Le mura di Sana'a

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le mura di Sana'a
Sana'a3.JPG
Uno scorcio della città
Titolo originale Le mura di Sana'a (documentario in forma d'appello all'UNESCO)
Paese di produzione Yemen
Anno 1971
Durata 13 min
Genere documentario
Regia Pier Paolo Pasolini
Soggetto Pier Paolo Pasolini
Sceneggiatura Pier Paolo Pasolini
Produttore Franco Rossellini
Fotografia Tonino Delli Colli, Sebastiano Celeste (non accreditato)
Montaggio Tatiana Casini Morigi
Interpreti e personaggi

Le mura di Sana'a è un film documentario in forma di appello all'UNESCO, girato da Pier Paolo Pasolini e prodotto da Franco Rossellini.

Le riprese iniziarono domenica 18 ottobre 1970, l'ultimo giorno che Pasolini si trovava a Sana'a per le riprese del film Il Decameron. Il breve documentario fu girato anche nella regione dello Hadramawt nello Yemen del Sud.

La città negli anni Ottanta
Veduta della città

L'impegno di Pasolini per la salvaguardia delle città era notevole e nel 1974 girò (con Paolo Brunatto) Pasolini e... la forma della città,[1] un altro breve documentario sulle città di Orte e Sabaudia. Come lui stesso disse: "È uno dei miei sogni occuparmi di salvare Sana'a ed altre città, i loro centri storici: per questo sogno mi batterò, cercherò che intervenga l'Unesco”.

L'appello di Pasolini fu accolto: nel 1986, per le sue preziose testimonianze artistiche, la città vecchia di Sana'a fu dichiarata patrimonio dell'umanità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Augelli Francesco, Le ragioni della necessità di conservare beni, luoghi e identità culturali nel pensiero di Pier Paolo Pasolini, in in Progetto Restauro, il Prato, Saonara (PD), n.41, 2007, pp.17-23.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema