L'altrui mestiere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'altrui mestiere
Autore Primo Levi
1ª ed. originale 1985
Genere Saggio
Lingua originale italiano

« La capacità d'osservare è la grande dote di Primo Levi. »

(Italo Calvino)

L'altrui mestiere è un'opera saggistica scritta da Primo Levi e pubblicata da Einaudi nel 1985. Gli scritti che il libro contiene sono articoli che Levi pubblicò su quotidiani e riviste, "La Stampa" principalmente, dal 1976 al 1984 (con due eccezioni del 1964 e 1965). L'autore tratta di temi quali le scienze naturali, la zoologia, l'astronomia e la letteratura. Ci racconta inoltre di alcuni suoi ricordi giovanili e finisce per fornirci una preziosa autobiografia, scritta con il suo stile nitido e preciso. In un primo momento il libro era indicato come Elzeviri.[1] La premessa che apre il volume è considerata una delle più esplicite dichiarazioni di poetica di Levi[2]

Il libro è diviso in 51 capitoli e si apre con l'articolo di Italo Calvino che apparve su "La Repubblica" il 6 marzo 1985 nel quale lo scrittore parlò del libro di Levi. Alla fine del libro vi è una nota conclusiva a cura di Ernesto Ferrero intitolata Nota biografica e fortuna critica.

Capitoli del libro[modifica | modifica wikitesto]

  • Premessa (datata 16 gennaio 1985)
  1. La mia casa
  2. Aldous Huxley (1965)
  3. Ex chimico
  4. François Rabelais (1964)
  5. La luna e noi (pubblicato nellimminenza dello sbarco sulla luna)
  6. Tartarin de Tarascon
  7. Tornare a scuola
  8. Perché si scrive?
  9. L'aria congestionata
  10. Calze al fulmicotone
  11. Contro il dolore
  12. Dello scrivere oscuro
  13. «Leggere la vita»
  14. Segni sulla pietra
  15. Romanzi dettati dai grilli
  16. Domum servavit
  17. Il pugno di Renzo
  18. Trenta ore sul Castoro sei
  19. Inventare un animale
  20. Lo scoiattolo
  21. Il libro dei dati strani
  22. Il salto della pulce
  23. Tradurre ed essere tradotti
  24. L'internazionale dei bambini
  25. La lingua dei chimici (I)
  26. La lingua dei chimici (II)
  27. Le farfalle
  28. Paura dei ragni
  29. La forza dell'ambra
  30. Gli scacchisti irritabili
  31. La Cosmogonia di Queneau
  32. L'ispettore Silhouette
  33. Scrivere un romanzo
  34. Stabile/instabile
  35. I padroni del destino
  36. Notizie dal cielo
  37. Gli scarabei
  38. Il rito e il riso
  39. Il mondo invisibile
  40. «Le più liete creature del mondo»
  41. Il segno del chimico
  42. La miglior merce
  43. Le parole fossili
  44. Il teschio e l'orchidea
  45. Il fondaco del nonno
  46. Un lungo duello
  47. Il linguaggio degli odori
  48. Lo scriba
  49. A un giovane lettore
  50. Bisogno di paura
  51. Eclissi dei profeti

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. Opere, vol. II, a cura di Marco Belpoliti, Torino: Einaudi, 1997, p. 1554.
  2. ^ ivi, p. 1555.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura