Jan Burke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jan Burke (Houston, 1 agosto 1953) è una scrittrice statunitense di romanzi e racconti gialli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Houston, Texas, nel 1953, ha vissuto a lungo nella California del Sud laureandosi in Storia all'Università di Stato di Long Beach[1].

Ha esordito nella narrativa nel 1993 con il romanzo Goodnight, Irene nel quale ha introdotto il personaggio della giornalista Irene Kelly protagonista di una decina di romanzi e lanciata alla ribalta anche dall'ex presidente Bill Clinton che la menzionò durante uno dei suoi primi discorsi alla Casa Bianca[2].

Autrice di altri 2 romanzi e 7 raccolte di racconti, è stata insignita di numerosi premi dedicati alla narrativa di genere tra i quali si ricorda il Premio Edgar per il miglior romanzo del 2000 ottenuto con Ossa, settimo capitolo della serie Irene Kelly[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Biografia e bibliografia, su bookseriesinorder.com. URL consultato il 17 maggio 2018.
  2. ^ (EN) Biografia della scrittrice, su recordedbooks.com. URL consultato il 17 maggio 2018.
  3. ^ (EN) Mistery Writers of America Database, su theedgars.com. URL consultato il 17 maggio 2018.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Serie Irene Kelly[modifica | modifica wikitesto]

  • Goodnight, Irene (1993)
  • Sweet Dreams, Irene (1994)
  • Dear Irene (1995)
  • Remember Me, Irene (1996)
  • Hocus (1997)
  • Liar (1998)
  • Ossa (Bones, 2000), Milano, Sonzogno, 2001 traduzione di Lucia Fochi e Stefania De Franco ISBN 88-454-2050-7.
  • Flight (2001)
  • Bloodlines (2005)
  • Kidnapped (2006)
  • Disturbance (2011)

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nine (2002)
  • The Messenger (2009)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • 18 (2003)
  • Caught Red-Handed (2014)
  • Apprehended (2014)
  • Tried (2014)
  • Convicted (2014)
  • Justice Done (2014)
  • Case Closed (2014)

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79161767 · ISNI (EN0000 0001 1678 2789 · LCCN (ENn92077516 · GND (DE120964600 · BNF (FRcb136317848 (data)