Fast Animals and Slow Kids

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fast Animals and Slow Kids
Paese d'origineItalia Italia
GenerePunk rock[1][2]
Rock alternativo[3][4]
Rock[5]
Indie rock[6][7]
Pop rock[8]
Periodo di attività musicale2008 – in attività
EtichettaWoodworm
Warner Music Italy
To Lose La Track
Iceforeveryone
Album pubblicati5
Studio5
Sito ufficiale

I Fast Animals and Slow Kids (spesso abbreviato in FASK) sono un gruppo musicale alternative rock italiano, formatosi a Perugia nel 2008[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi, il primo EP e Cavalli (2008-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto Fast Animals and Slow Kids nasce a Perugia alla fine del 2008 quando quattro musicisti amici (Aimone Romizi, Alessandro Guercini, Alessio Mingoli e Jacopo Gigliotti) decidono di fondare un gruppo per puro divertimento, dove poter sfogare le proprie pulsioni musicali ancora non totalmente espresse nelle rispettive precedenti band[9]. Scelgono il nome ispirandosi a una gag de I Griffin[10]. Iniziano così a scrivere canzoni in inglese e a provare insieme. Dopo aver tenuto qualche concerto nei dintorni della provincia di Perugia, scrivono i primi pezzi in italiano nel 2009, quando registrano l'EP Questo è un cioccolatino (To Lose La Track), stampato da Luca Benni[11]. Nel corso del 2010 aprono i concerti di band come Zen Circus, Il Teatro degli Orrori, Futureheads e Ministri[12]. In estate partecipano e vincono il contest di Italia Wave Love Festival come miglior gruppo emergente italiano[13].

Dopo una lunga tournée, registrano nel febbraio 2011 il loro primo album Cavalli, prodotto da Andrea Appino (frontman dei toscani Zen Circus) e pubblicato dall'etichetta Iceforeveryone, di proprietà proprio degli Zen Circus[2]. Il disco, pubblicato nel novembre seguente, è stato registrato da Giulio Favero[14] al Sam Studio di Lari e ha consentito al gruppo di farsi notare all'interno dell'ambiente indipendente musicale italiano, partecipando tra l'altro a diverse rassegne del settore.

Hỳbris e Alaska (2013-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2012, con Andrea Marmorini e Jacopo Gigliotti alla produzione, registrano al Macchione studio (ai confini tra Toscana ed Umbria, tra Montepulciano e Chiusi), il loro secondo disco. L'album si chiama Hỳbris e viene pubblicato il 18 marzo 2013 da Woodworm (con distribuzione Audioglobe e To Lose La Track per il vinile)[15]. Nel dicembre 2013 il singolo A cosa ci serve vince il Trofeo Rockit[16] come migliore canzone italiana secondo i lettori del sito e contestualmente risulta essere la canzone dell'anno[17] anche secondo i redattori del magazine online. Nello stesso periodo il disco riceve anche il riconoscimento di migliore album italiano per il lettori di La Repubblica XL[18]. Nell'aprile 2014 si conclude il tour invernale della band composto da 105 concerti in tutta Italia. Nel giugno dello stesso anno il gruppo ha partecipato alla decima edizione del MI AMI 2014, festival italiano dedicato alla musica indipendente; nello stesso mese ha anche suonato come band d'apertura allo Sherwood Festival 2014 a Padova.

Il terzo disco, Alaska (Woodworm) viene pubblicato ufficialmente il 3 ottobre 2014. Il 21 settembre per la trasmissione Snatura Rock di Radio Sherwood viene rilasciata un'intervista dal cantante, Aimone Romizi, e in esclusiva viene trasmesso online l'inedito Il mare davanti[19]. Il 23 settembre viene pubblicato il primo singolo estratto da Alaska, Come reagire al presente, lanciato sul web con un video musicale[20]. Dal primo ottobre la webzine di musica indie Rockit ha dato la possibilità, per 2 giorni, di ascoltare in streaming in anteprima l'intero album sul suo sito web[21]. Dopo la pubblicazione ufficiale nel giro di poche ore Alaska è il disco alternative più venduto in Italia su iTunes. A novembre 2014 è partito l'Alaska Tour, registrando parecchie date sold-out[22]. Il tour sarà portato a termine verso i primi mesi del 2016.

Forse non è la felicità e Animali notturni (2016-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 dicembre 2016 pubblicano il nuovo singolo Annabelle. Nel 2017 pubblicano il loro quarto album, Forse non è la felicità[23], che debutta alla posizione numero 61 della classifica FIMI[24]. Un tour prende inizio il 4 marzo al Karemaski Multi Art Lab di Arezzo. Ad accompagnare il gruppo c'è Daniele Ghiandoni alle tastiere.

Il 10 maggio 2019 viene pubblicato il quinto album, Animali notturni (Warner Music Italy), realizzato con la collaborazione del produttore artistico Matteo Cantaluppi[25]; il disco debutta alla settima posizione in classifica[26]. Compaiono come artisti ospiti nella rivisitazione del brano Albe meccaniche dei Subsonica, dall'album di remix Microchip temporale uscito a novembre 2019[27].

La graphic novel ed È già domani (2020-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2020 collaborano alla realizzazione della graphic novel Fast Animals and Slow Kids – Come reagire al presente, edita da BeccoGiallo[28]. L'8 maggio pubblicano il singolo Come conchiglie[29], che debutta alla posizione numero 94 della classifica FIMI[30].

Il 23 aprile 2021 esce il singolo Cosa ci direbbe, in collaborazione con Willie Peyote[31]. Il 17 settembre 2021 esce il sesto album È già domani, insieme al singolo Stupida canzone[32]; il disco entra alla quinta posizione in classifica[33]. A dicembre vincono il premio speciale dei Rockol Awards come artisti dell'anno[34]. Il 14 gennaio 2022 Lago ad alta quota viene estratto come singolo ed entra in rotazione radiofonica[35]; il 24 gennaio esce il lyric video per la canzone.

L'11 marzo 2022 esce il singolo Vita sperduta[36]. Il 5 aprile partecipano al concerto "Tocca a noi – Musica per la pace", in piazza Maggiore a Bologna[37]. Tra aprile e maggio ha luogo l'"È già domani Tour"[38]. Partecipano al brano Robespierre dell'album Pornostalgia di Willie Peyote, uscito il 6 maggio[39]. Per l'estate è previsto l'"È già domani ora Tour"[40].

Stile musicale e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile dei Fast Animals and Slow Kids si è evoluto nel tempo: se i primi album attingevano alle sonorità grezze di rock[5], rock alternativo[41][42] e punk[1][2] ed erano venati di emocore[43][44], i successivi sono virati verso l'indie rock[45][46] prima e un più accessibile e leggero pop rock[47][48] poi.

Tra le influenze la band cita i Tre Allegri Ragazzi Morti[49], gli Zen Circus[50], i R.E.M.[49], i New Order[49], Bruce Springsteen[8], i The War on Drugs[51], Kurt Vile[51], i The National[50], gli Arcade Fire[50], i Tame Impala[52] e i Replacements[53].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal vivo
  • Daniele Ghiandoni – tastiere, chitarra

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 – A cosa ci serve
  • 2014 – Come reagire al presente
  • 2016 – Annabelle
  • 2017 – Forse non è la felicità
  • 2019 – Non potrei mai
  • 2019 – Radio Radio
  • 2020 – Come conchiglie
  • 2021 – Come un animale
  • 2021 – Cosa ci direbbe (feat. Willie Peyote)
  • 2021 – Senza deluderti
  • 2022 – Vita sperduta

