Il figlio di Pulcinella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il figlio di Pulcinella
Commedia in tre atti
Autore Eduardo De Filippo
Lingua originale Italiano
Genere Teatro
Composto nel 1957
Prima assoluta 20 ottobre 1962
Teatro Quirino di Roma
Personaggi
  • Alfredo, autista
  • Vincenzo, cameriere
  • Salvatore, amico di Vincenzo
  • Andrea Cornicione, oste
  • Renato Fuso, pittore
  • Nicola Sapore, affarista
  • Pulcinella, servo
  • Catarinella, lucertola
  • Barone Arrigo Carolis De Pecorellis Vofà Vofà
  • Cecilia, sua moglie
  • Mimmina, loro figlia
  • Annetta, cameriera
  • Avvocato Anselmo Raganelli
  • John, figlio di Pulcinella
  • Un uomo
  • Una donna
  • Il signore
  • Rugantino
  • Arlecchino
  • Pantalone
  • Stenterello
  • Gianduia
  • Meneghino
  • Capitan Spaventa
  • Dottor Balanzone
  • Invitate, invitati, camerieri, facchini, inquilini

Il figlio di Pulcinella è una commedia scritta da Eduardo de Filippo nel 1957, inserita dall'autore nella raccolta Cantata dei giorni dispari. Pubblicata per la prima volta nel numero 170 di giugno 1960 della rivista teatrale "Sipario".

La divisione in tre atti è però solo della versione pubblicata: la prima, avvenuta al Teatro Quirino di Roma il 20 ottobre 1962, vide la commedia strutturata in due tempi e diciotto quadri.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pulcinella è vecchio e solo, abbandonato dal padrone, il barone Vofà-Vofà. Egli lo richiama solo per sfruttarlo per la sua campagna elettorale poiché egli è amico del popolo. Anche i servi del barone fanno moine a Pulcinella, che si lascia abbindolare da tutti poiché egli è credulone.

Dall'America torna a sorpresa il suo figlio segreto, che ha anche lui la maschera ma che non vuole portarla perché ama dire la verità a tutti, ribellandosi per certe situazioni. Nato il nuovo Pulcinella, il vecchio può anche morire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Di Franco Fiorenza, Le commedie di Eduardo, 1984, Roma-Bari, Laterza. pag. 191.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eduardo De Filippo, Teatro (Volume terzo) - Cantata dei giorni dispari (Tomo secondo) - Mondadori, Milano 2007, pagg. 337-528 (con una Nota storico-teatrale di Paola Quarenghi e una Nota filologico-linguistica di Nicola De Blasi)
  • Di Franco Fiorenza, Le commedie di Eduardo, 1984, Roma-Bari, Laterza, ISBN 88-420-2499-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro