Impero nomade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Imperi nomadi, talvolta chiamati Imperi delle steppe, o Imperi dell'Asia centrale o Imperi dell'Asia interna, sono Imperi caratterizzati dall'uso dell'arco brandeggiabile, da quello del cavallo, dal il nomadismo nella steppa eurasiatica, e che si estendevano dalla Scitia dell'antichità classica alla Zungaria dell'età moderna.

Gli Imperi nomadi operarono di norma eleggendo una loro capitale all'interno dello Stato sedentario conquistato, sfruttando quindi l'esistente burocrazia e le risorse commerciali della società assoggettata. Nel caso di affermazione più o meno stabile dell'occupazione, la dinastia inizialmente nomade tendeva inevitabilmente a diventare culturalmente assimilata ai conquistati.[1] Un termine impiegato per descrivere questo fenomeno è stato in epoca medievale il Khanato (da khān, il titolo dei loro sovrani) e, dopo le conquiste mongole, sotto il profilo strutturale, un'Orda, come fu il caso dell'Orda d'Oro.

Antichità[modifica | modifica wikitesto]

Cimmeria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cimmeri.

I Cimmeri erano un antico popolo indo-europeo che viveva a nord del Caucaso e del Mar d'Azov ai primi del 1300 a.C. finché non furono sospinti a sud dagli Sciti, verso l'Anatolia nell'VIII secolo a.C.. Sotto il profilo linguistico sono considerati iranici, o forse Traci, con una classe dominante comunque iranica.

Scizia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Scizia e Sarmazia.
La Scizia minore nel I secolo d.C.

Gli Sciti dominarono le steppe euroasiatiche dall'VIII secolo a.C. al II secolo d.C.. L'area nota agli autori classici come Scizia include:

I Saci (Indo-sciti) si espanderono al Sistan e alla Valle dell'Indo nel I secolo d.C..

Xiongnu[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Xiongnu.
Estensione della confederazione Xiongnu Confederation, 250 a.C. circa.

I Xiongnu furono una confederazione di tribù nomadi dell'Asia centrale guidata da una classe di origini ignote. Essa dimorava nelle steppe a nord della Cina tra il III secolo e il 460. Il loro territorio includeva la moderna Mongolia, la Siberia meridionale, la Manciuria occidentale, le moderne regioni cinesi della Mongolia interna, del Gansu e dello Xinjiang. Le relazioni tra le prime dinastie cinesi e gli Xiongnu furono complesse e compresero conflitti militari, scambi di tributi e pacifici commerci, oltre a trattati matrimoniali. La confederazione era ritenuta talmente pericolosa e distruttiva che la dinastia Qin ordinò la costruzione della Grande Muraglia per proteggere la Cina dagli attacchi dei Xiongnu.Nel 174 a.C. con un’area di 9 milioni di kmq Xiongnu era il più vasto Impero mai esistito nel mondo antico.

Impero unno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Unni.
L'Impero unno al suo apice durante il regno di Attila.

Gli Unni furono una confederazione di tribù eurasiatiche delle steppe dell'Asia centrale. Apparsi la prima volta al di sopra del corso del fiume Volga pochi anni dopo la metà del IV secolo, essi conquistarono tutta l'Europa orientale, toccando i limiti dell'Impero romano a sud e avanzando tanto lontano a nord da toccare la moderna Germania. La loro comparsa in Europa comportò grandi sconvolgimenti etnico-politici e potrebbe aver stimolato la Grande Migrazione. L'Impero raggiunse la sua più grande estensione sotto Attila, tra il 447 e il 453, raggiungendo i 5,7 milioni di kmq.

Popolo mongolo ed espansione turca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Migrazioni turche, Confederazioni tribali turche, Bulgari, Khazari e Avari.

Rouran (柔然)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rouran.
Il Canato Rouran, 500 ca.

I Rouran (柔然), Juan Juan (蠕蠕) o Ruru (茹茹) furono una confederazione di popoli mongoli e tribù parlanti Mongolo[3] delle aree di confine della Cina dal tardo IV secolo al tardo VI secolo. Essi controllavano l'area della Mongolia, fino al confine con la Manciuria e Turfan e, forse, fino alla costa orientale del lago Balkhash, e dal fiume Orkhon alla Cina vera e propria.

Göktürk[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Göktürk.
Khaganati Gökturk al loro apice, 600 ca.:

     Gokturk occidentali: l'area colorata in rosso più chiaro era sotto il diretto governo dei Göktürk, le aree colorate in rosso più scuro indicano la loro area d'influenza.

     Gokturk orientali: l'area colorata in azzurro più chiaro era sotto governo diretto, quella in azzurro più scuro mostra la loro area d'influenza.

I Göktürk, o Kök-Türk furono un popolo turco dell'antica Asia settentrionale e centrale e del NO della Cina. Sotto il comando di Bumin Khan e dei suoi figli, essi instaurarono il primo Stato turco conosciuto attorno al 546, prendendo il posto dei primi Xiongnu come più potente realtà della regione. Furono la prima entità a usare il termine "turco" in senso politico. Il loro impero si spezzò in una parte occidentale e in una orientale verso il 600, riemergendo ancora nel 680, per declinare definitivamente dopo il 734.

Uiguri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kaghanato uiguro.
L'Asia nell'anno 800, col Kaghanato uiguro e i suoi vicini

L'Impero uiguro fu un impero turco che si estendeva fino all'attuale Mongolia e alle aree circostanti per circa un secolo, tra metà dell'VIII secolo e il IX. Era una confederazione tribale guidata dall'aristocrazia degli Uiguri dell'Orkhon, instaurata da Özmish Khan nel 744, che s'avvantaggiò del vuoto di potere creatosi nella regione dopo la caduta dell'Impero gökturk. Crollò a sua volta dopo un'invasione kirghisa nell'840.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Impero mongolo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Impero mongolo.
Espansione dell'Impero mongolo

L'Impero mongolo è stato alla sua acme il più grande impero della storia per estensione e contiguità di territori, con una popolazione stimata di oltre 100 milioni di abitanti. L'Impero fu fondato da Gengis Khan nel 1206 e al suo apice comprendeva la maggioranza dei territori che si estendono tra il Sudest asiatico e l'Europa orientale.

Dopo aver unificato le tribù turco-mongole, l'Impero si espanse grazie a conquiste realizzate in tutta l'Eurasia. Nel corso della sua esistenza, la Pax Mongolica facilitò scambi culturali e commerciali lungo la Via della Seta tra l'Oriente, l'Occidente, il Vicino e il Medio Oriente nel corso del XIII e XIV secolo. Esso agevolò notevolmente le comunicazioni e il commercio attraverso l'Asia quando era al suo apice.[4][5]

Dopo la morte di Möngke Khan nel 1259, l'Impero si divise in quattro parti (dinastia Yuan, Ilkhanato, Khanato chagatai e Orda d'Oro), ognuna delle quali era governata da un proprio Khan, sebbene gli Yuan non avessero il titolo di Khagan. Dopo la disintegrazione dei Khanati occidentali e la caduta della dinastia Yuan in Cina nel 1368, l'Impero infine finì.

Impero timuride[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Impero timuride.
Mappa continentale dell'Impero timuride

I Timuridi, che si definivano però Gurkānī, furono una dinastia turco-mongola, instaurata dal "Signore della guerra" Timur (Tamerlano) nel 1370 e che durarono fino al 1506. Al loro zenit, l'Impero timuride includeva l'intera Asia centrale, l'Iran e il moderno Afghanistan, come pure grandi parti della Mesopotamia e del Caucaso.

Zungari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Khanato degli Zungari.

Gli Zungari erano una confederazione di numerose tribù oirate (o mongole occidentali) che formarono e mantennero l'ultimo impero di arcieri montati dai primi del XVII secolo a metà del XVIII secolo. Emersero ai primi del XVII secolo per combattere gli Altan Khan di Khotogoid, Jasaghtu Khan e i loro patroni Manchu e dominare e controllare il popolo mongolo e i loro territori tradizionali. Nel 1756 questa ultima potenza nomade si dissolse a causa delle lotte di successione esplose tra i principi oirati e della costosa guerra con la dinastia Qing.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter B. Golden, An Introduction to the History of the Turkic Peoples: Ethnogenesis and State Formation in the Medieval and Early Modern Eurasia and the Middle East, Southgate Publishers, 1992, p. 75.
  2. ^ Harry Thurston Peck, Harpers Dictionary of Classical Antiquities (1898) Oceanus Sarmaticus
  3. ^ William Montgomery McGovern - early empires of Central Asia, p. 421
  4. ^ Gregory G. Guzman - the barbarians a negative or positive factor in ancient and medieval history?, The historian, 50 (1988), pp. 568-70
  5. ^ Thomas T. Allsen - and conquest in Mongol Eurasia, 211

Bibliografia scelta[modifica | modifica wikitesto]

  • Reuven Amitai; Michal Biran (eds.), Mongols, Turks, and others: Eurasian nomads and the sedentary world (Brill's Inner Asian Library, 11), Leida, Brill, 2005 (ISBN 90-04-14096-4).
  • Robert Drews, Early riders: The beginnings of mounted warfare in Asia and Europe, New York, Routledge, 2004 (ISBN 0-415-32624-9).
  • Grousset, René, The Empire of the Steppes: a History of Central Asia, Naomi Walford, (tr.), New Brunswick, NJ, Rutgers University Press, 1970.
  • Erik Hildinger, Warriors of the steppe: A military history of Central Asia, 500 B.C. to A.D. 1700. New York, Sarpedon Publishers, 1997 (rilegato, ISBN 1-885119-43-7); Cambridge, MA: Da Capo Press, 2001 (brossura, ISBN 0-306-81065-4).
  • Nikolay Kradin, Nomadic Empires: Origins, Rise, Decline. In: Nomadic Pathways in Social Evolution. A cura di N.N. Kradin, Dmitri Bondarenko e T. Barfield (p. 73-87), Mosca, Center for Civilizational Studies, Accademia russa delle scienze, 2003.
  • Nikolay Kradin, Nomads of Inner Asia in Transition, Mosca, 2014 (ISBN 978-5-396-00632-4).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]