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giovanni Dozzini, Fast Animals And Slow Kids - Questo è un cioccolatino, su OndaRock, 13 ottobre 2010. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  2. ^ a b c Giovanni Dozzini, Fast Animals And Slow Kids - Cavalli, su OndaRock, 29 novembre 2012. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  3. ^ a b Federico Piccioni, Fast Animals And Slow Kids. Fra Perugia e l'Alaska, su ondarock.it. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  4. ^ Nicholas David Altea, Fast Animals and Slow Kids a Indie Jungle su Sky Arte: una clip live esclusiva, su Wired Italia, 16 novembre 2021. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  5. ^ a b Andrea Costantini, Fast Animals And Slow Kids: "Questo è un cioccolatino." recensione, su Rockit.it, 2 marzo 2011. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  6. ^ Gabriele Fazio, Sono tornati i Fast Animals and Slow Kids. La parte migliore dell'indie rock italiano, su Agi, 17 settembre 2021. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  7. ^ Alice Camurri, FASK: Fast Animals And Slow Kids la band indie rock, su magazINDIE, 16 maggio 2020. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  8. ^ a b Raffaella Oliva, Fast Animals and Slow Kids: «Continuare col vecchio rock’n’roll significherebbe prendervi per il culo», su Rolling Stone Italia, 14 settembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  9. ^ Biografia di Fast Animals And Slow Kids, su Rockit.it, 1º giugno 2020. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  10. ^ Il nome della band Fast Animal and slow Kids ispirato ai Griffin, su askanews, 27 luglio 2017. URL consultato il 4 maggio 2018.
  11. ^ Fast Animals and Slow Kids, su News Mtv Italia, 15 dicembre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  12. ^ √ Chi sono i Fast Animals Slow Kids, sul palco del Concerto del Primo Maggio 2019 di Roma. Video, su Rockol, 19 aprile 2019. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  13. ^ L'albo dei vincitori, su arezzowave.com. URL consultato il 12 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2014).
  14. ^ Marco Frattaruolo, Fast Animals And Slow Kids – Cavalli, su IndieForBunnies, 26 dicembre 2011. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  15. ^ Fast Animals And Slow Kids Hybris, su Rockit.it. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  16. ^ Marco Villa, Fast Animals and Slow Kids, l'intervista a caldo ai vincitori del Trofeo Rockit, su www.rockit.it, 20 dicembre 2013. URL consultato il 12 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2013).
  17. ^ Top.100 - Le cento canzoni del 2013, su rockit.it, 27 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2014).
  18. ^ Top Ten 2013. I migliori album italiani e stranieri secondo voi, i risultati del sondaggio, su XL Repubblica.it. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  19. ^ Francesca Ognibene, Snatura Rock - Intervista ai Fast Animals and Slow Kids, su Sherwood, 21 settembre 2014. URL consultato il 28 settembre 2014.
  20. ^ Francesco Raiola, Tornano i Fast Animals & the Slow Kids con la nostalgica “Come Reagire Al Presente”, su Music Fanpage, 24 settembre 2014. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  21. ^ Fast Animals And Slow Kids Alaska, su Rockit.it. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  22. ^ Fask, ecco le prime date del tour di "Alaska", su Rockit.it, 29 settembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2022.
  23. ^ Claudio Lancia, Fast Animals And Slow Kids - Forse non è la felicità, su OndaRock, 14 febbraio 2017. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  24. ^ Classifiche - Top of the Music - Album & Compilation, Classifica settimanale WK 6 (dal 03.02.2017 al 09.02.2017), su fimi.it, FIMI. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  25. ^ I Fast Animals and Slow Kids hanno qualcosa da dire alle nuove band, su Rockol, 8 maggio 2019. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  26. ^ Classifica settimanale WK 20 (dal 10.05.2019 al 17.05.2019), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  27. ^ Chiara Lauretani, Subsonica: "Microchip temporale" recensione, su Rockit.it, 22 novembre 2019. URL consultato il 23 marzo 2022.
