Museo di fotografia Ken Damy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ken Damy
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBrescia
IndirizzoCorsetto Sant'Agata 22
Caratteristiche
TipoFotografia
Sito web
Questa voce riguarda la zona di:
Corsetto Sant'Agata
Visita il Portale di Brescia

Il museo Ken Damy si trova in corsetto Sant'Agata a Brescia, all'interno della loggia delle mercanzie, sulla sinistra del corso salendo verso Piazza della Loggia. Il museo fotografico, oltre alla regolare espositizione, organizza mostre personali di autori di importanza mondiale e promuove una discreta attività editoriale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è stato fondato il 29 aprile 1990 da Ken Damy, pseudonimo del fotografo professionista Giuseppe Damiani[1][2]. Il sito trova posto al pianterreno e nell'interrato della loggia delle mercanzie, ex palazzo Lechi, in corsetto Sant'Agata.

Il 1º luglio 1992 il museo si trasforma in associazione culturale, preponendosi come ruolo la ricerca e la promozione della fotografia contemporanea sul territorio nazionale e internazionale attraverso la programmazione di circa 40 mostre personali all'anno di autori noti a livello mondiale[2].

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo di fotografia Ken Damy dispone di otto sale espositive, di un auditorium, una biblioteca e piccolo bar, per una superficie totale di 540 m2[1].

Nel museo sono state organizzate esposizioni fotografiche di autori di importanza mondiale, tra i quali Mario Giacomelli, Lucien Clergue, Gianni Berengo Gardin, Franco Fontana, Carmelo Bongiorno, Raghu Rai, Mario De Biasi, Jeff Dunas, John Florea, Christian Vogt e Victor Skrebnesky[2].

All'esposizione ordinaria e alle mostre si affianca un'attività didattica, grazie all'organizzazione di numerosi corsi di fotografia di vario tipo, e l'editoria, con la pubblicazione di "Photonews", rivista semestrale del museo[1], e di altri cataloghi fotografici[3].

Il museo organizza anche incontri e conferenze con fotografi nazionali ed internazionali[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Museo Ken Damy - Chi siamo, su museokendamy.com. URL consultato il 05 gennaio 2012.
  2. ^ a b c Braga, Simonetto, p. 46
  3. ^ a b Braga, Simonetto, p. 47

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marina Braga, Roberta Simonetto (a cura di), Verso porta San Nazaro in Brescia Città Museo, Sant'Eustacchio, Brescia 2004
Controllo di autoritàVIAF (EN126220184 · LCCN (ENn93119521 · GND (DE5070853-3