Museo "Le miniere" di Pezzaze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo "Le miniere" di Pezzaze
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPezzaze
Caratteristiche
Tipoarcheologia industriale, attività mineraria
Sito web

Coordinate: 45°46′34.25″N 10°14′26.3″E / 45.776181°N 10.240639°E45.776181; 10.240639

Il Museo "Le miniere" di Pezzaze si trova nell'Alta Val Trompia, in provincia di Brescia, lungo quella che è stata detta Via del Ferro della Valtrompia. Non più attiva, la miniera Marzoli di Pezzaze, che costituisce il nucleo principale del museo, è oggi stata trasformata in un sito di archeologia industriale visitabile a pagamento.

Insieme ad essa, la Via del Ferro conta anche la Miniera S. Aloisio Tassara di Collio, il Museo il Forno di Tavernole, il Museo I Magli di Sarezzo e il Museo il Maglio Averoldi di Ome.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La miniera Marzoli è stata una miniera aperta nel 1886 per estrarre ferro e altri materiali, voluta dal comune di Pezzaze. Parte di questi metalli andava alla fabbrica della Fratelli Beretta, che la utilizzavano per le loro armi. La miniera è stata chiusa nel 1978 a causa della scarsa produttività.

Dagli anni novanta si può visitare, percorrendo il primo tratto a bordo di un trenino di tipo Decauville, mentre il tratto successivo si può percorrere soltanto a piedi. L'apertura del sito è stata possibile grazie alla musealizzazione della via del ferro della Valtrompia voluta dalla Comunità montana e dal Sistema museale di Valtrompia unitamente all'Agenzia Parco minerario dell'alta Valtrompia. Nel 2011 l'agenzia del Parco Minerario è stata messa in liquidazione e il complesso museale riaffidato ad una nuova gestione[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabio Zizzo, Nuova gestione per la miniera che riapre in agosto, su ecodellevalli.tv, 29 luglio 2011. URL consultato il 30 marzo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]