Gran Premio di Turchia 2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Turchia Gran Premio di Turchia 2011
843º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 19 del Campionato 2011
Istanbul park.svg
Data 8 maggio 2011
Nome ufficiale VII DHL Turkish Grand Prix
Circuito Istanbul
Percorso 5,338 km / 3,317 US mi
Pista permanente
Distanza 58 giri, 309,396 km/ 192,290 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Australia Mark Webber
RBR-Renault in 1'25"049 RBR-Renault in 1'29"703
(nel giro 48)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
RBR-Renault
2. Australia Mark Webber
RBR-Renault
3. Spagna Fernando Alonso
Ferrari

Il Gran Premio di Turchia 2011 è stata la quarta prova della stagione 2011 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è svolta domenica 8 maggio 2011 sul circuito di Istanbul Park a Istanbul. La gara è stata vinta da Sebastian Vettel su RBR-Renault quindi ha conquistato la terza vittoria in quattro Gran Premi disputati; nel computo delle vittorie complessive il tedesco ha raggiunto il 13° successo in carriera mentre è stato il 18° della scuderia austriaca con la quale concorre. Mark Webber è salito nuovamente sul podio, secondo, mentre lo spagnolo Fernando Alonso ha raggiunto in terzo posto per la prima volta in stagione.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, annuncia per questo gran premio l'uso di coperture dure e morbide. Da questo gran premio la casa italiana annuncia che porrà sulle gomme nuovi loghi colorati, per meglio distinguere la tipologia di gomma montata.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Pat Symonds, ingegnere inglese, per molti anni impegnato in Formula 1 con Toleman, Benetton e Renault, coinvolto nel Crashgate del Gran Premio di Singapore 2008, viene assunto dalla Virgin Racing, come consulente.[2] Sam Michael e Jon Tomlinson, rispettivamente direttore tecnico e capo aerodinamico della Williams, annunciano che lasceranno i loro incarichi al termine della stagione. La scuderia britannica ingaggia Mike Coughlan quale nuovo ingegnere capo. Coughlan svolse il ruolo di capo tecnico alla McLaren fino alla stagione 2007, quando venne coinvolto nella cosiddetta spy story, un caso di spionaggio industriale nei confronti della Scuderia Ferrari.[3]

Derek Warwick è nominato commissario aggiunto per il gran premio dalla FIA. Aveva già svolto tale compito nel 2010 nel Gran Premio di Spagna e nel Gran Premio d'Ungheria. Tra gli altri commissari vi è anche la spagnola Silvia Bellot, prima donna a svolgere tale funzione in un gran premio di F1.[4]

Nella prima sessione di prove libere del venerdì Nico Hülkenberg ha preso il posto di Adrian Sutil alla Force India-Mercedes, Daniel Ricciardo quello di Jaime Alguersuari alla STR-Ferrari e Karun Chandhok quello di Heikki Kovalainen alla Lotus-Renault.[5]

Sviluppi oltre il 2011[modifica | modifica sorgente]

Viene messa in dubbia l'effettuazione del gran premio per la stagione 2012; non vi sarebbe accordo tra l'organizzazione e Bernie Ecclestone. Il presidente della Camera di Commercio di Istanbul, Murat Yalcintas, ha dichiarato che gli organizzatori hanno rifiutato la richiesta di Ecclestone di raddoppiare la tassa per l’organizzazione, portandola a 26 milioni di dollari.[6]

La società finanziaria italiana Exor e l'australiana News Corporation annunciano la volontà di acquistare i diritti sulla Formula 1 dal fondo CVC di Bernie Ecclestone.[7]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La prima sessione di prove libere è stata caratterizzata dalla pioggia. Sebastian Vettel è stato autore di un incidente cha ha comportato l'esposizione della bandiera rossa. Il miglior tempo è stato fatto segnare dal ferrarista Fernando Alonso. I due piloti della McLaren hanno limitato la partecipazione alla sessione a pochi giri.[5]

Nella sessione del venerdì pomeriggio in testa vi sono quattro vetture a motore Mercedes; il miglior tempo è fatto segnare da Jenson Button su McLaren. Non partecipa alla sessione Vettel, che ha danneggiato la vettura al mattino.[8]. Per non aver rispettato le bandiere gialle, esposte a seguito di un incidente di Pastor Maldonado, il pilota della Virgin-Cosworth Jérôme d'Ambrosio sarà penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza.[9].

Nella sessione del sabato il tempo migliore è fatto segnare da Sebastian Vettel, che precede Michael Schumacher per un solo millesimo. Terzo e quarto tempo per gli altri due piloti di RBR-Renault e Mercedes Mark Webber e Nico Rosberg.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del venerdì[10], si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'38"670 13
2 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'40"072 +1"402 14
3 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'40"132 +1"462 18

Nella seconda sessione del venerdì[11], si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'26"456 26
2 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'26"521 +0"065 29
3 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'27"033 +0"577 31

Nella sessione del sabato mattina[12], si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'26"037 17
2 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'26"038 +0"001 17
3 2 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'26"404 +0"367 16

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

In Q1 Kamui Kobayashi della Sauber-Ferrari ha problemi alla pompa di benzina e non riesce a segnare tempi validi. Viene eliminato assieme ai sei piloti di Lotus-Renault, Virgin-Cosworth e HRT-Cosworth, anche se Heikki Kovalainen fino a tre minuti dalla fine della sessione è qualificato per la Q2.

Nella Q2 Felipe Massa e Nick Heidfeld strappano la qualificazione all'ultimo tentativo. Restano esclusi i piloti della Williams-Cosworth, quelli della Force India-Mercedes, quelli della STR-Ferrari e Sergio Pérez.

Nella sessione decisiva fa segnare il miglior tempo Alonso, battuto però subito da Jenson Button e poi da Mark Webber. A metà sessione però è Vettel ha far segnare il miglior tempo, che non verrà battuto da nessun altro pilota. Per il tedesco pole numero 19, quinta consecutiva, 29ª per la RBR. In prima fila c'è anche l'altro pilota del team anglo-austriaco, Webber, visto che i due della McLaren, nell'ultimo tentativo, non sono capaci di migliorarsi.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[13] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'27"039 1'25"610 1'25"049 1
2 2 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'27"090 1'26"075 1'25"454 2
3 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'27"514 1'25"801 1'25"574 3
4 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'27"091 1'26"066 1'25"595 4
5 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'27"349 1'26"152 1'25"851 5
6 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'27"374 1'26"485 1'25"982 6
7 10 Russia Vitaly Petrov Regno Unito Renault 1'27"475 1'26"654 1'26"296 7
8 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'27"697 1'26"121 1'26"646 8
9 9 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Renault 1'27"901 1'26"740 1'26"659 9
10 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'27"013 1'26"395 senza tempo 10
11 11 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 1'28"246 1'26"764 11
12 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'27"392 1'27"027 12
13 15 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'27"625 1'27"145 13
14 12 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Cosworth 1'27"396 1'27"236 14
15 17 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'27"778 1'27"244 15
16 18 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'27"620 1'27"255 16
17 19 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'28"055 1'27"572 17
18 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Renault 1'28"780 18
19 21 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Renault 1'29"673 19
20 25 Belgio Jérôme d'Ambrosio Russia Virgin-Cosworth 1'30"445 24[9]
21 23 Italia Vitantonio Liuzzi Spagna HRT-Cosworth 1'30"692 20
22 24 Germania Timo Glock Russia Virgin-Cosworth 1'30"813 21
23 22 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 1'31"564 22
Tempo limite 107%: 1'33"103
16 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari senza tempo 23[14]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Timo Glock della Virgin-Cosworth non parte per un problema al cambio. Alla partenza Vettel mantiene la testa seguito da Nico Rosberg, che ha superato sia Mark Webber che le due McLaren-Mercedes. Dietro all'australiano, terzo, c'è Fernando Alonso. Nelle retrovie problemi per Pérez e Schumacher che sono costretti a una fermata ai box per musetto danneggiato.

Webber passa Rosberg che ingaggia poi battaglia con Alonso: Lewis Hamilton passa invece Jenson Button, ma il giro seguente Button riconquista la posizione. Hamilton viene passato anche da Felipe Massa, poco prima che entrambi vadano al pit stop. All'uscita dai box i due sfiorano il contatto, col britannico che risupera Massa.

Dopo il primo giro di cambio gomme è sempre Sebastian Vettel che conduce davanti a Webber, Alonso, Hamilton, Rosberg, Massa e Button. Massa passa Rosberg, ma il tedesco recupera subito la posizione. Al giro 21 Hamilton inizia la serie dei secondi cambi gomma. Rosberg, in crisi con le gomme dure, viene passato sia da Massa che da Button. L'inglese poco dopo passa anche Massa, prima che il brasiliano decida di fermarsi ai box. Al giro 29 Alonso passa Webber.

