Pelham 123 - Ostaggi in metropolitana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pelham 123 - Ostaggi in metropolitana
Pelham 123 screenshot.jpg
Una scena del film
Titolo originaleThe Taking of Pelham 123
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2009
Durata106 minuti
Genereazione, thriller
RegiaTony Scott
SoggettoJohn Godey (romanzo)
SceneggiaturaBrian Helgeland
ProduttoreTodd Black, Tony Scott, Jason Blumenthal, Steve Tisch, Don Ferrarone, John Wildermuth, Richard Baratta
Produttore esecutivoBarry Waldman, Michael Costigan, Ryan Kavanaugh, Linda Favila, Anson Downes
Casa di produzioneRelativity Media, Escape Artists, Scott Free Productions
Distribuzione in italianoColumbia Pictures, Metro-Goldwyn-Mayer, Sony Pictures
FotografiaTobias Schliessler
MontaggioChris Lebenzon
MusicheHarry Gregson-Williams
ScenografiaChris Seagers
CostumiRenée Ehrlich Kalfus
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Pelham 123 - Ostaggi in metropolitana (The Taking of Pelham 123) è un film del 2009 diretto da Tony Scott e sceneggiato da Brian Helgeland.

Il film è il terzo adattamento cinematografico del romanzo thriller Il colpo della metropolitana scritto da Morton Freedgood, sotto lo pseudonimo di John Godey. Il primo adattamento risale al 1974, Il colpo della metropolitana (Un ostaggio al minuto), diretto da Joseph Sargent con Walter Matthau e Robert Shaw; nel 1998 ne fu invece realizzato un adattamento televisivo sempre col titolo Il colpo della metropolitana.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un gruppo di uomini pesantemente armati prende possesso del treno Pelham 123 della linea 6 della metropolitana di New York. Il nome deriva dal fatto che il treno è partito dalla stazione di testa della metropolitana Pelham Bay Park alle ore 1:23 p.m.

Il gruppo è guidato da un uomo che si fa chiamare Ryder (nome vero: Dennis Ford, manager di un fondo di investimento finito in prigione per truffa). Gli altri componenti del gruppo sono Bashkin, Emri e un ex macchinista della metropolitana Phil Ramos. I banditi una volta sconnessa la vettura di testa dal resto del treno, prendono in ostaggio 18 passeggeri, mentre quelli delle altre carrozze che non possono essere tenuti sotto controllo dai banditi vengono rilasciati. Il capo dei dirottatori detta le sue condizioni: 10 milioni di dollari entro 60 minuti, altrimenti per ogni minuto di ritardo ucciderà un ostaggio.

A trattare con i dirottatori si trova Walter Garber, un dirigente della metropolitana caduto in disgrazia per un'accusa per tangenti e finito, in attesa della fine delle indagini, allo smistamento del traffico ferroviario.

Intanto del dirottamento viene informato anche il sindaco della città che decide di collaborare con i sequestratori.

I sequestratori riescono a collegarsi a una rete portatile wireless che permette loro, tramite un computer, di avere contatti col mondo esterno. Questo fa sì che un ragazzo, in possesso di un computer e di una webcam, riesca a trasmettere alla sua ragazza tutto quello che succede sul treno.

Dopo una serie di vicissitudini, Garber è costretto ad uccidere Ryder e può finalmente tornare dalla sua famiglia.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Denzel Washington interpreta Walter Garber, direttore del traffico. Il ruolo interpretato da Walter Matthau nel film del 1974 e da Edward James Olmos nel film del 1998 era quello di tenente della Polizia Trasporti.
  • John Travolta interpreta Dennis "Ryder" Ford, il leader dei dirottatori. Il ruolo è stato inizialmente svolto da Robert Shaw nel film del 1974. La partecipazione di Travolta è stata fortemente voluta dal regista, Tony Scott.
  • James Gandolfini invece è il sindaco della città di New York, sotto forte pressione per affrontare la crisi degli ostaggi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La produzione del film è iniziata nel marzo 2008. Le scene del dirottamento sono state girate a McDonald Avenue a Brooklyn, New York

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante il film, Ryder (John Travolta) appella più volte il detective Camonetti (John Turturro) come "pizzaiolo del cazzo". Le stesse colorite affermazioni venivano usate, sempre contro Turturro, nel film Fa' la cosa giusta di Spike Lee.
  • Sempre verso Spike Lee è presente un ulteriore citazione, quando Garber (Denzel Washington) comincia a trattare con Ryder sulla condizione degli ostaggi, il primo risponde di "non cominciare a mandare pizze", citazione del film Inside Man, in cui lo stesso Denzel Washington era uno dei protagonisti.
  • Nel film nella prima scena in cui compare il sindaco di New York (James Gandolfini), nomina il Dr. Katz, citando I Soprano (in cui era presente il medico omonimo). Inoltre, quando ammonisce il suo assistente, lungo il tragitto verso la sede del Centro Controllo Ferroviario, gli dice che "il costume di Rudy Giuliani l'ha lasciato a casa", riferendosi all'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, di cui Gandolfini era grande amico.
  • All'inizio del film nella stanza del superiore di Garber si può notare una gigantografia dell'attore George Clooney insieme a una capra. Ciò è chiaramente un omaggio al film L'uomo che fissa le capre di cui Clooney è protagonista.
  • Quando il tenente Staley fornisce a Garber una pistola questa è una Walther PPK/s in calibro 9mm corto (.380 ACP). Nella scena in cui uccide Ryder la pistola diventa una Kahr K9 molto probabilmente in calibro 9x19.
  • Dopo il film del 1974, al fine di evitare psicosi, la New York City Transit Authority, l'autorità che gestisce i trasporti pubblici di New York, proibì che nell'orario dei treni potesse esserci un treno che lascia la stazione di Pelham Bay Park alle ore 1:23 A.M. o 1:23 P.M..[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jim Dwyer, Subway lives : 24 hours in the life of the New York City subway, New York, Crown, 1991, ISBN 0-517-58445-X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema