Il pastor fido (Händel)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il pastor fido (Handel))
Il pastor fido
Guarini - Il pastor fido.PNG
Frontespizio de Il pastor fido, dramma pastorale. Venezia, Giovanni Bonfadino, 1590.
Titolo originale Il pastor fido
Lingua originale italiano
Genere opera seria
Musica Georg Friedrich Händel
Libretto Giacomo Rossi
Fonti letterarie Giovanni Battista Guarini
Atti 3
Epoca di composizione 1712
Prima rappr. 22 novembre 1712
Teatro Her Majesty's Theatre di Londra
Personaggi
  • Amarilli soprano
  • Dorinda contralto
  • Eurilla soprano
  • Mirtillo soprano (castrato)
  • Silvio alto (castrato)
  • Tirenio basso

Il pastor fido (HWV 8) è un'opera in tre atti di Georg Friedrich Händel su libretto di Giacomo Rossi. La vicenda fa riferimento al famoso poema pastorale omonimo di Giovanni Battista Guarini.

Storia delle rappresentazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'opera fu composta nel 1712 e andò in scena per la prima volta il 22 novembre dello stesso anno, sotto la direzione del compositore stesso, al Her Majesty's Theatre di Londra. L'accoglienza fu generalmente negativa, probabilmente a causa delle elevate aspettative che il pubblico nutriva in seguito al successo dell'opera Rinaldo. Un commentatore riporta che "la scenografia rappresentava unicamente l'Arcadia, i costumi erano vecchi e l'opera breve". I ruoli di Mirtillo e Silvio furono interpretati dai castrati Valeriano Pellegrini e Valentino Urbani. L'ouverture è in sei movimenti appare eccessivamente ampia per quei tempi: è verosimile pensare che fosse stata scritta come una suite orchestrale distinta dall'opera.

Una seconda versione del Pastor fido venne rappresentata nella primavera del 1734 con Anna Maria Strada del Pò come Amarilli, Margherita Durastanti come Eurilla e Giovanni Carestini nel ruolo di Mirtillo. In questa veste l'opera ebbe un riscontro ben più favorevole, ma Händel aveva dovuto modificare radicalmente la musica rispetto alla prima stesura: erano rimaste solamente sette delle arie originali, mentre le rimanenti erano state rimpiazzate con arie prese da cantate o da opere precedenti dell'autore. Il successo dell'opera fu più che buono, tanto che si ebbero ben 13 repliche. Il pastor fido fu nuovamente portato in scena nel tardo autunno del 1734: Carestini rimase nel ruolo di Mirtillo e il tenore inglese John Beard prese il ruolo di Silvio. Fu introdotto un prologo, Terpsicore, che consisteva in arie solistiche, movimenti corali e balletti: il ruolo danzante di Terpsicore fu interpretato da Marie Sallé, il cui corpo di ballo era stato ingaggiato dall'impresario di Covent Garden, John Rich.

Come molte altre opere serie del barocco, Il Pastor Fido cadde dell'oblio e non fu più rappresentato per molto tempo. In tempi più recenti tuttavia l'opera è stata rivalutata e viene eseguita con una certa frequenza. Nel 1959 va in scena nella Villa Olmo di Como, nel 1963 nella Reggia di Versailles e nel 1974 nel King's Theatre di Edimburgo per l'Opera reale svedese.

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Tipo di voce Cast della prima, 22 novembre 1712
Amarilli soprano Elisabetta Pilotti-Schiavonetti
Dorinda contralto Jane Barbier
Eurilla soprano Francesca Margherita de L'Epine
Mirtillo soprano castrato Valeriano Pellegrini
Silvio alto castrato Valentino Urbani
Tirenio basso Richard Leveridge

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast:
Mirtillo, Amarilli, Eurilla, Silvio, Dorinda, Tirenio
Direttore,

orchestra

Etichetta
2012

(versione 1712)

Anna Dennis, Lucy Crowe, Katherine Manley, Clint van der Linde, Madeleine Shaw, Lisandro Abadie
David Bates,

La Nuova Musica

Harmonia Mundi

Cat: 907585.86,CD

1988

(versione 1734)

Paul Esswood, Katalin Farkas, Maria Flohr, Gabor Kallay, Marta Lukin, Jozsef Gregor
Nicholas McGegan

Capella Savaria

Hungaroton

Cat:HCD 12912-3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE300065469
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica