Gennaro Portanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gennaro Portanova
cardinale di Santa Romana Chiesa
Gennaro Portanova.jpg
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato11 ottobre 1845, Napoli
Ordinato presbitero22 maggio 1869 dal cardinale Sisto Riario Sforza
Nominato vescovo9 agosto 1883 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo12 agosto 1883 dal cardinale Raffaele Monaco La Valletta
Elevato arcivescovo16 marzo 1888 da papa Leone XIII
Creato cardinale18 giugno 1899 da papa Leone XIII
Deceduto25 aprile 1908, Reggio Calabria
 

Gennaro Portanova (Napoli, 11 ottobre 1845Reggio Calabria, 25 aprile 1908) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Napoli l'11 ottobre 1845 dal dottor Camillo Portanova e Angela Califano.

Prima di essere ordinato sacerdote compì i suoi studi presso i Gesuiti con buoni risultati e a 23 anni fu ordinato sacerdote dal cardinale Sisto Riario Sforza il 22 maggio 1869.

In seminario proseguì i suoi studi specializzandosi in teologia tomistica e diventò insegnante nel Liceo arcivescovile. Poi fu preconizzato vescovo titolare di Rosis e coadiutore con diritto di successione del vescovo di Ischia, di cui divenne ordinario l'11 febbraio 1885.

Tre anni dopo, il 16 marzo 1888, venne trasferito a Reggio Calabria dove rimase fino alla morte sopraggiunta nel 1908.

Successivamente papa Leone XIII lo elevò al rango di cardinale del titolo di San Clemente nel concistoro del 18 giugno 1899.

Fu anche protettore dell'Istituto delle Figlie di Maria Immacolata fondato da Suor Brigida Maria Postorino a Catona fino alla morte.

Il 25 aprile 1908 alle ore 6 del mattino morì a Reggio Calabria all'età di 62 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315942943 · ISNI (EN0000 0004 1968 8204 · SBN IT\ICCU\LO1V\088051