Occhiali neri (commedia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Occhiali neri
Commedia in un atto unico
AutoreEduardo De Filippo
Lingua originaleDialetto napoletano
GenereTeatro napoletano
AmbientazioneTorre del Greco
Composto nel1945
Personaggi
  • Mario Spelta, cieco di guerra benestante
  • Maria, sua sorella
  • Assunta, fidanzata di Mario
  • Il dottore
  • L'assistente
  • La signora Covelli, amica degli Spelta
  • Rafele, uomo di fatica degli Spelta
  • voci interne:
    • Salvatore
    • Ragazzo
 

Occhiali neri è una breve commedia napoletana scritta da Eduardo De Filippo nel 1945, contenuta nella raccolta Cantata dei giorni dispari.

La commedia, in un atto unico, racconta le vicende di Mario Spelta - un uomo tornato cieco dalla guerra - affrontando tematiche fino a quel momento sottoposte a censura.

L'opera non è mai stata portata in scena da Eduardo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eduardo De Filippo, Teatro (Volume secondo) - Cantata dei giorni dispari (Tomo primo), Mondadori, Milano 2005, pagg. 273-314 (con una Nota storico-teatrale di Paola Quarenghi e una Nota filologico-linguistica di Nicola De Blasi)