Museo civico archeologico Giovanni Rambotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo civico archeologico "Giovanni Rambotti"
Museo Archeologico Giovanni Rambotti 01.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàDesenzano del Garda
IndirizzoVia Tommaso Dal Molin 7/c
Caratteristiche
TipoMuseo archeologico
Apertura1990
Sito web

Coordinate: 45°28′05.59″N 10°32′38.15″E / 45.46822°N 10.54393°E45.46822; 10.54393

Il Museo civico archeologico Giovanni Rambotti è un museo, con sede a Desenzano del Garda, che raccoglie i manufatti palafitticoli rinvenuti nella zona attorno al Benaco e risalenti originariamente ad un'epoca che spazia dal Paleolitico all'età del Bronzo.

È dedicato a Giovanni Rambotti, primo sindaco del comune e tra i primi ad interessarsi agli scavi archeologici del bacino della Polada. La sede è situata presso l'ex convento di santa Maria del Carmine.

Aderisce alla rete MaNet, che opera dal 2004.

Il museo civico archeologico Giovanni Rambotti mette in risalto i primi scavi eseguiti dagli anni '70 del XX secolo, grazie ai quali si sono potuti conoscere diversi siti mesolitici nelle valli bresciane e nell'anfiteatro morenico del Garda e studiare l'evoluzione dal Sauveterriano antico sino al Neolitico. Le ricerche di maggior importanza sono state svolte dal gruppo archeologico di Desenzano. Altre scoperte si sono susseguite nella Val d'Agide e nei fondovalle alpini, grazie soprattutto a sistematiche ricerche di superficie; meno conosciuta risulta invece l'area occidentale, interessata solo di recente da ricerche mirate all'individuazione di siti mesolitici.

Storia del museo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo fu inaugurato nel 1990.

Cenni di storia locale[modifica | modifica wikitesto]

Il Mesolitico dell'Italia settentrionale[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo Mesolitico si utilizzavano per lo più sostanze coloranti e oggetti ornamentali, in particolare conchiglie marine e d'acqua dolce, vertebre di pesci, canini di cervo, frammenti di ossa o ciottoli utilizzati come ciondoli di collane o bracciali nei capi di vestiario. A Riparo Gaban sono stati rinvenuti manufatti artistici che erano stati posizionati all'interno di buche manomesse già in età mesolitica. Si conosce anche una sepoltura che è stata ritrovata nel sito di Mondelav de Sora, a 2150 m di altitudine. L'inumato era un uomo mesolitico, appartenente al tipo Cro-Magnon già presente in Europa durante il Paleolitico superiore. La parte inferiore del corpo era ricoperta di pietre vulcaniche e marna calcarea. Sul lato destro vi erano tracce di ocra rossa, su quello sinistro un gruppo di 33 reperti, tra cui alcuni strumenti di selce, ciottoli di calcare, un arpione e altri manufatti in osso e corno.

Collezioni e allestimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi reperti, sono presenti alcuni oggetti in legno come vasi, piatti e frammenti di travi; numerosi sono gli oggetti in pietra ricavati dall'arte della scheggiatura, come le parti di un telaio in legno.

Secondo il sito del museo, l'istituto ospita l'aratro completo più antico del mondo il quale risalirebbe all'età del Bronzo (2000 a.C.).

I gioielli[modifica | modifica wikitesto]

Gioielli conservati al museo di Desenzano

Fin dal paleolitico i cacciatori usavano ornarsi con gioielli realizzati con pietre e conchiglie, questa usanza continuò per molto tempo, fino alla scoperta dei metalli. Nelle epoche più antiche si usavano soprattutto collane e ciondoli, usati sia dalle donne che dagli uomini. Si pensa che ad essi fosse attribuito un valore apotropaico, ovvero per tenere lontano spiriti maligni. Dall'età del bronzo si aggiunsero anche bracciali, catenelle, anelli, e spilli di varie forme. Sono stati ritrovati reperti molto rari di pendagli ricavati da denti di animali e da pezzi di conchiglie. Nell'Attica e nella media età del bronzo viene attestato che c'era l'uso di monili d'osso ottenuti probabilmente dalla lavorazione di minerali; inoltre viene attestato anche l'uso di tecniche più avanzate e un gusto più raffinato (lo confermano i reperti di collane di calcite ritrovate nelle tombe). Tra i gioielli che usavano nell'antichità sono stati trovati reperti di FIBULE. La fibula era una sorta di spilla per fermare gli indumenti (maschili e femminili). Quest'oggetto può avere più funzioni in base al tipo di abbigliamento. Essa entra in uso grazie alle popolazioni mediterranee e dell'Europa continentale a partire dalla tarda età del bronzo.

Le palafitte[modifica | modifica wikitesto]

Modello di Palafitta preistorica al M.G.Rambotti

La casa veniva costruita su palafitte, le più antiche su pali singoli. L'acqua era bassa per poter costruire palafitte, che spesso venivano posizionate su rive dove la costruzione era più agevole. Per costruire si usava un plinto, nel quale si infilava un palo. Si costruivano le case su palafitte per difendersi dagli attacchi di animali selvaggi e da frequenti inondazioni. A Fiavè (in provincia di Trento, nell'Italia settentrionale) sono stati ritrovati due villaggi, i quali risalgono uno al Bronzo Medio Avanzato, l'altro al Bronzo Antico e Medio.

