IBEX (satellite)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IBEX
Emblema missione
IBEX official logo.jpg
Immagine del veicolo
IBEX.jpg
Dati della missione
Operatore NASA
Numero di catalogazione 2008-051A
SCN 33401
Destinazione orbita terrestre
Esito sonda funzionante, dismissione nell'ottobre 2010
Vettore razzo Pegasus
Lancio 19 ottobre 2008, 17:47:23 UTC
Massa 80 kg
Programma Explorer
Missione precedente Missione successiva
AIM WISE

IBEX (acronimo inglese per Interstellar Boundary Explorer, ovvero Explorer del confine interstellare), a volte citato anche come Explorer-91, è un satellite artificiale messo in orbita dalla NASA nell'ambito del Programma Explorer.

Immesso su un'orbita terrestre da un razzo Pegasus-XL con lancio aereo da un velivolo Lockheed L-1011 il 19 ottobre 2008[1], è previsto che conduca una missione di 24 mesi dedicata allo studio della regione del termination shock del sistema solare.

La sonda[modifica | modifica wikitesto]

IBEX è equipaggiato con due strumenti di rilevazione per particelle energetiche neutre a diversi livelli di energia: IBEX-Hi (che opera tra valori di 300 eV e 6 keV) e IBEX-Lo (che opera tra 10 eV e 2 keV). Ciascun strumento è costituito da un collimatore, per limitare il campo di osservazione, una superficie di conversione, per trasformare gli atomi di idrogeno e ossigeno in ioni, un analizzatore elettrostatico, per eliminare la luce ultravioletta e selezionare ioni di una specifica fascia energetica, ed un sensore per il conteggio e l'identificazione degli ioni.

Gli strumenti, posti in perpendicolare all'asse di rotazione del satellite e in direzioni opposte fra loro, permetteranno di misurare la quantità e la localizzazione delle collisioni con scambio di carica in tutte le direzioni e si potrà così avere una mappatura del termination shock.

L'alimentazione è fornita da una superficie di pannelli solari che garantiscono una potenza di 116 W a fronte di una necessità di 66.

Lancio e orbita[modifica | modifica wikitesto]

IBEX fu posizionato nel razzo Pegasus alla base aerea di Vandenberg in California e quindi trasportato all'atollo di Kwajalein il 12 ottobre 2008 con un Lockheed L-1011. Da qui decollò il 19 ottobre per essere sganciato dal Lockheed in prossimità dell'equatore[2] alle 17:47:23 UTC[3].

Il satellite è stato posizionato su un'orbita fortemente ellittica caratterizzata da un periasse di 7.000 km e un apoasse di 220886. Questa orbita porta il satellite all'esterno della magnetosfera terrestre rimuovendo una fonte di disturbo che impedirebbe l'osservazione dei fenomeni desiderati. Il satellite sfrutta il tratto di orbita a quota inferiore ai 10 raggi terrestri per effettuare la trasmissione a Terra dei dati raccolti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scheda del lancio di IBEX dal sito della NASA. URL consultato il 31 maggio 2009.
  2. ^ Questa scelta ha permesso un aumento del carico utile di circa 15 kg rispetto ad lancio da Cape Canaveral: Dave McComas, IBEX November 2006, Southwest Research Institute. URL consultato il 1º giugno 2009.
  3. ^ Justin Ray, Mission Status Center in Pegasus/IBEX Launch Report, Spaceflight Now, 19 ottobre 2008. URL consultato il 1º giugno 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Programma Explorer
Lancio di explorer 1
1 I 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 (AE-A) | 18 (IMP-A) | 19 (AD-A) | 20 | 21 (IMP-B) | 22 | 23 | 24 (AD-B) | 25 (Injun-4) | 26 | 27 | 28 (IMP-C) | 29 (GEOS A) | 30 (Solrad 8) | 31 | 32 (AE-B) | 33 (IMP-D) | 34 (IMP-F) | 35 (IMP-E) | 36 (GEOS B) | 37 (Solrad 9) | 38 (RAE-A) | 39 (AD-C) | 40 (Injun-5) | 41 (IMP-G) | 42 (Uhuru) | 43 (IMP-I) | 44 (Solrad 10) | 45 | 46 | 47 (IMP-H) | 48 (SAS-2) | 49 (RAE-B) | 50 (IMP-J) | 51 (AE-C) | 52 (Injun-F) | 53 (SAS-3) | 54 (AE-D) | 55 (AE-E) | 56 (ISEE 1) | 57 (IUE) | 58 (AEM-A) | 59 (ICE) | 60 (AEM-B) | 61 (Magsat) | 62 (DE-1) | 63 (DE-2) | 64 (SME) | 65 (CCE) | 66 (COBE) | 67 (EUVE) | 68 (SAMPEX) | 69 (RXTE) | 70 (FAST) | 71 (ACE) | 72 (SNOE) | 73 (TRACE) | 74 (SWAS) | 75 (WIRE) | 76 (TERRIERS) | 77 (FUSE) | 78 (IMAGE) | 79 (HETE-2) | 80 (WMAP) | 81 (RHESSI) | 82 (CHIPS) | 83 (GALEX) | 84 (Swift) | 85-89 (THEMIS) | 90 (AIM) | 91 (IBEX) | 92 (WISE) | 93 (NuSTAR) | 94 (IRIS)
Voci correlate: Esplorazione spaziale
astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica