La nona porta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La nona porta
La nona porta.jpg
Dean Corso (Johnny Depp) esamina la copia di Fargas.
Titolo originaleThe Ninth Gate
Lingua originaleinglese, francese, spagnolo, portoghese, latino
Paese di produzioneFrancia, Spagna, Stati Uniti d'America
Anno1999
Durata133 min
Generethriller, fantastico, orrore, poliziesco
RegiaRoman Polański
SoggettoArturo Pérez-Reverte (romanzo Il club Dumas)
SceneggiaturaJohn Brownjohn, Roman Polański, Enrique Urbizu
ProduttoreRoman Polański
Produttore esecutivoWolfgang Glattes, Mishka Cheyko
Casa di produzioneCanal +
Distribuzione in italianoCecchi Gori Group
FotografiaDarius Khondji
MontaggioHervé de Luze
Effetti specialiJean-Louis Trinquier, Scott E. Anderson
MusicheWojciech Kilar
ScenografiaDean Tavoularis, Gérard Viard, Philippe Turlure
CostumiAnthony Powell
TruccoPaul Le Marinel, Liliane Rametta, Laura Bernice Watson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La nona porta (The Ninth Gate) è un film del 1999 diretto da Roman Polański, tratto dal romanzo Il club Dumas dello scrittore spagnolo Arturo Pérez-Reverte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«Insomma il Diavolo non si fa vivo.»

(Dean Corso)

Boris Balkan, un editore e bibliofilo newyorkese, commissiona a Dean Corso, esperto di libri antichi, un'indagine su un antico testo esoterico presente nella propria collezione privata, Le nove porte del Regno delle Ombre, scritto e stampato nel 1666 da Aristide Torchia, un non meglio definito esoterista veneziano, processato e giustiziato sul rogo dalla Santa Inquisizione. Balkan è in possesso di uno dei tre soli esemplari superstiti, ma è anche convinto che solo uno dei tre sia autentico. Promettendogli un lauto compenso, manda Corso in Europa presso i collezionisti in possesso delle altre due copie per scoprire e identificare la copia autentica che gli permetterebbe di evocare Satana in persona, dal momento che le xilografie in esso presenti sarebbero un riadattamento operato da Torchia a partire da quelle contenute nell'Horrido Delomelanichon, un libro leggendario mai trovato e ritenuto opera di Lucifero stesso.

La copia di Balkan era precedentemente appartenuta ad Andrew Telfer, un ricco magnate che si è misteriosamente suicidato poco dopo avergli venduto il libro. Corso allora decide di visitare la vedova Telfer per ottenere informazioni e lei, dopo aver inizialmente finto di non sapere nulla, confessa che vorrebbe riavere il libro essendo stato originariamente comprato per lei dal marito durante una vacanza a Toledo. Corso rifiuta la proposta ma la donna lo raggiunge al suo appartamento e, dopo aver tentato di comprarlo e di sedurlo, lo stordisce e cerca il libro senza però trovarlo. Corso aveva infatti per sicurezza affidato momentaneamente il tomo a Bernie, un libraio suo socio in affari, ma quando si reca nel suo negozio per recuperare il prezioso manufatto rinviene Bernie assassinato e appeso per un piede a testa in giù come in una delle incisioni del libro: gli aggressori hanno devastato tutto ma senza trovare il tomo, nascosto in uno scompartimento segreto. Riferisce dunque tutto a Balkan e l'uomo lo esorta a proseguire. In un paio di scene prima della partenza per la Spagna si vede una donna, che apparentemente pedina Corso, che scompare misteriosamente ogni volta che lui se ne accorge. Si vede per la prima volta al seminario di demonologia tenuto da Balkan, e di nuovo in una biblioteca di New York. Corso è insospettito dalla ragazza, che vedrà anche successivamente su un treno in Spagna, dove le rivolgerà per la prima volta la parola (lui è convinto che lei lavori per Balkan, controllando i suoi movimenti, anche se lei dice di non conoscerlo).

