Lil Yachty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lil Yachty
Lil Yachty cropped.jpg
Lil Yachty nel 2016
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereTrap
Pop rap[1]
Emo rap[2]
Periodo di attività musicale2015 – in attività
EtichettaQuality Control, Capitol Music Group, Motown Records
Album pubblicati4
Studio4
Sito ufficiale

Lil Yachty, pseudonimo di Miles Parks McCollum (Mableton, 23 agosto 1997), è un rapper statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto in Georgia, inizia a farsi apprezzare nel mondo della musica nel 2015, quando pubblica su SoundCloud una sua prima versione del brano One Night.[3]

Nel marzo 2016 pubblica il suo primo mixtape dal titolo Lil Boat. Nell'aprile seguente collabora con D.R.A.M. per la hit Broccoli. Inoltre partecipa al mixtape Coloring Book di Chance the Rapper.

Nel giugno 2016 firma un contratto discografico con Quality Music, Capitol Records e Motown Records.[4][5] Nel luglio 2016 pubblica il secondo mixtape, Summer Song 2. Nel mese di dicembre viene pubblicato il singolo iSpy di Kyle, in cui partecipa con un "featuring".

Nell'aprile 2017 incide assieme a Rico Nasty il brano Mamacita estratto dal film Fast & Furious 8.

Il 26 maggio 2017 pubblica il suo primo album in studio Teenage Emotions.[6] Nel disco collaborano Migos, YG, Kamaiyah, Diplo, Grace e Sonyae Elise.

A ottobre dello stesso anno collabora con Calvin Harris e Kehlani al singolo Faking It.

Collabora con Lil Pump, realizzando il brano Back ch'è stato inserito nel mixtape Lil Pump.

Nel marzo 2018 pubblica l'album Lil Boat 2.

Nello stesso mese, collabora come ospite assieme a Danielle Bregoli, in arte Bhad Bhabie, nell'hit Gucci Flip Flops. Il 23 agosto 2018, ha annunciato le date statunitensi del The Disrespect Tour, da eseguire assieme a Bhad Bhabie tra ottobre e novembre dello stesso anno.[7]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Yachty ha frequentato l'Alabama State University nell'autunno 2015, ma si è ritirato per seguire la sua carriera musicale.[8]

In un'intervista del 2016 per la CNN, Yachty ha espresso il proprio sostegno a Bernie Sanders nelle elezioni presidenziali del 2016 elogiando Sanders nel suo lavoro durante il movimento per i diritti civili.[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Yachty è apparso come ospite in uno spot di Sprite con LeBron James, dove è visto in una grotta di ghiaccio suonare il pianoforte.[10] Lil Yachty è stato scelto per essere il volto della nuova collezione Nautica e Urban Outfitters.[11] Yachty è anche apparso nel video "It Takes Two" con Carly Rae Jepsen per Target.[12]

Questioni legali[modifica | modifica wikitesto]

Il 1 ° settembre 2015, Yachty e un altro uomo sono stati arrestati in un centro commerciale a Palm Beach Gardens, in Florida per frode con carta di credito, Yachty è stato rilasciato dopo aver dato un deposito cauzionale di $ 11.000. Secondo Yachty, le accuse furono in seguito chiuse.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Lil Yachty ha definito il suo stile "bubblegum Trap".[13][14] Le sue canzoni hanno suoni campionati che vanno da Mario Bros., Charlie Brown, il tema di Rugrats, e il suono di avvio di una console GameCube.[13] Altri temi nei suoi lavori includono nuvole, zucchero filato, il Super Nintendo e scene di film Pixar. Il suo amico TheGoodPerry è fortemente coinvolto nella produzione delle sue canzoni.[14] Lo stile di Yachty è stato anche descritto come mumble rap.[15]

Lil Yachy nel maggio 2016

Rolling Stone ha descritto la sua musica come "brani orecchiabili, intenzionalmente sinestetici, pieni di vizi di colore in una cantilena orgogliosamente amatoriale".[13] The Guardian ha definito la sua musica "divertente, rap pop-up prima ignaro del songcraft e della struttura che non si prende troppo sul serio, con scarso interesse per l'eredità e ancor meno per il canone del rap".[14]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 – Lil Boat
  • 2016 – Summer Songs 2.

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Summer Songs
  • 2015 – Hey Honey Let's Spend Wintertime On a Boat (con Wintertime Zi)
  • 2016 – Big Boat (con 88rising)
  • 2016 – Lost Files (con Digital Nas)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) From Lil Yachty to DRAM, 2016's best hip-hop is all about black joy, su theguardian.com. URL consultato il 30 novembre 2016.
  2. ^ (EN) From Lil Peep To Paramore, Emo And Rap Have Been Relater For Years, su kerrang.com.
  3. ^ (EN) From Lil Yachty to DRAM, 2016's best hip-hop is all about black joy, theguardian.com.
  4. ^ (EN) Lil Yachty Announces Signing To Quality Control, hiphopdx.com, 10 giugno 2016.
  5. ^ (EN) LIL YACHTY SIGNS WITH CAPITOL RECORDS, fashionably-early.com, 14 giugno 2016.
  6. ^ (EN) Lil Yachty Reveals ‘Teenage Emotions’ Tracklist and Official Cover, xxlmag.com, 20 aprile 2017.
  7. ^ (EN) Tosten Burks, Lil Yachty and Bhad Bhabie Are Going on Tour Together, su XXL, 24 agosto 2018. URL consultato il 2 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Miranda J., 9 Rappers Who Went to College But Didn't Graduate, su XXL, 31 agosto 2016. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  9. ^ (EN) Lil Yachty on getting into Bernie Sanders via Lil B, CNN. URL consultato il 13 agosto 2018.
  10. ^ (EN) Lil Yachty and LeBron James Team for Sprite Commercial: Watch, su billboard.com. URL consultato il 17 maggio 2017.
  11. ^ (EN) Lil Yachty Nautica Meet and Greet at Space Ninety 8, UO Blog.
  12. ^ (EN) Watch Carly Rae Jepsen and Lil Yachty Cover 'It Takes Two' in Target Ad, Pitchfork, 13 febbraio 2017. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  13. ^ a b c (EN) Jonah Weiner, How Lil Yachty Went From Instagram Whiz to Kanye West Collaborator, in Rolling Stone, 9 novembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  14. ^ a b c (EN) Sheldon Pearce, From Lil Yachty to DRAM, 2016's best hip-hop is all about black joy, in The Guardian, 30 novembre 2016, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 6 dicembre 2016.
  15. ^ (EN) Charity, Jus tin, Declaring a Moratorium on the Term "Mumble Rap", The Ringer, 18 aprile 2017. URL consultato il 14 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7941148753708541320007 · LCCN (ENno2017019348 · GND (DE1133384536