Gaetano Alimonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaetano Alimonda
cardinale di Santa Romana Chiesa
Gaetano Alimonda.jpg
Coat of arms of Gaetano Alimonda.svg
Et mundo corde
 
Incarichi ricoperti
 
Nato23 ottobre 1818, Genova
Ordinato presbitero10 giugno 1843
Nominato vescovo21 settembre 1877 da papa Pio IX
Consacrato vescovo11 novembre 1877 dall'arcivescovo Salvatore Magnasco
Elevato arcivescovo9 agosto 1883 papa Leone XIII
Creato cardinale12 maggio 1879 da papa Leone XIII
Deceduto30 maggio 1891, Genova
 

Gaetano Alimonda (Genova, 23 ottobre 1818Genova, 30 maggio 1891) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaetano Alimonda nacque a Genova il 23 ottobre 1818, ricevendo la cresima il 5 aprile 1831. Intrapresa la carriera ecclesiastica, studiò all'Università di Genova dove si laureò in teologia. Ottenuto il suddiaconato il 17 dicembre 1842, divenne diacono l'11 marzo 1843. Venne infine ordinato sacerdote il 10 giugno 1843.

Dopo la sua ordinazione sacerdotale fu per molti anni rettore del Seminario di Genova per le proprie apprezzate doti di educatore e venne nominato in quegli anni Prelato Domestico di Sua Santità.

Eletto vescovo di Albenga il 21 settembre 1877, venne ufficialmente consacrato l'11 novembre di quello stesso anno nella cattedrale di Genova.

Papa Leone XIII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 12 maggio 1879, Alimonda ricevette quindi la porpora ed il titolo di Santa Maria in Traspontina il 22 settembre di quello stesso anno. In quell'occasione rinunciò alla reggenza della diocesi di Albenga.

Il 9 agosto 1883 venne promosso arcivescovo di Torino.

Morì a Genova-Albaro il 30 maggio 1891 all'età di 72 anni. Le sue spoglie, dopo la pubblica venerazione nella cattedrale metropolitana di Genova ed in quella di Torino, sono conservate nella cappella degli arcivescovi nel cimitero monumentale di Torino.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68919910 · ISNI (EN0000 0001 1188 3695 · SBN IT\ICCU\SBLV\222794 · LCCN (ENno2014153500 · GND (DE171948173 · BNF (FRcb10638457t (data) · BAV ADV10079703