Corso si dirige in Spagna e parla con i fratelli Ceniza, restauratori di libri ex-proprietari della copia di Telfer, che analizzando il libro insieme a Corso gli rivelano che la sua qualità è talmente alta che non ci sono dubbi sulla sua autenticità, solo un vero maestro avrebbe potuto, eventualmente, contraffarla. Inoltre gli mostrano anche come alcune delle incisioni siano firmate "LCF", riferimento a Lucifero. Chiaramente degli avvenimenti sospetti si manifestano intorno a lui, come la caduta di un ponteggio appena uscito dal negozio dei fratelli Ceniza. Corso prosegue per Sintra, in Portogallo, ed incontra Victor Fargas, ultimo membro di una nobile famiglia decaduta, che possiede la seconda copia, la quale per l'appunto differisce leggermente proprio nelle incisioni firmate "LCF" da quella in possesso di Balkan (firmate "AT", Aristide Torchia). Fargas non vuole vendergli libro, anzi dice non lo venderebbe "a costo della propria vita". Mentre Corso lascia la villa di Fargas, il seguace della Telfer (un uomo di colore con i capelli biondo platino, che si era già visto nel giardino della villa della Telfer) tenta di ucciderlo ma interviene in suo soccorso una misteriosa ragazza che Corso aveva già incontrato di sfuggita in altre situazioni. Corso, scosso dalla situazione, fa ritorno all'hotel viene telefonato da Balkan a cui riferisce l'indisponibilità di Fargas a cedere il libro. La mattina dopo Corso è svegliato di soprassalto dalla ragazza, che gli intima di recarsi di nuovo a Villa Fargas; lì Corso scopre che il proprietario è stato assassinato (annegato in una vasca di pesci nel giardino della sua villa) e il libro bruciato, non prima di esser stato privato delle incisioni. La ragazza sapeva già della morte di Fargas, come di altre cose, continua però ad avere un'aria distaccata e misteriosa. A questo punto Corso, sempre più sconvolto da ciò che sta succedendo le chiede chi è lei e per chi lavora, tuttavia con scarsi risultati vista la vaghezza delle risposte dategli da lei. Prendono un volo insieme per Parigi, durante il quale lei svela, se non altro, la sua funzione, quella di una sorta di angelo custode, e dice a Corso di non doversi preoccupare per la sua vita, almeno finquando c'è lei con lui. Balkan continua a fare pressioni su Corso e a mantenersi in contatto telefonico con lui, informandosi sui procedimenti dell'indagine.

Corso si sposta quindi a Parigi per incontrare la baronessa Kessler e studiare l'ultima copia delle Nove Porte. La ragazza, una volta arrivato all'aeroporto, è di nuovo misteriosamente sparita. Corso quindi si reca nella ricca collezione privata della baronessa, un'anziana signora sulla sedia a rotelle a cui manca parte del braccio destro. La signora è convinta dell'esistenza di Satana, di cui sta scrivendo una sorta di biografia. Dice infatti di averlo visto apparire a lei, da giovane, e dice: "Fu amore a prima vista". La baronessa parla a Corso di una setta, creata dopo la morte di Torchia per mano dell'inquisizione, nel 1667, in onore di quest ultimo: "L'ordine del Serpente di Argento". A detta della Kessler, inizialmente aveva la funzione di onorare e perpetuare la devozione di Torchia al "Principe delle Tenebre", ma ora dice divenuto un fatto "sociale" e frequentata da annoiati miliardari per soddisfare i loro perversi appetiti sessuali. Ammette di aver fatto parte anche lei della setta, in passato e aggiunge che non è solo una questione di sesso, ma anche di gratitudine al diavolo, ritenuto responsabile per il loro successo nella vita. La Sig.ra Kessler, fino a quel momento accogliente e disposta al dialogo, capisce che Corso è li per conto di Balkan, con cui evidentemente non aveva un buon rapporto. A questo punto cambia immediatamente atteggiamento, cacciandolo dal suo studio. Uscito dalla biblioteca, vede di nuovo l'uomo con i capelli biondi, che chiaramente lo sta pedinando. Inizialmente Corso scappa ma venendo inseguito e atterrato dall'uomo che cerca di strappargli la borsa, i due iniziano a picchiarsi. Durante la lotta, riappare la Ragazza, che a questo punto palesa (almeno agli occhi dello spettatore) le sue doti soprannaturali. L'uomo, grazie all'intervento della ragazza non riesce a prendere la borsa e fugge in macchina. Tornato in hotel con la ragazza viene chiamato da Balkan, il quale dice di ritentare ad analizzare la copia della Kessler. Ritornato in camera la ragazza è nuovamente scomparsa, Corso in seguito a quanto accaduto prima ora nasconde la copia del Nove Porte in suo possesso nella camera d'albergo. Il giorno dopo si reca nuovamente dalla baronessa, che convince a farlo rientrare mostrandogli le differenze tra le xilografie tra la copia di Telfer e quella di Fargas (in una un uomo tiene due chiavi nella mano destra, nell'altra a sinistra, in un'altra una porta che nella copia di Telfer era aperta, nell'altra è chiusa e così via) e dicendogli quindi di voler solamente controllare se la terza copia avesse anch'essa differenze dalle altre due. Anche qui trova differenze nelle incisioni e realizza che tutte e tre le copie sono originali e differiscono tra di loro di tre pagine, tutte con la sigla LCF (Lucifero), che unite rivelano il procedimento per un rituale; tuttavia prima di poter andare via viene assalito alle spalle e perde i sensi. Al suo risveglio la lussuosa dimora della baronessa è in fiamme e la stessa proprietaria è stata strangolata. Anche in questo caso la copia delle Nove Porte è andata distrutta, tranne le incisioni. Tornato all'hotel, Corso scopre che la sua copia delle Nove Porte che aveva nascosto in camera è stata portata via dalla Telfer; tenta dunque di comunicarlo a Balkan, che si dimostra estremamente minaccioso.

Grazie al responsabile della reception, Corso riesce a rintracciare la Telfer e accompagnato ancora una volta dalla misteriosa ragazza, insegue la vedova fino al mastodontico maniero fuori città che edificò grazie ai soldi del ricco marito. I due scoprono che la Telfer e altri adepti stanno per celebrare un rituale, facendo questi parte di un'antica setta di devoti adoratori del Diavolo e che proprio la Telfer viene riconosciuta come una sorta di "sacerdotessa" ed è solita organizzare ritrovi annuali nel suo castello per dedicarsi a messe nere commemorative di Torchia, sfruttando la copia delle Nove Porte in suo possesso nel tentativo di evocare Lucifero. Il marito della Telfer lo scoprì e per la disperazione si suicidò, non prima però di aver venduto l'amato tomo della moglie nel tentativo di farle un ultimo torto. Corso si intrufola camuffato nella celebrazione ma prima che possa agire irrompe improvvisamente Balkan che ammonisce tutti i presenti, dando loro dei "buffoni in abiti strani", dicendo loro che non sarebbero mai degni dell'apparizione di Satana, e afferma che solo lui aveva capito il significato del libro e di aver finalmente compreso il segreto delle Nove Porte. Dopodiché viene aggredito dalla vedova Telfer, la uccide e si riappropria del libro. Così facendo semina il panico nella stanza della cerimonia facendo scappare tutti i discepoli della setta. Corso tenta di intervenire, ma la ragazza misteriosa lo trattiene e dopo che Balkan se l'è svignata afferma che sarà lui a prendersi la colpa dei vari omicidi, avendo ucciso la Telfer sotto gli occhi di molte persone: Corso è finalmente libero da questa storia e può tornare alla sua vita. Nonostante questo però, Corso si congeda da lei, ormai ossessionato dall'idea di voler scoprire il segreto delle Nove Porte a tutti i costi.

Balkan scappa verso il castello raffigurato nell'ultima incisione ed effettua il rituale della Nona Porta raffigurato nelle pagine, a malapena interrotto da Corso: descrive il cammino delle Nove Porte e si immola nelle fiamme così come stabilito nelle carte, ma qualcosa non funziona e Balkan scopre con orrore di non esserne immune alle fiamme. Corso, presumibilmente per pietà, lo uccide con una pistola, esce dal castello in fiamme e viene fermato dalla misteriosa ragazza con cui si abbandona a una notte di sesso.

