Imamzadeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un Mullah (chierico dell'Islam sciita) che prega all'Imāmzādeh Sayyid Hamzah, Tabriz .
Gli interni di molti Imamzadeh sono ricoperti di specchi per creare una brillante esposizione di luce.
Imamzadeh a Ganja, Azerbaigian

Un imamzadeh (in persiano امامزاده‎, "imāmzādeh") è nella lingua persiana un immediato discendente di un imam sciita. Questo termine persiano è usato anche in urdu e azero. Imamzadeh significa "progenie" o discendente di un imam. Gli imamzadeh sono fondamentalmente i Sayyd o Sayyed poiché discendono dagli Imam.

Imamzadeh è anche un termine per una tomba-santuario dei discendenti degli imam, che sono direttamente imparentati con Maometto.[1] Questi santuari sono solo per i discendenti degli imam e non per gli imam stessi. Gli imamzadeh sono anche sayyid, sebbene non tutti i sayyid siano considerati imamzadeh.[2] Queste tombe-santuario sono utilizzate come centri di devozione e pellegrinaggi sciiti. Si ritiene inoltre che queste tombe-santuario abbiano proprietà miracolose e la capacità di guarire.[3] Molti di questi si trovano in Iraq, Medina, India e Iran.

Ci sono molti imamzadeh importanti. Due di questi sono Fātimah bint Mūsā, la sorella dell'Imam Ali al-Ridha, l'ottavo degli imam duodecimani, e Zaynab bint Ali, figlia di Ali, considerata dai musulmani sciiti la prima imam e dai musulmani sunniti come la quarta rashid. Gli imamzadeh non sono tradizionalmente donne.[2]

Molte persone visitano gli imamzadeh che si trovano relativamente nelle vicinanze. Ci sono anche speciali ziyarat-nama (pellegrinaggi) per molti degli imamzadeh. Alcuni di questi pellegrinaggi avvengono anche annualmente e in un determinato periodo dell'anno.[2]

Imamzadeh[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza degli Imamzadeh nella cultura popolare iraniana[modifica | modifica wikitesto]

Gli imamzadeh erano così influenti che alcune città o parti di città hanno preso il nome dagli Imamzadeh che vi sono sepolti, ad esempio Torbat-e Heydarieh, Astaneh-ye Ashrafiyeh a Gilan, Astaneh vicino Arak e Shahreza.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esposito, John L. 2003. The Oxford Dictionary of Islam. Oxford University Press. Oxford. p 136.
  2. ^ a b c Lambton, A.K.S. "Imamzada." Encyclopedia of Islam, Second Edition. Edited by: P. Bearman, Th. Bianquis, C.E. Bosworth, E. Van Donzel and W.P. Heinrichs. Brill, 2010. Brill Online. Augustana. 6 aprile 2010
  3. ^ Esposito, John L. 1995. The Oxford Encyclopedia of the Modern Islamic World, v.2. Oxford University Press. Oxford. p. 185
  4. ^ (FA) Khordad, il giorno della celebrazione dell'Imamzadegh dei santi santuari, su .:: وب سایت رسمی معاونت فرهنگی دانشگاه علوم پزشکی تهران ::.. URL consultato il 12 gennaio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]