Piazza Dante (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°53′31.32″N 12°30′14.37″E / 41.892032°N 12.503993°E41.892032; 12.503993

Piazza Dante

Piazza Dante è una piazza sita tra via Alfieri e via Giusti, a Roma, nel rione Esquilino[1]. Si trova non lontana da piazza Vittorio Emanuele II.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La piazza, dedicata al fiorentino Dante Alighieri, avrebbe dovuto ospitare un monumento dedicato al poeta, il cui progetto non fu mai attuato.

In piazza Dante si trova il palazzo delle Casse di Risparmio Postali, costruito nel 1914 su progetto di Luigi Rolland[2].

Durante la seconda guerra mondiale ospitò uno dei maggiori rifugi sotterranei per riparare la popolazione dai bombardamenti aerei alleati; i locali sotterranei negli anni 80 furono occupati da una centrale ENEL

Per qualche tempo, fino al 1945, la piazza fu nominata Piazza Leonardo da Vinci, dal momento che a Dante doveva essere assegnato un viale nella nascente E42, mai realizzato.

Recentemente i giardinetti della piazza sono stati dedicati agli immigrati Hasib Begum e a Mary Begum, periti in un incendio nella vicina via Buonarroti nel 2007.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalle stazioni Vittorio Emanuele e Manzoni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Donatella Paradisi, Le strade di Roma. Volume primo A-D, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma