L'impiegato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'impiegato
Impiegato 1.jpg
Nino Manfredi e Anna Maria Ferrero
Titolo originaleL'impiegato
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1960
Durata95 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaGianni Puccini
SoggettoTommaso Chiaretti, Nino Manfredi, Elio Petri
SceneggiaturaTommaso Chiaretti, Nino Manfredi, Elio Petri
ProduttoreAntonio Cervi, Alessandro Jacovoni
Casa di produzioneAjace Produzioni Cinematografiche
Distribuzione (Italia)Ajace Produzioni Cinematografiche
FotografiaCarlo Di Palma
MontaggioNino Baragli
MusichePiero Piccioni
ScenografiaGiovanni Checchi, Carlo Egidi
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

L'impiegato è un film del 1960 diretto da Gianni Puccini. È il primo film in cui Nino Manfredi è protagonista assoluto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nando è impiegato presso l'Istituto Romano dei Beni Immobiliari. È insoddisfatto del suo lavoro ripetitivo e mortificante. Deve ascoltare le lamentele degli inquilini, riscuotere le pigioni, inviare le lettere di sfratto.

Riesce a evadere dalla mediocrità quotidiana solamente la notte, quando entra nel suo mondo fantastico, frutto della lettura di un romanzo Giallo Mondadori. Sogna di diventare così uno scrittore di successo che vive in una splendida villa sul mare, innamorato di Joan, ex ballerina di un night di Las Vegas, scappata dal sanguinoso boss MacNelly.

La monotonia del lavoro cessa quando da Milano arriva un'ispettrice, la dottoressa Jacobetti, per verificare lo stato del personale e collaudare nuove modalità di svolgimento del lavoro.

È molto esigente e talmente appassionata al suo lavoro che è stata costretta a dividersi dal marito e vivere da sola. Gli impiegati sono molto infastiditi dalle pesanti modifiche imposte.

Una notte Nando sogna di essere lasciato da Joan a causa della Jacobetti, di recarsi in casa dell'ispettrice per assassinarla e di essere scoperto dall'Ispettore Rock, famoso in quel periodo per i Carosello della brillantina Linetti.

In realtà Nando si rende conto di essere innamorato della Jacobetti. Cercherà di sedurla nel suo appartamento e la seguirà anche alla stazione, dove la donna, riconciliatasi col marito, prenderà il treno di ritorno per Milano.

Nando torna alla quotidianità. D'ora in poi, però, di notte la donna dei suoi sogni diventerà proprio la Jacobetti

La critica[modifica | modifica wikitesto]

Gian Luigi Rondi su Il Tempo, del 24 gennaio 1960 scrisse:

«Il film respira sempre un'atmosfera così rarefatta da essere in taluni momenti persino sofisticato: i dialoghi sono brillanti ed intelligenti, la satira è acuminata e sottile, i personaggi hanno quasi tutti una precisa gustosa e singolare dimensione umana. Nino Manfredi, felicemente ci dimostra con quanto equilibrio si possa fare la commedia (...)»

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto da Alessandro Jacovoni e Tonino Cervi, il film fu girato nel 1959 per gli esterni tra piazza Vittorio Emanuele II, piazza Dante, via Merulana e Porta Cavalleggeri.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Musiche composte e dirette da Piero Piccioni con l'intervento di Lydia MacDonald per i vocalizzi e il canto.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Incasso accertato sino a tutto il 31 marzo 1964: Lit. 507.374.378.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo Bolaffi del cinema italiano 1956/1965, a cura di Gianni Rondolino.
  • AA.VV., La città del cinema, Napoleone editore, Roma 1979.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema