Pagine involontarie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pagine involontarie
AutorePier Paolo Pasolini
1ª ed. originale1980
GenereAutobiografia
Lingua originale italiano

Pagine involontarie (1946-1947) o Il romanzo di Narciso o Quaderni Rossi è un diario giovanile di Pier Paolo Pasolini scritto tra il giugno 1946 e il dicembre del 1947. Parti sostanziose di questo diario sono state pubblicate dal cugino di Pasolini Nico Naldini.

Storia del Diario[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 1947 Pier Paolo Pasolini scrisse una lettera a Gianfranco Contini esprimendo l'intenzione di mandare a Lugano al concorso di “Libera Stampa” un romanzo dal titolo provvisorio Pagine involontarie[1]. Nella lettera viene allegata anche la prefazione del romanzo dedicata a Stendhal che come scrive Fabien Kunz presenta: ".. una confessione «indiscreta, offensiva», «quasi un documento» della propria interiorità, redatto in uno stile qualificato nei termini drammatici di scrittura che lasciasse «inferno l'inferno»"[2]. Nel 1980 Nico Naldini dopo un difficile lavoro di decifrazione, dovuto a punti incomprensibili dei documenti, pubblicò per la prima volta estratti del diario mettendoli a confronto con i suoi ricordi del periodo friulano [3]. Altri estratti sono stati pubblicati sempre da Nico Naldini con Einaudi Pasolini, una vita, Torino 1989

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Nel diario Pasolini narra la sua predisposizione all'omosessualità iniziata a Belluno all'età di tre anni. Scrive a questo proposito: "era il senso dell'irraggiungibile, del carnale, un senso per cui non è stato ancora inventato un nome. Io lo inventai allora e fu "teta veleta". Sempre sullo stesso tema vengono narrati i primi amori con Bruno: "si sentiva in lui la sordità dell'animale: era violento, sgarbato, per questo aveva successo tra i suoi coetanei"..."lo attendevo per ore e ore, seduto sul mio Tommaseo e col mio Tasso sul prato cinto da filari di viti. e con Nistuti: "Eravamo ambedue in preda al nostro reciproco amore: il mio furioso, conscio, impuro; il suo benché purissimo e religioso non meno totale". Nel diario vengono narrati molti altri fatti che rivestono una particolare importanza per i biografi di Pasolini: la trasformazione di una religiosità caratterizzata dalla "intrasnsigenza dei ragazzi" a quella di carattere mistico: "quando trovai il nome "mistico" per questo mio stato di interiorizzazione, incominciai ad attendere la Grazia, cioè la possibilità di concepire l'Altro, Dio."; l'amore per il dialetto: "riconoscevo le inflessioni della lingua, le sue vocali aperte, le sue sibilanti che sfioravano il senso segreto, inesprimibile, celato in tutto quel mondo"; la morte del fratello Guido. "Non mi azzardo a parlare di quel nostro lutto davanti a cui sento ancora un'insormontabile difficoltà di infinito". Una presenza particolare nel diario è infine la storia dell'amore impossibile fra Pasolini e la violinista slovena Pina Kalz [4]: "La conobbi nel febbraio del '43. Subito dopo mi divenne necessaria per il suo violino, mi suonò dapprima il moto perpetuo di Janácek che divenne quasi un motivo del nostro incontro, e si ripeté in molte occasioni. La ricordo perfettamente nell'atto di suonarlo, con la gonna blu e la camicetta bianca. Ma presto cominciò a farmi udire Bach: erano le sei sonate per violino solo, su cui emergevano, ad altezze disperate, la Ciaccona e il Preludio della III; il Siciliano della I."..."Una sera mi consegnò una lettera dove era dichiarato il suo amore. Era un gesto come tutti quelli che faceva con me: un gesto subito rapito da un vento e gettato indietro alle nostre spalle."

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Brevini, "Per conoscere Pasolini", Arnoldo Mondadori, 1981
  • Rinaldo Rinaldi, "Pier Paolo Pasolini", Mursia, 1982
  • Luigi Russo, "Belfagor, Volume 37,Edizioni 4-6", Leo. S. Olschki, 1982
  • Luigi Martellini, "Pier Paolo Pasolini: introduzione e guida allo studio dell'opera pasoliniana", Le Monnier, 1983
  • Pier Paolo Pasolini, Nico Naldini, "Lettere", Einaudi, 1986
  • Gianfranco D'Aronco, "Pasolini, riveduto e corretto", Vattori, 1990
  • Cosimo Camporeale, "Pier Paolo Pasolini: testimone problematico del nostro tempo", Ladisa, 1994
  • Roberto Roversi, "Su Pier Paolo Pasolini: con il testo inedito La sua gloria", Edizioni Pendragon, 1996
  • Nico Naldini, "Pier Paolo Pasolini: convegno di studi, Volume 1", Provincia di Pordenone, 1997
  • Roberto Calabretto, "Pasolini e la musica", Cinemazero, 1999
  • Francesca Cadel, "La lingua dei desideri: il dialetto secondo Pier Paolo Pasolini", Manni Editori, 2002
  • Giorgio Nisini, "L'unità impossibile: dinamiche testuali nella narrativa di Pier Paolo Pasolini", Carocci, 2008
  • Neil Novello, "Pier Paolo Pasolini", Liguori Editore Srl, 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura