Giuseppe Candido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Candido (Lecce, 28 ottobre 1837Ischia, 4 luglio 1906) è stato un vescovo cattolico, fisico e inventore italiano.

Giuseppe Candido
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo coadiutore di Nicastro
Vescovo di Ischia
 
Nato28 ottobre 1837, Lecce
Consacrato vescovo1881 dal cardinale Gaetano Alimonda
Deceduto4 luglio 1906, Ischia
 

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Candido dopo essere entrato a 10 anni nel Collegio Reale dei Gesuiti dove manifestò grande entusiasmo per lo studio dell'elettricità grazie soprattutto al suo maestro p. Nicola Miozzi, conseguì a Napoli la laurea in matematica e fisica.

Non è conosciuta la data della sua ordinazione presbiterale. Il 18 novembre 1881, papa Leone XIII lo nominò vescovo titolare di Lampsaco e lo inviò come vescovo coadiutore alla sede di Nicastro, l'attuale Lamezia Terme. Il 1º giugno 1888 fu nominato vescovo di Ischia. Nell'isola continuò i suoi studi religiosi e fisici. Rinunciò alla diocesi il 4 febbraio 1901 ed ebbe il titolo vescovile di Cidonia. Proseguì gli studi fino alla morte, avvenuta il 4 luglio 1906, all'età di 68 anni. È sepolto nel Duomo di Ischia.

Attività tecniche a Lecce[modifica | modifica wikitesto]

Ritornato nella città natale realizzò numerosi apparecchi elettrici utilizzati nelle abitazioni private della città, ma il suo impegno principale in campo elettrico è rappresentato dalla rete di orologi pubblici elettrici sincroni a Lecce negli anni compresi tra il 1868 e il 1874. Quest'opera che egli stesso costruì dopo averla progettata non aveva precedenti in Italia e fu una delle prime in Europa, rimanendo in funzione fino al 1937.

Invenzioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue invenzioni annoveriamo la pila a diaframma regolatore, il pendolo elettromagnetico sessagesimale ed il brevetto di un gassogeno automatico.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28136970 · ISNI (EN0000 0000 7781 1515 · SBN IT\ICCU\NAPV\079657 · LCCN (ENno2010052710 · GND (DE12895535X