Francesca Donato (politica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesca Donato

Eurodeputata
In carica
Inizio mandato 1º luglio 2019
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
- ID
(fino al 06/10/2021)
- Non iscritti
(dal 06/10/2021)
Circoscrizione Italia insulare
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione per i problemi economici e monetari
  • Membro della Commissione per lo sviluppo regionale
  • Delegata all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Progetto Eurexit (dal 2013)
Rinascita Repubblicana (dal 2021)
In precedenza:
LN (2014-2017)
LSP (2017-2021)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università di Modena
Professione Avvocato

Francesca Donato (Ancona, 25 agosto 1969) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata ad Ancona da famiglia veneta, Francesca è cresciuta spostandosi in varie città del nord Italia, tra cui Torino, Mogliano Veneto e Padova.

Dopo aver frequentato il liceo linguistico "Santa Caterina da Siena" di Mestre, nel comune di Venezia, inizia a lavorare saltuariamente per la Philip Morris International come interprete per clienti stranieri. Nel 1996 si laurea alla facoltà di giurisprudenza all'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e inizia ad esercitare l'attività forense a Padova, nel ramo penale.

Nel 1999 sposa l'imprenditore palermitano Angelo Onorato e si trasferisce nel capoluogo siciliano. Dopo la nascita dei due figli Salvatore (1999) e Carolina (2003), riprende l’esercizio della professione presso il foro di Palermo, stavolta nel settore civilistico, fino al 2012, operando in prevalenza nel ramo commerciale e aziendale.

Nel 2013 fonda a Palermo l'associazione "Progetto Eurexit", che promuove idee critiche nei confronti della moneta unica europea. In seguito, si dedica alle attività aziendali familiari, collaborando come account manager della "Casa Ambienti nella Vita", società commerciale con diverse sedi a Palermo. Dal 2017 al 2019 è amministratore unico della "Desigea srl", società di progettazione e design industriale, con la quale avvia un laboratorio di ricerca con il dipartimento di architettura dell'Università di Palermo, che sfocia in una mostra. Partecipa spesso a dibattiti e seminari pubblici, anche a trasmissioni televisive, grazie alle quali acquista notorietà presso il grande pubblico.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 viene candidata come indipendente alle elezioni europee di quell'anno dalla Lega Nord nelle circoscrizioni Italia insulare e Nord-orientale; ottiene, in tutto, circa 6.000 preferenze senza però essere eletta.

Nel 2018 si riavvicina alla politica divenendo segretario del circolo della Lega a Palermo e riprendendo l'attività dell'associazione "Progetto Eurexit", su scala regionale e nazionale.

Nel maggio 2019 si ricandida con la Lega alle elezioni europee nella circoscrizione insulare e viene eletta al Parlamento europeo con 28.460 preferenze.

Al Parlamento europeo è stata componente del gruppo “Identità e Democrazia”, membro titolare nelle commissioni REGI (sviluppo regionale) ECON (politiche economiche monetarie) e nella Delegazione all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo. È membro sostituto nella Commissione AGRI (agricoltura) e nella delegazione Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE; fa parte anche della Commissione STOA (Scientific and Technological Options Assessment) in qualità di membro AGRI. Il 6 ottobre 2021, a seguito della sua uscita dalla Lega, viene espulsa dall'eurogruppo[1].

Su posizioni contrarie al green pass, il 21 settembre 2021 lascia la Lega[2]. Fonda l'associazione politica Rinascita Repubblicana.[3][4] A novembre dello stesso anno, annuncia ufficialmente la candidatura a sindaco di Palermo per le elezioni comunali.[5]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Hanno suscitato polemiche le sue dichiarazioni in risposta alle affermazioni del medico Antonio Ferro, direttore del dipartimento prevenzione dell’Azienda sanitaria della provincia di Trento; in particolare, dichiarava che la frase "il vaccino rende liberi" risultasse analoga al motto Arbeit macht frei, visibile all'ingresso di molti Lager nazisti, tra cui il campo di concentramento di Auschwitz[6]. L'Auschwitz Memorial, in risposta, ha stigmatizzato l'accaduto, invitando a non strumentalizzare i fatti storici.[7]

