Ferrovia Casalecchio-Vignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casalecchio–Vignola
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza24 km
Apertura1938
Chiusura1967 (passeggeri)
1995 (merci)
Riapertura2003
GestoreFER
Precedenti gestoriAPT (1955-1975)
ATC (1975-2003)
FBV (2003-2009)
Scartamento1435 mm
Elettrificazione3 kV cc
Ferrovie

La ferrovia Casalecchio–Vignola è una ferrovia dell'Emilia-Romagna, integrata nella rete su cui opera il servizio ferroviario metropolitano bolognese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La ferrovia fu concessa con Regio Decreto nº 896 del 10 aprile 1930[1] e costruita fra il 1931 e il 1938 per sostituire nel tratto extraurbano la parallela tranvia a vapore, considerata ormai obsoleta.

Dopo i danni della seconda guerra mondiale, fu riattivata completamente solo nel 1955.

Nel 1967 fu chiusa al traffico passeggeri, restando in attività fino al 1995 per il solo traffico merci, costituito prevalentemente da carri derrate di frutta (ciliegie) che da Vignola venivano portati al capolinea di Casalecchio FCV, quindi, per mezzo di un raccordo con doppia retrocessione passante nel piazzale del deposito rotabili della linea, nella vicina stazione di Casalecchio di Reno, dove venivano giornalmente smistati e ricomposti con i merci provenienti dalla ferrovia Porrettana e inviati allo scalo merci di Bologna San Donato per lo smistamento verso le destinazioni finali. A Savignano sorgevano inoltre diversi magazzini di frutta e la Stazione di Savignano Mulino svolgeva un importante compito di scalo merci all'interno dei magazzini della famiglia Garagnani (successivamente trasformata in Coop. Garagnani, ed in epoca recente in Coop. Emiliafrutta).

Subito dopo la stazione di Savignano Comune i binari superano il fiume Panaro su un ponte a cinque arcate in cemento armato che nel momento della sua realizzazione risultava il ponte in cemento più lungo d'Italia[senza fonte].

Nel 1975 venne dismessa la stazione di Casalecchio FCV, posta nel centro storico della città (il fabbricato resistette ancora qualche anno fino alla demolizione avvenuta nel 1984), e venne realizzato un collegamento diretto tra la linea FCV e la stazione di Casalecchio di Reno, con accesso diretto tramite un binario dedicato parallelo a quello della ferrovia Porrettana; tale binario era collegato alla porrettana alla radice lato Bologna della stazione di Casalecchio di Reno, di cui diventava il binario n.4. Sempre nello stesso periodo fu rimosso il raccordo tra deposito FCV e Casalecchio di Reno, passante sul piazzale esterno della stazione di via Ronzani, e il relativo raccordo fu collegato anch'esso alla radice lato Bologna della Porrettana. Accanto al fabbricato viaggiatori FS di Casalecchio di Reno fu costruito nello stesso periodo un fabbricato indipendente di servizio per il personale FCV, ancor oggi esistente.

Nel 1996 si iniziarono lavori di potenziamento nell'ambito del progetto per il Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM). In particolare è stata realizzata una nuova stazione di diramazione accanto al deposito rotabili, Casalecchio Garibaldi, con un nuovo innesto della linea orientato verso Bologna, dove essa confluisce nella ferrovia Porrettana (Bologna-Porretta-Pistoia) per consentire l'esercizio diretto fino alla stazione di Bologna Centrale senza necessità di inversione di marcia, mentre il fascio di binari della stazione storica di Casalecchio di Reno è stata smantellata e declassata a semplice fermata, così come il tracciato oggetto della modifica del 1975, di cui rimane solo il binario di raccordo al deposito rotabili della linea, che è rimasto negli anni lo stesso del 1938, ed è stato così più razionalmente inglobato nel piano binari della stazione di Casalecchio Garibaldi.

La ferrovia viene riattivata per il solo trasporto passeggeri il 13 settembre 2003, fra Casalecchio e Bazzano[2]; il 19 settembre 2004 seguì la restante tratta fino a Vignola[3]. Dall'aprile 2008 è stata ufficialmente ripristinata la trazione elettrica tra Bologna Centrale e Bazzano. Per l'esercizio della linea, nel 1997 furono acquistati due elettrotreni Firema E 122, mai utilizzati e ceduti nel 2010 alla SEPSA di Napoli.

Alla riapertura del servizio passeggeri la gestione dell'infrastruttura fu affidata alla Società Suburbana FBV, che includeva ATC e FER Srl. La FER curava, invece, l'esercizio ferroviario.

Dal 1º febbraio 2009 anche la gestione dell'infrastruttura è passata alla FER. Tre anni dopo, la gestione del servizio di trasporto è passata completamente a TPER, la società di trasporti pubblici nata dalla fusione dei rami-trasporto di ATC, azienda di trasporti su gomma di Bologna e Ferrara, e FER, società regionale ferroviaria.

Da settembre 2016 il servizio sulla linea viene effettuato esclusivamente con 4 elettrotreni ETR 350.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea è a singolo binario, elettrificato a 3000 volt a corrente continua. È alimentata a sbalzo dalla sottostazione elettrica della rete RFI di Casalecchio/Santa Viola.

La ferrovia è dotata di Comando Centralizzato del Traffico (CTC). L'esercizio è affidato al Dirigente Centrale Operativo della stazione di Casalecchio Garibaldi.

La linea è attrezzata con il Sistema di Controllo Marcia Treni (SCMT) dal 19 agosto 2018.[5]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
Continuation backward Unused urban continuation backward
Linea RFI per Bologna/Linea ATM per Bologna † 1958
Unknown route-map component "eABZg2" Unknown route-map component "exSTRc3" Unknown route-map component "exKBHFa" Unknown route-map component "uexKBHFe "
Casalecchio FCV (vecchia † 1975)
Station on track + Unknown route-map component "exSTRc1"
Unknown route-map component "exSTR2+4" Unknown route-map component "exSTR+c3"
Casalecchio Garibaldi (RFI) * 2002
Unknown route-map component "kABZg2"
Non-passenger head station + Unknown route-map component "exSTRc12"
Unknown route-map component "exABZg3" + Unknown route-map component "exSTR2+4"
Unknown route-map component "exSTRc3"
Deposito FCV (raccordo con Casalecchio FCV † 1975)
Unknown route-map component "exSTRc2" + Unknown route-map component "kSTRc1" + Unknown route-map component "kSTR2"
Unknown route-map component "exSTR3+l" + Unknown route-map component "exSTR1" + One way leftward + Unknown route-map component "kSTRl+4"
Unknown route-map component "xKRZo" + Unknown route-map component "exSTRc14"
Unknown route-map component "eABZq+4" Unknown route-map component "CONTfq"
Linea RFI per Pistoia (vecchio tracciato † 1927)
Unknown route-map component "exSTRl+1" + Unknown route-map component "kSTRc1"
Unknown route-map component "exSTRc4" + Unknown route-map component "xkABZq+4"
Unknown route-map component "xABZg+r"
(raccordo con Casalecchio di Reno † 1995)
Stop on track
Ceretolo * 2003
Unknown route-map component "SKRZ-Ao"
Autostrada A1 - Strada europea E35
Stop on track
Palasport * 1994[6]
Stop on track
Riale
Stop on track
Pilastrino * 2003
Unknown route-map component "eHST"
Lavino
Station on track
Zola Centro
Stop on track
5+732 Zola Chiesa * 2010
Stop on track
Ponte Ronca
Unknown route-map component "eHST"
Chiesa Nuova
Station on track
Via Lunga * 2003
Station on track
Crespellano
Stop on track
Muffa
Small bridge over water
Torrente Samoggia
Unknown route-map component "exCONTgq" Unknown route-map component "exBHFq" Unknown route-map component "eABZgr"
Bazzano / Linea per Spilamberto † 1944
Unknown route-map component "uexCONTgq" Unknown route-map component "uexKBHFeq" Station on track
Bazzano / Linea per Castelfranco † 1934
Station on track
Savignano Mulino
Stop on track
Savignano Comune
Unknown route-map component "hKRZWae"
Fiume Panaro
Unknown route-map component "exCONTgq" Unknown route-map component "exSTR+r" Straight track
Linea per Modena † 1972
Unknown route-map component "exKBHFe" End station
Vignola (rete modenese) / Vignola (rete bolognese)

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Locomotiva L.903 in esercizio tra il 1972 e il 1990 sulla Ferrovia Casalecchio-Vignola nella livrea ATC, conservata al Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa; da qualche tempo è stata riportata nella versione E 400 in livrea nera della ferrovia Aosta – Pré Siant Didier.

