Il campione (film 1931)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il campione
The Champ (1931) trailer 1.jpg
Titolo originaleThe Champ
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1931
Durata87 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37:1
Generedrammatico
RegiaKing Vidor (non accreditato)
SoggettoFrances Marion
SceneggiaturaLeonard Praskins, Wanda Tuchock e, non accreditato, Don Marquis
ProduttoreKing Vidor e, non accreditati, Harry Rapf, Irving Thalberg e William M. Weiss
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer (controlled by Loew's Incorporated) (A King Vidor Production)
Distribuzione in italianoMetro-Goldwyn-Mayer (1934)
FotografiaGordon Avil
MontaggioHugh Wynn
ScenografiaCedric Gibbons
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il campione (The Champ) è un film del 1931, diretto da King Vidor.

È un melodramma toccante che ebbe grande successo commerciale e di critica. Nel 1932 vinse due premi Oscar, per il miglior attore (Wallace Beery) e il miglior soggetto. Nello stesso anno fu presentato a Venezia alla prima edizione della Mostra del cinema.

Nonostante che il rapporto tra i due attori non fosse particolarmente cordiale ed amichevole,[1] Wallace Beery e il piccolo Jackie Cooper formarono sullo schermo una coppia così riuscita e amata dal pubblico che essi saranno chiamati ad essere protagonisti di altri film nei quali ogni volta si ripeté puntualmente lo stesso successo di pubblico e di critica: The Bowery (1933), Treasure Island (1934), e O'Shaughnessy's Boy' (1935).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista è un ex pugile divorziato che vive ora poveramente e dimenticato da tutti con il proprio bambino, al quale è legato da grande affetto. Un giorno che vince al gioco gli regala un cavallo ribattezzato 'Little Champ'. La madre, che nel frattempo si è risposata e vive agiatamente con un marito ricco, incontra casualmente il bambino e chiede all'ex marito di poterlo tenere con sé. A malincuore, il pugile che ha problemi economici e deve combattere contro la sua dipendenza all'alcool e al gioco d'azzardo, acconsente. Il bambino però alla prima occasione scappa dalla madre per tornare a vivere con il padre, il quale rinvigorito dal suo affetto riprende gli allenamenti per un faticoso rientro nello sport agonistico. Il suo avversario si rivela troppo forte e il combattimento sarà fatale al protagonista che perderà la vita dopo una soffertissima vittoria, davanti agli occhi del figlio, che disperato trova conforto tra le braccia della madre.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated) (A King Vidor Production).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 21 novembre 1931.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu doppiato a Roma negli studi della MGM di via Maria Cristina 5 , nel 1933 con la voce di Jackie Cooper affidata ad una giovane Rina Morelli ad uno dei suoi primi lavori nel doppiaggio.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 il film ebbe un discusso remake dall'omonimo titolo, diretto da Franco Zeffirelli, con Jon Voight e Faye Dunaway come protagonisti. Il soggetto del film di Zeffirelli è tratto dalla storia originale del 1931 di Frances Marion.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jackie Cooper, Please Don't Shoot My Dog, Penguin Group, 1982, pp. 9, 32, 40–42, 44, 54–61. ISBN 0-425-05306-7.
  2. ^ La parola ripudiata a cura di Mario Quargniolo, La Cinetaca del Friuli, 1989

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • La grande parata - Il cinema di King Vidor a cura di Sergio Toffetti e Andrea Morini, Lindau 1994 ISBN 88-7180-106-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENno2019097794 · WorldCat Identities (ENno2019-097794
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema