Lilìt e altri racconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lilít e altri racconti
AutorePrimo Levi
1ª ed. originale1981
Genereracconti
Lingua originaleitaliano

Lilít e altri racconti è una raccolta di racconti di Primo Levi edita nel 1981. La maggior parte dei racconti è stata in precedenza pubblicata su periodici. La raccolta è divisa in tre sezioni, rispettivamente di 12, 15 e 9 racconti.

Indice[modifica | modifica wikitesto]

  • Passato prossimo
    • Capaneo ("Il Ponte", novembre 1959; poi rivisto 28 maggio 1978)
    • Il giocoliere ("La Stampa", 2 aprile 1978)
    • Lilít (10 giugno 1979, come Dentro il Lager con Lilít)
    • Un discepolo (da AAVV, Secondo Risorgimento, PAC, Torino, 1961; poi rivisto 1º giugno 1975)
    • Il nostro sigillo ("La Stampa", 21 agosto 1977)
    • Lo zingaro ("La Stampa", 2 dicembre 1979)
    • Il cantore e il veterano ("La Stampa", 16 luglio 1978)
    • La storia di Avrom ("La Stampa", 14 marzo 1976)
    • Stanco di finzioni ("La Stampa", 10 settembre 1978)
    • Il ritorno di Cesare ("La Stampa", 7 settembre 1980 come L'impresa più ardita di un reduce scaltro)
    • Il ritorno di Lorenzo
    • Il re dei Giudei ("La Stampa", 20 novembre 1977)
  • Futuro anteriore
    • Una stella tranquilla ("La Stampa", 29 gennaio 1978)
    • I gladiatori ("L'Automobile", 15 giugno 1976)
    • La bestia nel tempio ("Tuttolibri", 6 agosto 1977)
    • Disfilassi ("La Stampa", 6 agosto 1978)
    • Calore vorticoso ("Tuttolibri", 12 agosto 1978)
    • I costruttori di punti ("La Stampa", 27 agosto 1978)
    • Self-control ("La Stampa", 26 novembre 1978)
    • Dialogo di un poeta e di un medico ("La Stampa", 2 ottobre 1977, come Costumi)
    • I figli del vento
    • La fuggitiva ("La Stampa", 6 luglio 1979)
    • "Cara mamma" ("La Stampa", 21 ottobre 1979)
    • A tempo debito ("La Stampa", 25 maggio 1980)
    • Tantalio ("Il Mondo", 1973)
    • Le sorelle della palude ("La Stampa", 25 dicembre 1977, come Lancio il mio appello alle sorelle della palude)
    • Un testamento ("La Stampa", 16 ottobre 1977)
  • Presente indicativo
    • Gli stregoni
    • La sfida della molecola ("La Stampa", 20 gennaio 1980)
    • La valle di Guerrino ("La Stampa", 3 ottobre 1976)
    • La ragazza del libro ("La Stampa", 15 agosto 1980)
    • Ospiti ("La Stampa", 16 aprile 1978)
    • Decodificazione ("Prospettive Settanta" n. 3, luglio-settembre 1976)
    • Fine settimana ("La Stampa", 10 febbraio 1980 come Verso la vetta con il burocrate)
    • L'anima e gli ingegneri ("La Stampa", 23 agosto 1981)
    • Breve sogno ("La Stampa", 27 giugno 1976)

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altre edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è stato tradotto in inglese da Ruth Feldman (1986)[1], in francese da Martine Schruoffeneger (1987), in ebraico da Meron Rapoporṭ (1988), in tedesco da Barbara Kleiner (1989)[2], in olandese da Frida De Matteis-Vogels (1990), in greco da Sara Benveniste (1992), in danese da Nina Gross (1994), in spagnolo da Bernardo Moreno (2002), in portoghese da Maurício Santana Dias (2005)[3] e in catalano da Teresa Muñoz Lloret (2007)[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ con il titolo di Moments of Reprieve, include una breve prefazione d'autore.
  2. ^ Nella raccolta Der Freund des Menschen.
  3. ^ Nel volume 71 contos.
  4. ^ Nella raccolta Contes.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura