Jim Hall (pilota automobilistico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jim Hall
Dati biografici
Nome James Ellis Hall
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1, campionato CanAm
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1960-1963
Scuderie BRP
Miglior risultato finale 12° (1963)
GP disputati 11
Punti ottenuti 3
 

James Ellis "Jim" Hall (Abilene, 23 luglio 1935) è un ex pilota automobilistico statunitense, attivo in Formula 1 e nel campionato CanAm.

Più che come pilota è conosciuto quale fondatore e proprietario, insieme a Hap Sharp, della Chaparral Cars di Midland (Texas), casa costruttrice di vetture Sport Prototipo negli anni 1960 e 1970, tra le più innovative del periodo, note in particolare per le ardite soluzioni aerodinamiche.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Jim Hall nacque in una ricca famiglia di petrolieri.[1] Poco prima di iniziare la sua carriera universitaria al Caltech i suoi genitori e la sorella morirono in un incidente aereo.[1] Hall ereditò quindi un patrimonio di quindici milioni di dollari e, mentre i suoi fratelli gestivano l'azienda di famiglia, andò a studiare geologia in California.[1] Nel 1954 nacque in lui la passione per le corse e lo stesso anno prese parte alla sua prima gara automobilistica a bordo di una Austin Healey. Decise quindi di cambiare corso universitario, laureandosi infine in ingegneria meccanica.[1] Dopo la laurea si dedicò quindi sia al business che all'attività di pilota.[1] In particolare la sua azienda sponsorizzava Carroll Shelby.[1]

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Hall decise poi di noleggiare una Lotus per prendere parte al Gran Premio degli Stati Uniti 1960, che concluse al settimo posto. Incontrò, però, Dick Troutman e Tom Barnes, progettisti di auto da corsa, che erano alla ricerca di finanziamenti per la costruzione di modelli Scarab per competere nel campionato di vetture sport.[1] Fondò quindi insieme ad Hap Sharp la Chaparral Cars, con base a Midland in Texas. Nel 1961 tentò nuovamente la partecipazione al Gran Premio degli Stati Uniti, venendo però costretto al ritiro, ma l'attenzione del pilota era in gran parte concentrata nello sviluppo delle vetture della Chaparral.[1] Per il 1963 Hall si trasferì in Europa, stipulando un contratto con la BRP. Durante la stagione ottenne i suoi primi punti in Formula 1, concludendo quinto in Germania e sesto in Gran Bretagna. A fine anno decise, però, di abbandonare la massima serie automobilistica per dedicarsi alla sua azienda.[1]

Risultati completi in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

1960 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Pilota privato Lotus 18 7 0
1961 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Pilota privato Lotus 18 Rit 0
1962 Scuderia Vettura Flag of the Netherlands.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
Pilota privato Lotus 21 NP 0
1963 Scuderia Vettura Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico (1934-1968).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
BRP Lotus 24 Rit Rit 8 11 6 5 8 10 8 3 12º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Drivers: Jim Hall, grandprix.com. URL consultato il 13 maggio 2012.