Al termine del secondo giro di cambi gomma conduce sempre Vettel, davanti ad Alonso, Webber, Hamilton, Petrov, Massa, Button e Rosberg. Al giro 33 Button passa Massa mentre Hamilton viene attardato al cambio gomma da un problema all'anteriore destra. Anche dopo il terzo cambio gomma Alonso mantiene il secondo posto, alle spalle di un imprendibile Vettel.

Nel quarto giro di cambi gomma è penalizzato Massa da un problema alla posteriore sinistra. Al giro 51 Webber passa Alonso e s'installa al secondo posto. Negli ultimi giri Nico Rosberg, l'unico con gomme morbide passa Button e coglie il quinto posto.

Vince Sebastian Vettel, per la 13ª volta nella carriera, terza della stagione. Doppietta per la RBR (nona della sua storia), con Webber secondo e terzo Fernando Alonso.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[15] sono i seguenti:

Pos Pilota Team Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 58 1:30'17"558 1 25
2 2 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 58 +8"807 2 18
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 58 +10"075 5 15
4 3 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 58 +40"232 4 12
5 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 58 +47"539 3 10
6 4 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 58 +59"431 6 8
7 9 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Renault 58 +1'00"857 9 6
8 10 Russia Vitaly Petrov Regno Unito Renault 58 +1'08"168 7 4
9 18 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 58 +1'09"394 16 2
10 16 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 58 +1'18"021 24 1
11 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 58 +1'19"823 10
12 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 58 +1'25"444 8
13 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 57 +1 giro 12
14 17 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 57 +1 giro 15
15 11 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 57 +1 giro 11
16 19 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 57 +1 giro 17
17 12 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Cosworth 57 +1 giro 14
18 21 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Renault 57 +1 giro 19
19 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Renault 56 +2 giri 18
20 25 Belgio Jérôme d'Ambrosio Russia Virgin-Cosworth 56 +2 giri 23
21 22 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 55 +3 giri 22
22 23 Italia Vitantonio Liuzzi Spagna HRT-Cosworth 53 +5 giri 20
Rit 15 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 44 Ruota[16] 13
NP 24 Germania Timo Glock Russia Virgin-Cosworth 0 Cambio 21

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Austria RBR-Renault 148
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 105
3 Italia Ferrari 65
4 Regno Unito Renault 42
5 Germania Mercedes GP 26
6 Svizzera Sauber-Ferrari 8
7 Italia STR-Ferrari 6
8 India Force India-Mercedes 4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pirelli annuncia le scelte degli pneumatici per le prossime tre gare, f1grandprix.motorionline.com, 16-4-2011. URL consultato il 16-4-2011.
  2. ^ La Virgin chiama Symonds, italiaracing.net, 21-4-2011. URL consultato il 23-4-2011.
  3. ^ Williams: Si dimettono Sam Michael e Jon Tomlinson. Arriva Mike Coughlan, f1grandprix.motorionline.com, 3-5-2011. URL consultato il 4-5-2011.
  4. ^ Derek Warwick sarà commissario in Turchia, f1grandprix.motorionline.com, 5-5-2011. URL consultato il 5-5-2011.
  5. ^ a b Istanbul - Libere 1:Con la pioggia Alonso è il leader, italiaracing.net, 6-5-2011. URL consultato il 6-5-2011.
  6. ^ La F1 non correrà in Turchia nel 2012?, f1grandprix.motorionline.com, 22-4-2011. URL consultato il 23-4-2011.
  7. ^ F1: Exor di Elkann e News Corp di Murdoch insieme per l’acquisizione, f1grandprix.motorionline.com, 3-5-2011. URL consultato il 4-5-2011.
  8. ^ Massimo Costa, Istanbul - Libere 2:Quattro motori Mercedes al comando, italiaracing.net, 6-5-2011. URL consultato il 7-5-2011.
  9. ^ a b Jérôme d'Ambrosio è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per il mancato rispetto delle bandiere gialle nella seconda sessione di prove libere. Virgin: Penalità di cinque posizioni in griglia per D’Ambrosio, f1grandprix.motorionline.com, 6-5-2011. URL consultato il 7-5-2011.
  10. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  11. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  12. ^ Sessione di prove libere del sabato
  13. ^ Sessione di qualifica
  14. ^ Su decisione degli steward Kamui Kobayashi è stato ammesso a prendere parte alla gara pur non avendo segnato alcun tempo nel Q1 a causa di problemi alla pompa della benzina.
  15. ^ Risultati del Gran Premio
  16. ^ Di Resta ritirato dopo la perdita di una ruota, gpupdate.net, 9-5-2011. URL consultato il 9-5-2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2011
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2010
Gran Premio di Turchia
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1