Nello Malizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nello Malizia
Nello Malizia - AC Perugia 1975-76.jpg
Malizia al Perugia nella stagione 1975-1976
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1989 - giocatore
Carriera
Giovanili
Maceratese
Squadre di club1
1970-1974 Maceratese 78 (-81)
1974-1982 Perugia 133 (-108)
1982-1983 Cagliari 26 (-27)
1983-1984 Padova 32 (-20)
1984-1988 Atalanta 7 (-?)
1988-1989 Orceana 25 (-25)
Carriera da allenatore
1992-1993 Atalanta Vice
1993-2009 Atalanta Portieri
2011-2015 Aurora Seriate Portieri
2015-2016 non conosciuta San Marco Juventina Portieri Giov.
2016- Virtus Bergamo Portieri
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 luglio 2017

Nello Malizia (Montenero di Bisaccia, 30 luglio 1950) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato in Molise, ma sin da piccolo ha vissuto con la famiglia a Potenza Picena, un comune della provincia maceratese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Calcisticamente parlando, Malizia è cresciuto nel vivaio della Maceratese; coi biancorossi ha portato avanti una lunga gavetta, tra i campi di Serie C e Serie D.

Un'uscita di Malizia in Juventus-Perugia (1-2) del 22 ottobre 1978

Nell'ottobre del 1974 è approdato in Serie B, nelle fila del Perugia, in qualità di riserva di Roberto Marconcini; in questa stagione, anno della storica promozione in Serie A della squadra umbra, ha collezionato 10 presenze. Partito Marconcini, nel 1977-1978, la maglia da titolare è diventata sua. Un infortunio subito durante il torneo[senza fonte] diede spazio al suo secondo Marcello Grassi, neoacquisto; una volta guarito, Malizia, approfittando a sua volta di un infortunio del suo collega, riprese il posto di estremo difensore della squadra tra i pali. Nella stagione 1978-1979 fu uno dei protagonisti del cosiddetto Perugia dei miracoli, la prima formazione nella storia del calcio italiano a chiudere il campionato imbattuta, al 2º posto in classifica. Malizia è rimasto in Umbria anche dopo la retrocessione della squadra in cadetteria del 1981, difendendo la porta perugina fino al termine dell'annata successiva.

Per la stagione 1982-1983 venne ceduto al Cagliari, tornando così ad esibirsi nella massima serie. Dopo un anno, Malizia passò al Padova e a seguire giocò per quattro stagioni nell'Atalanta, facendo da vice ad Ottorino Piotti. Concluse l'attività agonistica nell'Orceana, in Serie C2.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 è entrato nello staff tecnico dell'Atalanta diventandone il preparatore dei portieri, attività che ha svolto fino al termine della stagione 2008-2009.[1]

Nel 2011 è diventato il preparatore dei portieri dell'Aurora Seriate, squadra bergamasca di Serie D,[2] mantenendo il ruolo fino al termine della stagione 2014/15.[3] Nella stagione 2015/16 ha allenato i portieri delle giovanili della San Marco Juventina.[4]

Nella stagione 2016/17 è entrato nello staff tecnico di Armando Madonna alla Virtus Bergamo, venendo riconfermato anche per la stagione successiva.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Perugia: 1974-1975

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Perugia: 1978

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atalanta, Nello Malizia costretto a fare le valigie, in bergamonews.it, 11 giugno 2009. URL consultato il 24 luglio 2017.
  2. ^ Serie D, l’Aurora Seriate s’iscrive, bergamoesport.it, 3 luglio 2013. URL consultato il 5 luglio 2013.
  3. ^ Serie D, tutti i nomi dell’Aurora Seriate: organigramma, staff tecnico e rosa, in bergamoesport.it, 12 agosto 2014. URL consultato il 24 luglio 2017.
  4. ^ Dalla San Marco Juventina al Perugia col sigillo di Malizia: «Bocci ha tutto per sfondare», in umbria24.it, 9 agosto 2016. URL consultato il 24 luglio 2017.
  5. ^ Virtus Bergamo: Armando Madonna riconfermato alla guida dei Bianconeri, in valseriananews.it, 12 luglio 2017. URL consultato il 24 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Intrepido (anno 1978)
  • Dizionario del Calcio Italiano (Marco Sappino – Baldini & Castoldi srl – 2000)
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta - Vol 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.