessario, vengono prorogate di volta in volta fino a cessate esigenze.

Le sanzioni amministrative sono comprese tra 50 e 500€, a seconda della violazione e dell'illecito compiuto.

La Centrale operativa, attiva 24 ore su 24, gestisce le chiamate e le richieste di intervento e di emergenza ed è il centro di coordinamento delle attività della polizia locale di Roma Capitale, è in collegamento con le Centrali Operative della Questura, dei Carabinieri, dei Vigili del fuoco, del Corpo forestale dello Stato, del 118 e della Protezione civile.

La Polizia di Roma Capitale ha istituito la Sezione di polizia giudiziaria nelle Procure della Repubblica presso il tribunale ordinario, il tribunale per i minorenni di Roma e il giudice di pace: le sezioni sono costituite da personale del Corpo e svolge attività investigativa su delega dell'Autorità Giudiziaria.

La Sezione di polizia giudiziaria della polizia locale Roma Capitale presso la Procura è stata insignita del premio Sicurezza Urbana per la migliore operazione di servizio effettuato dal nucleo investigativo costituito da sette appartenenti al Corpo che, dopo un anno di indagini, ha scoperto e interrotto un giro di affari illeciti per circa sette milioni di euro. Una “società-fantasma” vendeva fittiziamente case del Comune, alcune anche di pregio, sfruttando l'immagine del Campidoglio con falsa documentazione catastale. L'operazione che è stata coordinata dal giudice Alberto Caperna, recentemente scomparso, si è svolta tra l'Italia e la Croazia e ha portato all'arresto di tre pluripregiudicati, con oltre dieci denunce per avvocati, commercialisti e altri operatori finanziari.

Armamento e dotazione strumentale[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti e ufficiali armati hanno assegnata in via continuativa la pistola semiautomatica Beretta 84 FS Cheetah, inoltre tutti gli appartenenti al Corpo hanno in dotazione individuale manette e spray antiaggressione "key defender".

Gradi[modifica | modifica wikitesto]

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Funzionari[modifica | modifica wikitesto]

Istruttori[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2004 la cattura di Luciano Liboni, dopo una lunga latitanza caratterizzata da vari crimini, è avvenuta grazie all'intervento della polizia municipale di Roma. Una signora segnalò la presenza di Liboni in prossimità del Circo Massimo ad una Vigilessa la quale chiese supporto a due colleghi Agenti motociclisti della polizia municipale: questi ultimi iniziarono a pedinare il sospettato senza farsi vedere, e una volta appurato che si trattava di Liboni, chiesero ausilio ad una pattuglia di Carabinieri motociclisti, prima che il sospettato potesse entrare nella stazione della metropolitana. Liboni prese in ostaggio una famiglia francese in visita nella Capitale e in quell'occasione morì in un scontro a fuoco con le forze dell'ordine. In quel periodo la quasi totalità del personale del Corpo della polizia municipale non aveva in dotazione l'arma da fuoco di ordinanza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]