Mark Andrews (rugbista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Andrews
Dati biografici
Altezza 201 cm
Peso 116 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Seconda linea
Ritirato 2004
Carriera
Attività provinciale
1996-2002 Natal Sharks
Attività di club¹
1996-2002 Sharks
2002-2004 Newcastle 15 (0)
Attività da giocatore internazionale
1994-2001 Sudafrica Sudafrica 77 (60)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1995
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1999

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 28 luglio 2011

Mark Gregory Andrews (Elliot, 21 febbraio 1972) è un ex rugbista a 15 e pallanuotista sudafricano, seconda-terza linea di Sharks e Newcastle, e campione del mondo nel 1995 con gli Springbok.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Ammesso all'Università di Stellenbosch, lasciò una prima volta il Sudafrica a 19 anni per recarsi a giocare in Francia all'Aurillac[1], esperienza nella quale Andrews riportò i primi infortuni: in una stagione si procurò fratture alla mano, due volte al naso, alle costole e alle caviglie[1].

Tornato in patria fu impegnato per cinque stagioni nella Currie Cup di pallanuoto prima di tornare al rugby; a farlo propendere per quest'ultima disciplina fu il fatto che nel 1995 era passata al professionismo, mentre la pallanuoto sudafricana era ancora dilettantistica[1].

Entrò quindi nella compagine provinciale dei Natal Sharks, con i quali vinse la Currie Cup del 1995[1]; all'epoca aveva già esordito negli Springbok, in un test match disputatosi nel giugno 1994 a Città del Capo contro l'Inghilterra capitanata da Rob Andrew, suo futuro mèntore a Newcastle[1].

Prese quindi parte alla Coppa del Mondo di rugby 1995, disputata in casa e che gli Springbok vinsero battendo in finale la Nuova Zelanda e nel 1996 entrò nella franchise professionistica degli Sharks in Super Rugby[1].

Con gli Sharks giunse tre volte consecutive in semifinale di Super 12 dal 1996 al 1998 e successivamente fu convocato per la selezione sudafricana alla Coppa del Mondo di rugby 1999, con la quale conseguì il terzo posto finale.

Nel 2000 divenne capitano degli Sharks[2], e nel 2001 giunse fino alla finale di Super 12, sconfitto dai Brumbies; il 2001 fu anche la fine della sua carriera internazionale, caratterizzata da 77 test match e un primo e un terzo posto alla Coppa del Mondo.

Nel novembre 2002 giunse il trasferimento in Inghilterra al Newcastle[3], squadra nella quale rimase due stagioni di Premiership caratterizzate da infortuni; fu proprio a causa dell'ennesimo problema al ginocchio che nella primavera del 2004 decise il ritiro dall'attività agonistica[4].

Andrews vanta inoltre tre inviti nei Barbarians, il primo nel 2001, gli altri due nel 2004, le sue ultime partite in assoluto[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) John Gibson, Face to Face: Mark Andrews, in Sunday Sun, 25 marzo 2003. URL consultato il 29 luglio 2011.
  2. ^ (EN) Sharks to meet Brumbies, in BBC, 19 maggio 2001. URL consultato il 2 agosto 2011.
  3. ^ (EN) Falcons swoop for Andrews, in BBC, 20 novembre 2002. URL consultato il 2 agosto 2011.
  4. ^ (EN) Falcons duo to quit, in BBC, 21 aprile 2004. URL consultato il 2 agosto 2011.
  5. ^ (EN) England 12-32 Barbarians, in BBC, 30 maggio 2004. URL consultato il 2 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]