Jackie Cooper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cooper nel 1989

Jackie Cooper (Los Angeles, 15 settembre 1922Beverly Hills, 3 maggio 2011) è stato un attore e regista statunitense che a un'importante esperienza di attore bambino negli anni trenta ha fatto seguire, da adulto, un'intensa carriera di regista e attore caratterista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jackie Cooper da bambino

Era figlio di John Cooper, che lasciò la famiglia quando lui aveva solo due anni; sua madre, Mabel Leonard Bigelow Polito, era una pianista.

Fu un famoso attore bambino del cinema hollywoodiano, dapprima lanciato nel ruolo di Jackie nei cortometraggi cinematografici (successivamente diventati anche serie televisiva) di grande successo Simpatiche canaglie.

Nel 1931 fu nominato agli Academy Awards come miglior attore per la pellicola Skippy. All'epoca Cooper aveva appena nove anni e fu l'attore più giovane ad essere mai nominato agli Oscar. Seguì una lunga una serie di produzioni cinematografiche di grande successo, tra le quali le più famose restano quelle al fianco di Wallace Beery: Il campione (1931), L'isola del tesoro (1934), Il circo (1935).

Da giovane attore gli vennero offerte opportunità di lavoro di secondaria importanza: dal 1949 recitò prevalentemente a teatro e alla televisione, apparendo sempre più raramente in produzioni cinematografiche. Negli anni Cinquanta cominciò la sua carriera dietro la macchina da presa, che lo portò a dirigere anche una stazione radiotelevisiva negli Stati Uniti; come regista televisivo Cooper vinse anche un Emmy Award per la serie trasmessa in Italia col titolo Time Out (1980).

Nel 1973 è stato guest star in un episodio della terza serie di telefilm con il tenente Colombo. Il ruolo che lo rese nuovamente famoso al grande pubblico fu quello di Perry White nelle prime quattro pellicole di Superman, dal 1978 al 1987. Ha partecipato come guest star anche a due episodi della terza stagione del telefilm La signora in giallo, nel 1986.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Autobiografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jackie Cooper (with Dick Kleiner), Please, Don't Shoot My Dog (Harper Collins, 1981)

Attore (cinema, teatro, televisione)[modifica | modifica wikitesto]

Cinema, 1929-87[modifica | modifica wikitesto]

Teatro, 1949-54[modifica | modifica wikitesto]

  • Magnolia Alley (Mansfield Theatre, Broadway, 1949) - 8 rappresentazioni
  • Remains to Be Seen (Morosco Theatre, Broadway, 1952-52) - 199 rappresentazioni
  • King of Hearts (Lyceum Theatre, Broadway, 1954; National Theatre, Broadway, 1954) - 279 rappresentazioni

Televisione, 1949-90 (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, pp. 106-107.
  • (EN) David Dye. Child and Youth Actors: Filmography of Their Entire Careers, 1914-1985. Jefferson, NC: McFarland & Co., 1988, pp. 40-43.
  • (EN) Edward Edelson. Great Kids of the Movies, Garden City, NY: Doubleday, 1979. pp. 40-42.
  • (EN) Leonard Maltin (a cura di), Hollywood Kids (New York: Popular Books, 1978).
  • (EN) James Robert Parish, Great Child Stars, New York: Ace Books, 1976, pp. 27-35.
  • (EN) Marc Best, Those Endearing Young Charms: Child Performers of the Screen (South Brunswick and New York: Barnes & Co., 1971), pp. 40-44.
  • (EN) Norman J. Zierold, "Jackie Cooper", The Child Stars. New York: Coward-McCann, 1965, pp. 229-234.
  • (EN) Dixie Willson, Little Hollywood Stars, Akron, OH, e New York: Saalfield Pub. Co., 1935, pp. 30-36.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305417301 · ISNI (EN0000 0001 1944 5745 · LCCN (ENn80159039 · GND (DE121541304 · BNF (FRcb139308390 (data)