  28. ^ I Fast Animals And Slow Kids in tour per presentare la graphic novel Come Reagire Al Presente, in Rumore, 3 ottobre 2020. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  29. ^ Come Conchiglie è il nuovo brano dei Fast Animals and Slow Kids, in Rumore, 8 maggio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  30. ^ Classifiche - Top of the Music - Singoli, Classifica settimanale WK 20 (dal 08.05.2020 al 14.05.2020), su fimi.it, FIMI. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  31. ^ I Fast Animals and Slow Kids incontrano Willie Peyote: dialogo tra un impegnato e un non so, su Rolling Stone Italia, 21 aprile 2021. URL consultato il 23 aprile 2021.
  32. ^ Elena Palmieri, Fast Animals and Slow Kids, ‘È già domani’ e i primi 10 anni di carriera: ‘Siamo rimasti sempre noi’, su Rockol, 16 settembre 2021. URL consultato il 17 settembre 2021.
  33. ^ Classifiche - Classifica settimanale WK 38 (dal 17.09.2021 al 23.09.2021), su fimi.it, FIMI. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  34. ^ Rockol Awards 2021: il premio speciale Rockol va ai Fast Animals and Slow Kids, su Rockol, 15 dicembre 2021. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  35. ^ "Lago ad altra quota" è il nuovo singolo dei "Fast animals and slow kids", su VareseNews, 13 gennaio 2022. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  36. ^ Fast Animals and Slow Kids, “Vita sperduta” ed il nuovo tour, su Quotidiano Italiano, 9 marzo 2022. URL consultato l'11 marzo 2022.
  37. ^ "Tocca a noi - Musica per la pace", il concerto a Bologna il 5 aprile, su Billboard Italia, 28 marzo 2022. URL consultato il 31 marzo 2022.
  38. ^ FAST ANIMALS AND SLOW KIDS: le date del “È GIÀ DOMANI TOUR” in partenza il prossimo 7 aprile, su Longliverocknroll.it, 18 febbraio 2022. URL consultato il 31 marzo 2022.
  39. ^ WILLIE PEYOTE: esce il nuovo album "PORNOSTALGIA". La tracklist e i feat., su newsic.it, 7 aprile 2022. URL consultato il 6 maggio 2022.
  40. ^ FAST ANIMALS AND SLOW KIDS: al via il 24 giugno il nuovo tour estivo “É Già Domani Ora - Tour”, su Rockon.it, 4 maggio 2022. URL consultato il 7 maggio 2022.
  41. ^ Recensione Fast Animals And Slow Kids: Cavalli, su rockshock.it. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  42. ^ Fast Animals and Slow Kids - Hýbris, su OndaRock, 18 marzo 2013. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  43. ^ Daniele Mengoli, Recensione: Fast Animals And Slow Kids - Hybris, su www.storiadellamusica.it. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  44. ^ Michele Saran, Fast Animals And Slow Kids - Alaska, su OndaRock, 24 ottobre 2014. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  45. ^ Giulio Scarrone, Fast Animals And Slow Kids - "Forse Non è La Felicità": il loro album più libero e spontaneo, su L'Amletico, 10 novembre 2017. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  46. ^ Luca Paisiello, Fast Animals and Slow Kids: Forse non è la Felicità, su rockshock.it, 24 febbraio 2017. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  47. ^ Roberto Meli, Fast Animals and Slow Kids - Animali Notturni, su Elephant Music, 28 agosto 2019. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  48. ^ Gabriele Vollaro, Fast Animals And Slow Kids: "È già domani" recensione, su Rockit.it, 17 settembre 2021. URL consultato il 19 ottobre 2021.
  49. ^ a b c Antonio Sartori, Intervista ai FASK, ovvero Fast Animals and Slow Kids, su Inside Music, 9 maggio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  50. ^ a b c Giuseppe Ciotta, FAST ANIMALS AND SLOW KIDS/ Consacrati alla musica: l’intervista, su IlSussidiario.net, 19 luglio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  51. ^ a b Francesco Raiola, Come sono cambiati i Fast Animals and Slow Kids: Come un animale e il senso di insoddisfazione di sé, su Music Fanpage, 17 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  52. ^ Riccardo de Stefano, Fast Animals and Slow Kids, «Non esistono canzoni stupide, tutto ti fa crescere» | Intervista (Parte 1), su ExitWell, 14 ottobre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  53. ^ Antonello Lopizzo, Forse non è la felicità - Intervista ai Fast Animals and Slow Kids, su LaScimmiaPensa.com, 21 novembre 2017. URL consultato il 17 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock