Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Xiongnu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xiōngnú
XiongnuMap.png
Territorio degli Xiōngnú (in verde)
 
Nomi alternativi Chinese: 匈奴
Mongolo cirillico: Хүннү
Sottogruppi
  • Chubei
  • Huyan
  • Lan
  • Luandi
  • Qiulin
  • Suibu
  • Göktürk? (disputato)
  • Unni? (disputato)
Luogo d'origine Mongolia, Siberia, Gansu e Xinjiang
Periodo III a.C. - I d.C.
Lingua Lingue altaiche
Religione Sciamanesimo, Tengrismo

Gli Xiongnu (cinese 匈奴S, XiōngnúP, Hsiung-nuW) erano una confederazione nomade di tribù dell'Asia centrale.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La loro classe dirigente ha origini sconosciute. La maggior parte delle informazione sui Xiongnu viene dalle fonti cinesi. Quel poco che sappiamo dei loro nomi e titoli deriva da translitterazioni in lingua cinese. Sono rimaste solo una ventina di parole, che appartengono alla lingua altaica[1], e un'unica frase contenuta in documenti cinesi.

L'identificazione del nucleo etnico degli Xiongnu è stata oggetto di varie ipotesi.

Nel XVIII secolo l'orientalista Joseph de Guignes, notando che negli testi antichi testi cinesi si indicavano le tribù Hsiung-nu con "Hun" (Unni in più lingue), sebbene con caratteri differenti. In epoca contemporanea l'orientalista Étienne de la Vaissière notò che in alfabeto sogdiano sia gli Hsiung-nu che gli Unni venivano indicati entrambi con γwn (xwn), segno che erano considerati sinonimi.[2] E' ipotesi abbastanza diffusa l'ipotesi che dagli Xiongnu/Hsiung-nu derivino gli Unni, intorno al 390 guidati dal re Octar in Europa, tuttavia, sebbene si riscontra una similitudine tra il suono del primo carattere (匈) e "Hun",[3], il secondo carattere (奴) non ha corrispondenze con altre lingue europee e tale origine degli Unni rimane controversa.[4][5]

Le proposte da parte degli studiosi teorizzano la loro lingua come mongola, turca, iranica[6] o yeniseian.[7][5]

Antichissimi resoconti storici cinesi (forse leggendari) riferiscono che gli Xiongnu discendessero da un figlio dell'ultimo capo della prima dinastia cinese (dinastia Xia), che, secondo i cinesi del periodo delle primavere e degli autunni erano geni dello stato di Qi (杞). Le fonti cinesi dal III secolo d.C. riportano la creazione di un impero sotto Modu Chanyu (che divenne il loro supremo capo nel 209 d.C.).[8] Il loro impero si estendeva al di là dei confini della moderna Mongolia. Nel II secolo d.C., sconfissero e dispersero i precedenti dominatori, gli Yuezhi, diventando così il potere predominante nelle steppe a nord della Cina. Essi furono attivi nel sud della Siberia, nella Manciuria occidentale e nelle odierne province cinesi di Mongolia interna, Gansu e Xinjiang. Questi nomadi erano considerati così pericolosi e distruttivi che la dinastia Qin iniziò la costruzione della Grande muraglia per proteggere la Cina dai loro attacchi. Le relazioni fra le prime dinastie cinesi e gli Xiongnu erano complesse, con ripetuti periodi di confronti militari e intrighi alternati a scambi di tributi, commercio e matrimoni combinati a scopo politico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zhonghan, Wang (2004).Outlines of Ethnic Groups in China, p. 133.
  2. ^ Vaissière 2006
  3. ^ Rene 1970, pp.19, 26–27
  4. ^ Harmatta 1994, p.488
  5. ^ a b Beckwith 2009, pp.404-405, nn. 51-52
  6. ^ Bailey 1985, pp.25-41
  7. ^ Adas 2001: 88.
  8. ^ di Cosmo 2004: 186.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Articolo scaricabile: Evidence that a West-East admixed population lived in the Tarim Basin as early as the early Bronze Age Li et al. BMC Biology 2010, 8:15. PDF