Sulla linea inaugurata nel 1938 prestarono servizio automotrici e rimorchiate di costruzione Piaggio, oltre a locomotori a quattro assi Stanga-TIBB[7]. Automotrici e rimorchiate furono cedute nel 1969 alla LFI, dove prestarono servizio sino al 1983[8][9].

Per i servizi merci, unici ad utilizzare la linea dal 1967 agli anni novanta, furono impiegati le due locomotive Stanga-TIBB e altre locomotive di varia provenienza[10]: nel 1968 fu acquistato dalla ferrovia Mantova-Peschiera la locomotiva Diesel L.11; nel 1971 furono noleggiate dalla SEFTA due locomotive elettriche (una delle quali fu restituita l'anno successivo) e furono acquistate dalle FS le tre locomotive del gruppo E.400,[11] le quali assunsero la denominazione di L.903, 904 e 905. Prestarono servizio anche alcune locomotive Diesel, una parte delle quali fu impiegata sui raccordi Mascarella[12].

Il servizio passeggeri sulla linea riattivata nel 2003, dal 2012 è svolto da TPER, impiegando automotrici ALn 663, ALn 668 e autotreni ATR 220. Dall'aprile 2008 sono entrate in servizio le unità a trazione elettrica AM54, acquistate dalla ATC dalle ferrovie belghe e riqualificate. Dal 2010 sono state acquistati elettrotreni Stadler FLIRT, i quali sono entrati in funzione nel 2013.

Materiale rotabile - tabella di sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Tipo Matricola FCV/APT Matricola ATC Anno Costruttore Note
Elettromotrici M 1 ÷ 5 1938 Piaggio Cedute nel 1969 alla LFI
Rimorchiate pilota R 11 ÷ 15 1938 Piaggio Cedute nel 1969 alla LFI
Locomotive elettriche L 21 ÷ 22 L 901 ÷ 902 1938 OMS
Locomotive elettriche L 31 ÷ 33 L 903 ÷ 905 1929 SNOS Ex FS
Locomotive elettriche L 906 1932 Breda Ex SEFTA
Locomotive a vapore 813.11 1923 Ansaldo Ex tranvie Bologna-Pieve di Cento e Bologna-Malalbergo
Locomotive Diesel L 23 L 911 1941 ABL
Locomotive Diesel L 24 L 912 1928 Deutz
Locomotive Diesel L 25 L 913 1952 Marconi Ex ferrovia Mantova-Peschiera
Locomotive Diesel L 914 1954 ABL Ex SAF
Locomotive Diesel L 915 Greco
Locomotive Diesel L 916 1962 Krauss

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia nº 159 del 9 luglio 1930
  2. ^ Notizie flash, in "I Treni" n. 252 (ottobre 2003), p. 9
  3. ^ Notizie flash, in "I Treni" n. 264 (novembre 2004), p. 6
  4. ^ Un altro nuovo treno sulla Bologna-Vignola, ora solo convogli moderni ed elettrici., su regione.emilia-romagna.it (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2017).
  5. ^ http://www.ferrovie.info/index.php/it/13-treni-reali/5980-ferrovie-attivazione-scmt-accm-e-blocco-conta-assi-sulla-linea-fer-casalecchio-vignola
  6. ^ Fermata per lo sport, in I Treni (Salò, Editrice Trasporti su Rotaie), anno XV, nº 147, aprile 1994, p. 6, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).
  7. ^ Locomotore elettrico ferroviario FCV L 902 (1938), http://www.tper.it. URL consultato l'8 agosto 2014.
  8. ^ Elettromotrice ferrotramviaria FCV M 5 (1938), http://www.tper.it. URL consultato l'8 agosto 2014.
  9. ^ Rimorchiata pilota ferrotramviaria FCV R14 (1938), http://www.tper.it. URL consultato l'8 agosto 2014.
  10. ^ Photorail - Info ATC - ex Ferrovia Casalecchio-Vignola ora FER, su smf.photorail.com. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2014).
  11. ^ Stefano Garzaro, FS-Italia. Locomotive elettriche E.400, collana Monografie ferroviarie n. 21, Torino, Edizioni Elledi, 1985, ISBN 88-7649-028-0, pag. 52
  12. ^ Formentin, Rossi, op. cit., p. 313

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Damiani, Luigi Munzi, La ferrovia Casalecchio–Vignola, storia e prospettive, in "I Treni Oggi" n. 15 (dicembre 1981).
  • Fabio Formentin, Paolo Rossi, Storia dei trasporti urbani di Bologna, Calosci, Cortona, 2004, ISBN 88-7785-204-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]