Nell'ambito della campagna di propaganda antivaccinista che andava conducendo durante la pandemia virale da SARS-CoV-2, il 5 settembre 2021, sul suo profilo Twitter, strumentalizza la notizia della morte di un medico vaccinato, causata proprio dal COVID-19 (in concomitanza, comunque, con altre patologie[8]), offendendo la famiglia appena colpita dalla tragedia[9]. Successivamente Francesca Donato si è scusata con la famiglia, ma ribadendo che ritiene credibile come una barzelletta l'efficacia dei vaccini contro il Covid.[10]

Il 5 dicembre 2021, sul suo sito internet e tramite i suoi canali social[11], accusa Pfizer di aver venduto "prodotti difettosi estremamente nocivi per la salute", facendo esplicitamente riferimento alla cabergolina, farmaco impiegato per il trattamento del morbo di Parkinson. Nello stesso articolo descrive come illegale la vendita da parte di Pfizer di farmaci per l'uso off-label.

L'11 gennaio 2022, sul suo sito internet e tramite i suoi canali social[12], sostiene che un eccipiente contenuto nel vaccino anti COVID-19 Pfizer, l'ALC-0315, sia cancerogeno; la tesi dell'eurodeputata è stata successivamente smentita.[13][14][15]

Il 19 gennaio 2022 pubblica il seguente tweet ironico sull'efficacia dei vaccini nel ridurre i decessi per Covid-19 : «Ieri, 18/01/2022, con quasi 90% Italiani inoculati: - 228.123 contagi - 434 morti. Un anno fa, 18/01/2021, senza Pfizer, Moderna ecc: - 8.824 contagi - 377 morti. Fine anche della favola “grazie al vaccino abbiamo ridotto i morti…”», non cogliendo che nel 2021 il 4% dei contagiati è deceduto, nel 2022 solo 0,19%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’amara sorpresa per l’ex leghista Donato: cacciata anche dall’eurogruppo del Carroccio, su nextquotidiano.it, 6 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  2. ^ Lady No Vax Francesca Donato: "Lascio la Lega, ormai comanda Giorgetti", su huffingtonpost.it, 21 settembre 2021. URL consultato il 21 settembre 2021.
  3. ^ Nasce “Rinascita Repubblicana”, il Manifesto dell’On. Francesca Donato, su romait.it.
  4. ^ Contro il green pass, l’europarlamentare Donato lancia manifesto per la “Rinascita repubblicana”, su blogsicilia.it.
  5. ^ Francesca Donato, l'annuncio della No-pass: "Mi candido a sindaca di Palermo", su liberoquotidiano.it.
  6. ^ Francesca Donato, l’europarlamentare leghista che cita gli slogan nazisti contro il vaccino, su Il Riformista, 3 luglio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  7. ^ La risposta perfetta dell'Auschwitz Memorial a Francesca Donato che aveva scritto "La vaccinazione rende liberi", su nextQuotidiano, 3 luglio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  8. ^ Castelvetrano, medico morto di Covid, era vaccinato con doppia dose, su qds.it, 4 settembre 2021. URL consultato il 21 settembre 2021.
  9. ^ David Puente, La leghista Francesca Donato sbeffeggia la famiglia di un medico vaccinato morto di Covid, omettendo i fatti, in Open, 9 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  10. ^ Francesca Donato dopo il tweet sul medico morto di Covid: «Polemica pretestuosa. Mi scuso con la figlia», su corriere.it, 10 settembre 2021. URL consultato il 21 settembre 2021.
  11. ^ Breve storia della Pfizer. L'azienda che sta "salvando il mondo", su Francesca Donato, 5 dicembre 2021. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  12. ^ Francesca Donato, La conferma di Pfizer: il “vaccino” Comirnaty contiene ALC-0315: sostanza ritenuta cancerogena, su www.francescadonato.eu, 11 gennaio 2022.
  13. ^ Alc-0315 e vaccino Pfizer: la bufala dell’eccipiente nocivo per l’uomo, in La Repubblica, 13 gennaio 2022.
  14. ^ Silvana Palazzo, “Vaccino Pfizer contiene ALC-0315, sostanza cancerogena”/ Bufala di Francesca Donato, in Il sussidiario, 13 gennaio 2022.
  15. ^ Ilaria Roncone, La storia di Pfizer che prova ad avvelenarci con l'eccipiente nocivo Alc-0315 del suo vaccino, in Giornalettismo, 14 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]