Massimo Barbolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Barbolini
Massimo Barbolini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Eczacıbaşı Istanbul
Carriera
Carriera da allenatore
1985-1989 Pallavolo Modena (vice)
1989-1990 Volley Agrigento
1990-1992 Pallavolo Modena
1992-1993 Pallavolo Spoleto
1993-1996 PVF Matera
1996-1997 Bianco e Verde.svg Gierre Roma
1997-2007 Sirio Perugia
2006-2012 Italia Italia
2009-2010 Club Italia
2012-2015 Galatasaray SK
2013-2015 Turchia Turchia
2015-2016 VB Casalmaggiore
2016- Eczacıbaşı Istanbul
Palmarès
Transparent.png Campionato europeo
Oro Lussemburgo e Belgio 2007
Oro Polonia 2009
Transparent.png World Grand Prix
Bronzo Reggio Calabria 2006
Bronzo Ningbo 2007
Bronzo Yokohama 2008
Bronzo Ningbo 2010
Transparent.png Coppa del Mondo
Oro Giappone 2007
Oro Giappone 2011
Transparent.png Grand Champions Cup
Oro Giappone 2009
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2016

Massimo Barbolini (Modena, 29 agosto 1964) è un allenatore di pallavolo italiano.

Allena l'Eczacıbaşı Spor Kulübü.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Costretto ad abbandonare presto l'attività agonistica per un grave infortunio, affianca a partire dalla stagione 1985-86 Julio Velasco sulla panchina del Modena Volley che vince quattro scudetti consecutivi tra il 1986 e il 1989. Nell'annata 1989-90, all'esordio nel ruolo di primo allenatore, vince il campionato di Serie A2 con il Volley Team Agrigento, per poi ritornare alla guida della formazione gialloblù di Modena per due campionati. Nel 1992-93 viene ingaggiato dal Marconi M.M. Volley Spoleto, che retrocede al termine del campionato.

Nella stagione 1993-94 passa ad allenare squadre femminili; ingaggiato dalla Pallavolo Femminile Matera, campione italiana in carica, conduce la formazione basilicatese all'accoppiata scudetto-Coppa Italia nelle stagioni 1993-94 e 1994-95, vincendo inoltre la Coppa dei Campioni 1995-96.

Nella stagione 1996-97 passa alla Gierre Roma Pallavolo, con cui si aggiudica la Coppa CEV, e l'anno successivo viene ingaggiato dalla Pallavolo Sirio Perugia.

Rimane alla guida della compagine umbra dieci anni portando la squadra ai vertici in Italia e in Europa, vincendo la Coppa Italia 1998-99 e la Coppa delle Coppe l'anno successivo, quindi inanellando altre tre accoppiate scudetto-Coppa Italia nelle stagioni 2002-03, 2004-05 e 2006-07 (queste ultime condite anche dalla vittoria in Coppa CEV), la Champions League 2005-2006 e la Coppa di Lega 2006.

Nell'estate del 2006 sostituisce Marco Bonitta sulla panchina della nazionale italiana. Dopo un quarto posto ai Mondiali del 2006 e una medaglia di bronzo al Grand Prix di Ningbo nel 2007, guida la squadra azzurra alla vittoria nella Coppa del Mondo 2007 e all'Europeo 2007. Arriva però un'eliminazione inaspettata ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 dovuta alla sconfitta per 3-2 nei quarti di finale contro gli Stati Uniti. Sempre sulla panchina azzurra, fa il bis continentale aggiudicandosi anche l'Europeo 2009; nello stesso anno la nazionale fa sua anche la Grand Champions Cup. Dopo il Mondiale 2010 giocato sottotono, la nazionale italiana vince la Coppa del Mondo 2011, guadagnando la qualificazione ai Giochi della XXX Olimpiade di Londra; con la sconfitta nei quarti di finale contro la Corea del Sud che decreta l'eliminazione della nazionale italiana dalla manifestazione, si conclude l'incarico del tecnico modenese alla guida della compagine azzurra. Nella veste di Commissario Tecnico, nella stagione 2009-10 è anche allenatore del Club Italia, formazione che schiera giovani promesse della pallavolo italiana.

Nella stagione 2012-13 torna ad allenare una formazione di club, ingaggiato dal Galatasaray Spor Kulübü[1], accettando inoltre l'incarico di selezionatore della nazionale turca, che guida fino ad inizio 2015[2].

Dopo tre stagioni in Turchia, nel campionato 2015-16 ritorna in Italia per allenare il Volleyball Casalmaggiore con cui vince una Supercoppa italiana e una Champions League. Nella stagione 2016-17 passa all'Eczacıbaşı Spor Kulübü, con cui vince il Mondiale per Club 2016.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

1993-94, 1994-95, 2002-03, 2004-05, 2006-07
1993-94, 1994-95, 1998-99, 2002-03, 2004-2005, 2006-07
2015
2006
1995-96, 2005-06; 2015-16
1996-97, 2004-05, 2006-07
1999-00
1989-90

Nazionale (competizioni minori)[modifica | modifica wikitesto]

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - Serie A1: Premio Luigi Razzoli - Miglior allenatore
  • 2003 - Serie A1: Premio Luigi Razzoli - Miglior allenatore
  • 2005 - Serie A1: Premio Luigi Razzoli - Miglior allenatore
  • 2007 - Serie A1: Premio Luigi Razzoli - Miglior allenatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Turchia: Ufficiale, Barbolini al Galatasaray, volleyball.it. URL consultato il 16 maggio 2012.
  2. ^ Turchia F: Akbas promosso primo allenatore, volleyball.it. URL consultato il 30 luglio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN232957628 · SBN: IT\ICCU\CFIV\238387 · ISNI: (EN0000 0004 1977 7127