  • Il primo villaggio, quello risalente al Bronzo Antico e Medio, si trovava a circa cento metri dall'antica sponda meridionale del laghetto. Le palafitte ritornate alla luce erano costituite di legno di abete rosso e varie specie di larice, alberi che formavano grandi e fitti boschi, che circondavano il villaggio preistorico. I pali usati erano per la maggior parte a sezione circolare, ma erano stati costruiti anche pali di diverso modello, per esempio quadrangolari, poligonali e varie altre forme. È difficile risalire alla struttura delle abitazioni e ricostruire la planimetria del villaggio. I pali erano lavorati soprattutto sulla sommità, perciò è sulle punte di essi che è avvenuto il maggior deterioramento. Si pensa che le abitazioni poggiassero sull'impalcato aereo sopra lo specchio d'acqua, anche se non si è sicuri della forma e della disposizione delle capanne. Riassumendo, l'unica cosa certa è che si trattava di case su pali con impalcato aereo a breve distanza dalla riva dell'antico laghetto o su una fascia spondale che durante le piene rimaneva allagata.
  • Nel secondo modello di villaggio, risalente al Bronzo Medio Avanzato, i pali verticali sono infissi al fondo per soli due metri e collegati tali da formare un reticolo di pali ed essere così stabile. Questo villaggio, anche se più recente, sfortunatamente non è stato riportato al meglio alla luce. La forma e le dimensioni di ogni abitazione non erano costanti: infatti la loro pianta poteva essere rettangolare, o leggermente trapezoidale; le pareti probabilmente erano a graticcio intonacate di argilla.

Strumenti agricoli[modifica | modifica wikitesto]

L'aratro del Lavagnone

All'interno del museo civico Giovanni Rambotti si trovano diversi reperti che mostrano il grado di evoluzione in ambito agricolo. Tra questi citiamo:

  • l'aratro più antico ritrovato in Europa (Bronzo Antico, circa 2000 a.C.)
  • grandi sassi usati come macine per schiacciare il grano (metodo poco salutare, poiché le scaglie di pietra si mischiavano con il grano e provocavano danni all'organismo e ai denti quando venivano ingerite)
  • grandi ciotole dove conservare il grano
  • piccole falci di pietra con le quali tagliavano il grano

Dai resti organici trovati sui reperti si è potuto capire quali tipi di alimenti venivano coltivati: cereali, leguminose, orzo e grano.[1]

Gli utensili preistorici in pietra scheggiata[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati rinvenuti diversi strumenti di pietra scheggiata il cui uso non è stato definito con precisione. Data la loro forma si pensa fossero utilizzati per tagliare la carne, lavorare il legno e dare forma alle pelli. Ci sono delle classificazioni comuni per gli strumenti del Paleolitico medio superiore, per il Mesolitico, per il Neolitico e in parte per l'età del Rame e del Bronzo. Le tipologie fondamentali degli strumenti sono le seguenti: bulini, grattatoi, lame a dorso, punte a dorso, troncature, perforatori, armature geometriche, punte e pezzi scagliati. Le lame e le punte a dorso avevano il bordo affilato e possono essere paragonate ai nostri coltelli taglienti. Possiamo paragonare i bulini agli scalpelli, in quanto servivano per scalfire il legno, osso e corno e per eseguire incisioni a scopo decorativo. I perforatori erano utili per forare il legno, l'osso e la pelle. Le lame denticolate servivano per decorticare e squadrare il legno e per preparare le frecce. Tra gli strumenti più facili da comprendere in relazione al loro uso ci sono le punte destinate a essere immanicate come cuspidi di freccia o come lame di pugnale.

Altri reperti[modifica | modifica wikitesto]

Utensili in legno conservati al Museo Archeologico Giovanni Rambotti
Vasi in legno conservati al Museo Archeologico Giovanni Rambotti

Al museo Archeologico G. Rambotti di Desenzano del Garda, tra i numerosi reperti, sono presenti alcuni oggetti in legno come vasi, piatti e frammenti di travi, conservatisi perché immersi nel fango delle sponde del lago, utilizzato originariamente come base per la costruzione delle palafitte. Più numerosi sono gli oggetti in pietra ricavati dall'arte della scheggiatura, come parti di un telaio in legno. Dopo lo sviluppo di quest'ultima si arriva alla scoperta del rame nativo (cioè rame duro sotto forma di pietra), una novità per gli uomini dell'epoca, e la scheggiatura di questo metallo era rozza e primitiva, a causa della poca conoscenza del materiale. Questo era il metodo di lavorazione che si usava nell'antichità, infatti la fusione non era ancora utilizzata.

Inizia così l'età del rame (4000 a.C. circa), chiamata anche calcolitico. Si passa alla metallurgia nell'età del bronzo, che inizia nel 3500 a.C., quando il metallo fuso viene fatto raffreddare dentro stampi di argilla per farne oggetti utili. Ad esempio viene usato per creare asce dal valore più simbolico che riguardante l'utilizzo pratico e indicavano l'importanza di personaggi come i capi dei villaggi che inoltre possedevano più oggetti in metallo. Molto comuni erano anche i gioielli come spille riccamente decorate, sfarzosi orecchini e collane elaborate che usavano le donne dell'epoca sia durante le festività sia tutti i giorni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per approfondire vedi Alimentazione nella preistoria

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [www.comune.desenzano.brescia.it/museo Sito del museo civico archeologico "G. Rambotti"].