Il mattino seguente la ragazza risponde alle perplessità di Corso su quanto accaduto a Balkan: il rituale non ha funzionato perché una delle 9 incisioni era una riproduzione non autentica. Lui le chiede dove può trovare quella autentica ma lei cambia discorso. Si ferma ad un distributore di benzina e va alla cassa per pagare. Quando torna alla macchina, la ragazza è scomparsa nel nulla dopo aver lasciato sul parabrezza dell'auto un messaggio con scritto "Fratelli Ceniza". Corso torna al negozio di Toledo, dove i due non ci sono più. Mentre degli operai portano via gli ultimi oggetti del locale, da un armadio cade un foglio e Corso scopre che si tratta della vera Nona Porta, raffigurante la misteriosa ragazza sullo sfondo del castello all'alba. Recatosi per la seconda volta al castello, Corso riceve il dono che è stato negato a Balkan.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il codice di sicurezza dell'ascensore privato, come pure quello della biblioteca privata di Boris Balkan è 666, il numero del Diavolo.
  • Le varie incisioni delle Nove Porte mostrano gli eventi che accadono ai personaggi nello svolgimento della trama: Bernie osserva l’incisione che lo mostra impiccato ad un piede; Corso osserva l’incisione che mostra un soldato intento a colpire alle spalle un servo sulla testa poco prima che Balkan lo aggredisca da dietro; Corso analizza insieme ai fratelli Ceniza l'incisione dove un passante viene colpito dall'alto durante il suo cammino e poco dopo mentre passeggia per strada un'impalcatura gli frana addosso; dopo aver visionato l'incisione con la scacchiera e i cani che lottano sullo sfondo incontrerà un cane, appunto bianco e nero, che lo fissa insistentemente; la Nona Porta fasulla raffigura il castello in fiamme, scena dove Balkan trova la morte; la Nona porta originale mostra lo stesso castello irradiato dalla luce, scena dove Corso trascende al mondo spirituale. Inoltre molti personaggi delle incisioni raffigurano i personaggi della storia: Fargas sembra il vecchio con le chiavi, i fratelli Ceniza somigliano all'angelo che sta per scoccare una freccia sul passante, la ragazza misteriosa è la ragazza della Nona Porta, Balkan somiglia al cavaliere che sta colpendo un servitore e Corso sembra quel servitore.
  • Quando Corso incontra la ragazza nell'albergo in Portogallo, lei sta leggendo il libro Come trattare gli altri e farseli amici (in inglese How to Win Friends and Influence People) di Dale Carnegie.
  • La ragazza misteriosa, che rimane per tutta la durata del film nell'Anonimato, potrebbe simboleggiare la figura di Babilonia la Grande, o meretrice di Babilonia, dato, anche il ruolo archetipico di meretrice della ragazza, che conduce, attraverso la sua guida semi-ingannevole, il protagonista alla rivelazione dell'enigma intorno al quale ruota la storia. Infatti l'ultima incisione, che permetterà a Corso di accedere alla "Nona Porta", raffigura una donna nuda (dal volto molto somigliante alla ragazza) sul dorso di una bestia a 7 teste, simile a quella che cavalca nelle raffigurazioni bibliche Babilonia la grande. La ragazza potrebbe essere quindi simbolo appunto della cosiddetta "falsa religione". La scena di sesso tra Corso e la ragazza poco prima della fine del film (apparentemente senza un significato funzionale alla narrazione) con l'incendio della fortezza sullo sfondo potrebbe quindi essere un riferimento alla caduta di Gerusalemme, probabile vista la grande presenza di simbolismi religiosi nel film.
  • Il film, come il libro, è colmo di simbolismi che possono essere analizzati in vari modi. Infatti in tutte le Incisioni appaiono lettere Ebraiche (esempio il simbolo ebraico del numero 9 alla sinistra dell'uomo con le chiavi in mano, seconda delle nove incisioni) e numeri romani (quest'ultimi simboleggianti il paganesimo o comunque l'Agnosticismo)
  • Un concetto sicuramente forte è il Dualismo, ne sono testimoni i simboli delle 9 incisioni che spesso possono essere interpretate in diversi modi. Per esempio l'incisione raffigurante l'eremita con le chiavi in mano, in una nella destra, nell'altra nella sinistra: è probabile che la mano destra (in quella firmata AT) rappresenti il mondo materiale, familiare; la mano sinistra (firmata LCF) rappresenta invece il mondo sconosciuto, trascendentale. La coppia di chiavi nel comune simbolismo rappresenta l'oro e l'argento, l'uno rappresentante il benessere e la ricchezza (materiale), l'altro rappresentante la purezza e l'illuminazione (trascendentale).[1]
  • Il capo maggiordomo Gruber dell'albergo dove Corso soggiorna a Parigi, che il protagonista sembra già conoscere appena arrivato, ha sulla giacca una spilla raffigurante due chiavi incrociate, simili a quelle tenute in mano dall'eremita della seconda incisione. Il personaggio ha un ruolo marginale in realtà, ma è sicuramente un voluto riferimento all'incisione.
  • Al minuto 24 e 20 secondi, Corso, in una biblioteca, confronta la Nona incisione del "Nove Porte" con un libro che sta opportunamente consultando, le due incisioni sembrano identiche, invece al minuto 24 e 25 secondi, l'inquadratura si sofferma sulla xilografia mostrando un'immagine completamente diversa dalle precedenti, poco più tardi voltandosi verso l'alto vedrà la stessa donna misteriosa raffigurata in quella stessa immagine, non è chiaro se sia un errore o una precisa anticipazione che svela la chiave di lettura dell'inganno spiegato a fine film, in cui viene chiarito a Corso la falsificazione dell'ultima incisione, proprio per trarre in inganno Balcan.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget di 38 milioni di dollari, il film ha incassato 58 milioni di dollari nel mondo.[2]

Alcune scene sono state girate presso il castello di Puivert, nel sud della Francia.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Symbolism in “The Ninth Gate”, su slappHappe, 23 marzo 2009. URL consultato il 24 luglio 2021.
  2. ^ (EN) The Ninth Gate, su Box Office Mojo. URL consultato il 3 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN208725295 · GND (DE7638270-9 · BNF (FRcb167261459 (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema