Fuso orario di Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fuso orario di Mosca (in russo: Московское время?, traslitterato: Moskovskoe vremja, in inglese Moscow Time, sigla MSK) è il secondo degli undici fusi orari in cui è ripartito il territorio della Federazione Russa dal 26 ottobre 2014, per effetto della legge federale del 3 giugno 2011 n. 107-F3 "Sul calcolo del tempo", così come modificata in data 21 luglio 2014.

Tale fuso orario corrisponde allo standard internazionale UTC+3 (Further-eastern European Time, FET).

Prende nome dalla città di Mosca e costituisce l'orario ufficiale di gran parte della Russia Europea (la totalità dei distretti federali Centrale e del Caucaso Settentrionale, la quasi totalità del Distretto Federale Nordoccidentale con l'esclusione dell'Oblast' di Kaliningrad, e del Meridionale tranne l'Oblast' di Ul'janovsk, e inoltre il Distretto Federale del Volga, con l'esclusione di Baschiria, Udmurtia, Oblast' di Orenburg, Oblast' di Samara, Oblast' di Saratov, Oblast' di Ul'janovsk e Territorio di Perm')[1]. È l'orario di riferimento per il sistema dei trasporti interurbani e per quello delle comunicazioni[2][3].

L'ora di Mosca è adottata de facto anche dalla Repubblica Popolare di Lugansk[4] e dalla Repubblica Popolare di Doneck[5].

Come tutti i fusi orari della Federazione Russa, il fuso di Mosca non prevede il passaggio all'ora legale[6].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Territori compresi nel fuso orario di Mosca[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di russia