Lorenzo Gastaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Gastaldi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Stemma vescovo it Lorenzo Gastaldi.jpg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Saluzzo
Arcivescovo di Torino
 
Nato18 marzo 1815, Torino
Ordinato presbitero23 settembre 1837
Consacrato vescovo2 giugno 1867
Elevato arcivescovo27 ottobre 1871
Deceduto25 marzo 1883
 

Lorenzo Gastaldi (Torino, 18 marzo 181525 marzo 1883) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Torino il 18 marzo 1815. Fu ordinato presbitero il 23 settembre 1837, entrò nell'Istituto della Carità ma ne chiese poi l'allontanamento divenendo sacerdote secolare.
Fu eletto vescovo di Saluzzo il 20 marzo 1867 e fu consacrato vescovo il 2 giugno dello stesso anno dall'arcivescovo Alessandro Riccardi di Netro.

Al Concilio Vaticano I fu uno strenuo sostenitore dell'infallibilità papale.

Fu eletto arcivescovo di Torino il 27 ottobre 1871; il suo operato si contraddistinse per l'aver promosso istituti di cultura e di formazione per il clero tra i quali, in particolare, la Pontificia facoltà teologica di Torino, fondata nel 1874.[1].

Suoi fratelli, esponenti di spicco della cultura laica e risorgimentale piemontese, erano Bartolomeo Gastaldi, geologo e paleontologo, uno dei fondatori del Positivismo in Italia, e Andrea Gastaldi, pittore.

Morì il 25 marzo 1883. Le sue spoglie sono conservate nella cappella degli arcivescovi nel cimitero monumentale di Torino.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Don Rua, i Salesiani, le FMA e la Chiesa di Torino (1888-1910), Giuseppe Tuninetti (on-line su www.sdb.org, consultato nel febbraio 2014)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Tuninetti, Lorenzo Gastaldi (1815-1883), Casale Monferrato, Piemme, 1983-1988. ISBN non esistente

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN43203480 · ISNI (EN0000 0000 6137 0014 · SBN IT\ICCU\SBLV\167743 · LCCN (ENn82255079 · BNF (FRcb11986733v (data) · BAV ADV10308008 · WorldCat Identities (ENn82-255079