Kieran Culkin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Kieran Kyle Culkin (New York, 30 settembre 1982) è un attore statunitense.

Ha partecipato a numerosi film di successo, molti divenuti cult, tra cui Mamma, ho perso l'aereo (1990), Il padre della sposa (1991), Mamma, ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York (1992), Il padre della sposa 2 (1995), Basta guardare il cielo (1998), La musica del cuore (1999), Le regole della casa del sidro (1999), Igby Goes Down (2002), Scott Pilgrim vs. the World (2010), Wiener-Dog (2016) e No Sudden Move (2021). Per la sua interpretazione in Igby Goes Down ha ricevuto la sua prima candidatura al Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicale e si è aggiudicato il Critics' Choice Award al miglior giovane interprete.

In campo televisivo, ha ricevuto l’attenzione internazionale con il ruolo di Romulus "Roman" Roy nella pluripremiata serie televisiva HBO Succession, per la quale si è aggiudicato uno Screen Actors Guild Award e un Critics Choice Television Award, ricevendo tre candidature al Golden Globe e una al Premio Emmy.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il quarto figlio di Patricia Brentrup e dell'attore Kit Culkin, che si separarono quando aveva 13 anni. Fratello minore del più noto Macaulay Culkin, ha altri 5 fratelli: Shane (1976), Dakota (1979-2008, morta travolta da una macchina mentre passeggiava), Quinn (1984), Christian (1987) e Rory (1989). È nipote dell'attrice Bonnie Bedelia, sorella del padre[1][2]. Debutta all'età di otto anni, al fianco del fratello Macaulay, nel film Mamma, ho perso l'aereo (1990) di Chris Columbus, dove interpreta il cugino Fuller. Lavora nuovamente per Columbus in Cara mamma, mi sposo (1991). Dopo aver lavorato al fianco di Steve Martin in Il padre della sposa (1991), torna ad affiancare il fratello in Mamma, ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York (1992).

Nel 1993 lavora con Jean-Claude Van Damme nel film d'azione Accerchiato, e negli anni seguenti recita in svariati film come Kiss Me, La musica del cuore e Le regole della casa del sidro, oltre che nella miniserie Magiche leggende. Nel 2002 è uno dei protagonisti di The Dangerous Lives of Altar Boys, e nello stesso anno si guadagna una candidatura ai Golden Globe 2003 per la sua interpretazione nel film Igby Goes Down, per il quale vince un Satellite Award. Dopo alcuni anni di pausa, torna al cinema con il film indipendente Lymelife, con Alec Baldwin. Nel 2010 è tra gli attori di Scott Pilgrim vs. the World, diretto da Edgar Wright, mentre negli anni successivi recita in Margaret (2011) di Kenneth Lonergan, Quitters (2015) di Noah Pritzker e Wiener-Dog (2016) di Todd Solondz.

A partire dal 2018 è uno degli attori protagonisti della serie televisiva Succession, per la quale è candidato come miglior attore non protagonista in una serie drammatica sia agli Emmy 2020 che ai Golden Globe del 2022.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2010 e il 2011 è stato fidanzato con l'attrice Emma Stone.

Culkin ha sposato nel 2013 la ex top model Jazz Charton. Insieme hanno due figli: Kinsey Sioux, nata il 13 settembre 2019 e Wilder Wolf, nato il 17 agosto 2021.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe

Screen Actors Guild Awards

Critics' Choice Awards

  • 2003 - Miglior giovane interprete per Igby Goes Down
  • 2022Miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Succession

Premio Emmy

  • 2021 – Candidatura al miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Succession

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Kieran Culkin è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael J. Bandler, Character Study Despite Her Laurels, Bonnie Bedelia Wonders When Stardom Will Arrive, su Chicago Tribune, 25 ottobre 1992. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  2. ^ Bonnie Bedelia: Biography, su tvguide.com, TV Guide. URL consultato il 5 maggio 2013.
  3. ^ Who is Kieran Culkin and is he married?, su thesun.co.uk, The Sun (periodico britannico).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117464149 · ISNI (EN0000 0001 1954 3003 · LCCN (ENno97060542 · GND (DE136191371 · BNE (ESXX1105347 (data) · BNF (FRcb14167670n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no97060542