Esplosione di Beirut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esplosioni di Beirut
esplosione
Damages after 2020 Beirut explosions 1.jpg
Immagine del porto di Beirut dopo l'esplosione
TipoDisastro industriale
Data4 agosto 2020
18:08:18 (EEST)
LuogoPorto di Beirut, Beirut
StatoLibano Libano
Coordinate33°54′05″N 35°31′08″E / 33.901389°N 35.518889°E33.901389; 35.518889Coordinate: 33°54′05″N 35°31′08″E / 33.901389°N 35.518889°E33.901389; 35.518889
CausaIncendio in un magazzino di prodotti esplosivi (tra i quali nitrato d'ammonio, nitrato di sodio e acido nitrico)
Conseguenze
Morti207
Feriti~6000
Dispersi~9
Sfollati300000+
Danni15+ miliardi di dollari
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Libano
Luogo dell'evento
Luogo dell'evento

L'esplosione di Beirut si è verificata nell'area del porto della città libanese il 4 agosto 2020 alle ore 18:08 circa, uccidendo circa 207 persone e ferendone altre 7 000[1][2][3][4][5][6]. Il governatore di Beirut Marwan Abboud ha stimato che fino a 300 000 persone sono rimaste senza casa a causa del disastro[7], ovvero circa 2/3 della popolazione. Il governo libanese ha dichiarato uno stato d'emergenza per due settimane nella città.[8]

L'esplosione principale è stata collegata a 2750 t di nitrato d'ammonio che erano state confiscate nel 2014 da parte del governo libanese dalla nave abbandonata M/N Rhosus e depositate nel porto senza misure di sicurezza fino al giorno del disastro.[5] Nonostante la trasmissione inefficiente delle onde d'urto, l'esplosione è stata rilevata come un evento sismico di magnitudo 3,3 dalla United States Geological Survey.[9] L'esplosione è stata stimata avere effetti equivalenti alla detonazione da poche centinaia fino a 1200 tonnellate di TNT.[10][11] Per la mattina del 5 agosto foto satellitari hanno mostrato che l'incendio principale era stato spento.[12]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste in Libano del 2019-2020.

A causa della crisi economica libanese molti ospedali nel paese si trovano in uno stato di carenza di forniture mediche e problemi nel pagamento del personale, a questo si aggiunge la pandemia di COVID-19 che ha portato alla quasi saturazione dei posti letto[13] La mattina prima dell'esplosione, il capo del principale ospedale pubblico ha avvertito che l'ospedale si stava avvicinando alla sua piena capacità di curare i pazienti.[14]

Il porto di Beirut funge da principale punto di accesso marittimo in Libano ed è un elemento vitale per l'importazione delle merci.[15][16] Di proprietà del governo libanese, il porto comprendeva quattro bacini, 16 banchine e 12 magazzini.[16] Ospitava un silos per il grano che fungeva da riserva strategica per il paese. La Base Navale di Beirut, quartier generale delle Marina libanese fa parte del porto.[16]

MV Rhosus [modifica | modifica wikitesto]

Porto di Beirut
Beirutnorth.jpg

Il 23 settembre 2013, la nave da carico di proprietà russa battente bandiera moldava MV Rhosus salpò dal porto Batumi in Georgia diretta a Beira in Mozambico, con un carico di 2750 t di nitrato di ammonio.[17][18] In ottobre, è stata costretta a fermarsi al porto a Beirut dopo problemi al motore.[19] Dopo l'ispezione da parte dell'autorità di controllo portuale, il Rhosus è stato ritenuto non idoneo alla navigazione ed ha ricevuto il divieto di salpare. Otto ucraini e un russo erano a bordo e, con l'aiuto di un console ucraino, cinque ucraini furono rimpatriati, lasciando quattro membri dell'equipaggio a prendersi cura della nave.

Il proprietario del Rhosus, l'uomo d'affari russo con sede a Cipro Igor Grečuškin, finì in bancarotta e, dopo che i noleggiatori persero interesse per il carico, il proprietario abbandonò la nave.[20] Il Rhosus esaurì rapidamente le provviste, mentre l'equipaggio non fu in grado di sbarcare a causa delle restrizioni sull'immigrazione. I creditori ottennero anche tre mandati di arresto contro la nave.[20] Gli avvocati hanno sostenuto il rimpatrio dell'equipaggio per motivi umanitari, a causa del pericolo rappresentato dal carico ancora a bordo della nave e un giudice ha permesso il loro rimpatrio dopo essere rimasti bloccati a bordo della nave per circa un anno. Per ordine del tribunale il carico è stato sbarcato nel 2014 e collocato nell'Hangar 12 nel porto,[21], dove è rimasto.

Vari funzionari doganali avevano inviato lettere ai giudici chiedendo una risoluzione sulla questione del carico confiscato, proponendo che il nitrato di ammonio venisse esportato, dato alle Forze armate libanesi, o venduto alla Lebanese Explosives Company.[22] Le lettere erano state inviate il 27 giugno e il 5 dicembre 2014, il 6 maggio 2015, il 20 maggio e il 13 ottobre 2016 e il 27 ottobre 2017. Una delle lettere spedite nel 2016 indicava che i giudici non avevano risposto alle precedenti richieste e "suppliche":

«In considerazione del grave pericolo di mantenere queste merci nell'hangar in condizioni climatiche inadatte, riaffermiamo la nostra richiesta di richiedere all'agenzia marittima di riesportare immediatamente tali merci per preservare la sicurezza del porto e di coloro che vi lavorano, o di cercare di accettare di vendere questa merce»

Esplosione[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo le 18:00, i vigili del fuoco furono inviati per estinguere un incendio nel magazzino del porto di Beirut. Una prima, più piccola, esplosione causó una nuvola di fumo sopra i fuochi creando lampi di luce che assomigliavano a fuochi d'artificio.[23] La seconda esplosione fu molto più grande e si verificò alle 18:08.[23][24] Scosse il centro di Beirut e produsse una nuvola rosso-arancione nel cielo.[25][26] La seconda esplosione fu avvertita nel nord di Israele e a Cipro, a 240 chilometri di distanza.[27][28] L'United States Geological Survey riportó che l'esplosione venne misurata come un terremoto di magnitudo locale di 3,3[24][29] mentre il Jordan Seismological Observatory riferì che era equivalente a un terremoto di magnitudo locale di 4,5.[30]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La causa delle esplosioni non è stata immediatamente determinata,[15] sebbene i media statali inizialmente riferissero che si svolgevano in un magazzino di fuochi d'artificio, mentre altri li hanno collocati in un deposito di petrolio o in un deposito di sostanze chimiche esplosive.[31][32]

Nel porto c'erano vari magazzini che contenevano esplosivi e sostanze chimiche tra cui nitrati, componenti comuni di fertilizzanti ed esplosivi.[33] Il direttore generale della pubblica sicurezza ha dichiarato che l'esplosione è stata causata dal nitrato di ammonio che è stato confiscato dal Rhosus. Una fonte di sicurezza ha dichiarato che l'incendio iniziale è stato causato durante i lavori di saldatura su un foro in un magazzino.[34]

Morti e feriti[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle esplosioni, più di 220 persone sono state confermate morte[35][36] e oltre 7000 sono state ferite.

Nazar Najarian, il segretario generale del partito Kataeb, è morto dopo aver subito gravi ferite alla testa durante l'esplosione,[37] e Kamal Hayek, presidente della compagnia elettrica statale Électricité du Liban, era in condizioni critiche. Il console kazako è stato ferito nel suo ufficio.[38] L'architetto francese Jean-Marc Bonfils è morto dopo aver subito gravi ferite nel suo appartamento[39] nell'edificio dell'East Village da lui progettato.

Danni[modifica | modifica wikitesto]

L'esplosione ha ribaltato le auto e devastato gli edifici con struttura in acciaio del loro rivestimento.[40] All'interno dell'area portuale, l'esplosione ha distrutto una sezione del litorale.[41] Testimoni hanno riferito che le case fino 10 km di distanza sono state danneggiate dall'esplosione, e fino a 300.000 persone sono rimaste senza casa a causa delle esplosioni.[42] Secondo il governo libanese, il secondo più grande silo di grano della città è stato distrutto, esacerbando la carenza di cibo causato dalla pandemia di COVID-19 e dalla grave crisi finanziaria.[43] Sono state distrutte circa 15.000 tonnellate di grano, lasciando il paese con meno di un mese di grano in riserva.

I danni si estendono su oltre la metà di Beirut, con il costo probabile superiore a 10 miliardi di dollari; Il 90% degli hotel della città è stato danneggiato e tre ospedali sono stati completamente distrutti,[44][45] mentre altri due hanno subito danni. Decine di feriti portati negli ospedali vicini non potevano essere ammessi a causa dei danni agli ospedali. Il Saint George Hospital University Medical Center, situato a meno di 1 km dell'esplosione, è stato costretto a curare i pazienti in strada, a causa di gravi danni alla struttura medica.[21][46][47] Diversi pazienti affetti da cancro infantile sono stati feriti dalle schegge di vetro. Nel giro di poche ore, il nosocomio ha dimesso tutti i suoi pazienti, alcuni in altri ospedali, e chiuso.[48] Secondo il direttore della terapia intensiva dell'ospedale, il dottor Joseph Haddad, l'ospedale è stato irrimediabilmente danneggiato.[47]

Le ambasciate dentro e vicino a Beirut hanno riportato vari gradi di danni ai loro edifici. Le ambasciate di Argentina, Australia, Finlandia e Cipro, che si trovavano nelle immediate vicinanze dell'esplosione, hanno subito gravi danni.[49][50][51] L'ambasciata sudcoreana, situata a 7,3 chilometri dal luogo dell'esplosione, ha riportato danni lievi a due finestre all'interno dell'ambasciata[52], mentre le ambasciate kazaka, russa, rumena e turca hanno riportato danni minori.[53][54][55]

Navi[modifica | modifica wikitesto]

La nave da crociera Orient Queen, di proprietà di Abou Merhi Cruises e ormeggiata nelle vicinanze, ha subito ingenti danni. Due membri dell'equipaggio sono morti,[56] e molti a bordo sono rimasti feriti.[57][58] La nave si è capovolta durante la notte.[56][59]

Anche la corvetta della Marina del Bangladesh BNS Bijoy, che ha partecipato alla Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite, è stata danneggiata.[60][61] È stato riferito che ventuno caschi blu delle Nazioni Unite del Bangladesh imbarcati su di essa sarebbero stati feriti.

Il portabestiame Jouri era vicino al luogo dell'esplosione. Il suo AIS ha smesso di trasmettere al momento dell'esplosione.

La nave mercantile Mero Star è stata gravemente danneggiata.

La nave da carico Raouf H era la più vicina al luogo dell'esplosione.[62][63]

Arresti[modifica | modifica wikitesto]

Le autorità libanesi hanno posto agli arresti domiciliari, sotto la supervisione dell'esercito, i funzionari del porto di Beirut responsabili del deposito e della sicurezza, in attesa di un'indagine sulle esplosioni.[64]

Operazioni di soccorso[modifica | modifica wikitesto]

La Croce Rossa libanese ha affermato che tutte le ambulanze disponibili del Nord Libano, della Valle della Beqa' e dal Libano del Sud sono state inviate a Beirut per aiutare i feriti.[65] Secondo la Croce Rossa libanese, sono state attivate in totale 75 ambulanze e 375 medici in risposta alle esplosioni. Il presidente libanese Michel Aoun ha dichiarato che il governo aveva disponibili 100 miliardi di lire libanesi (66 milioni di dollari USA) in aiuti per sostenere le operazioni di recupero.[40] L'app che fornisce un servizio di trasporto automobilistico privato Careem offriva corse gratuite da e per gli ospedali ed i centri di donazione di sangue a chiunque fosse disposto a donare sangue.[66][67]

Il ministro della Salute Hamad Hasan ha richiesto l'invio di aiuti internazionali al Libano; diversi Stati hanno risposto a tale richiesta.

L'Italia ha inviato a Beirut due C-130 della 46ª Brigata aerea dell'Aeronautica militare con otto tonnellate di materiale sanitario e squadre dei Vigili del fuoco e del Nucleo nucleare-biologico-chimico-radiologico (NBCR) coordinate dal Dipartimento della Protezione Civile[68].

Il team composto da 14 vigili del fuoco è arrivato a Beirut la mattina del 6 agosto[69].

Dal 23 agosto per un mese la nave da sbarco San Giusto con la Task Force "Cedri" è stata in missione a Beirut[70].

L'8 settembre il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha visitato Beirut ha incontrato le autorità del Libano e ha portato un saluto ai militari italiani nel Paese[71].

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Interne[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ministro del Libano Hassan Diab, ha annunciato che il 5 agosto 2020, il giorno dopo le esplosioni, sarebbe stata una giornata nazionale di lutto. Il presidente Aoun dichiarò che il governo avrebbe fornito sostegno agli sfollati e che il Ministero della sanità avrebbe sostenuto le spese per le cure dei feriti. Marwan Abboud, il governatore di Beirut, ha dichiarato di essere arrivato sul posto per cercare i vigili del fuoco che si trovavano sul posto e tentavano di controllare l'incendio che imperversava prima della seconda esplosione. Si è rotto in lacrime in televisione, definendo l'evento "una catastrofe nazionale". Il giorno dell'esplosione, Hezbollah ha offerto "le più sentite condoglianze per la tragedia nazionale" e ha affermato che la crisi ha richiesto "una posizione nazionale di tutto il popolo libanese". Il giorno dopo, Mohammad Raad, a capo di Hezbollah nel parlamento libanese, ha anche chiesto una "cooperazione positiva" per accertare le ragioni del disastro e garantire la giustizia.

Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

I rappresentanti di più Stati e le Nazioni Unite hanno manifestato le condoglianze. Oltre ad altri Stati che hanno fornito aiuti, e altri si sono offerti di farlo. In particolare, Israele ha offerto aiuti attraverso i canali delle Nazioni Unite, in quella che Al Jazeera English ha descritto come una "mossa insolita", dato che Israele e Libano non hanno legami diplomatici e sono tecnicamente in guerra. Sia Israele che alti funzionari di Hezbollah hanno escluso il coinvolgimento israeliano nell'esplosione, affermazione diffusa tramite i social media.

Dopo aver offerto le condoglianze e gli aiuti, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha suggerito che le esplosioni fossero il risultato di una bomba provocata da un attacco deliberato. In seguito a questa dichiarazione, più funzionari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno affermato che non c'erano indicazioni che questo fosse il caso.

Diversi Stati hanno espresso solidarietà illuminando molti monumenti con i colori della bandiera libanese, tra cui il Burj Khalifa a Dubai, le Grandi Piramidi di Giza con la Piramide di Cheope, la Torre Azadi a Teheran e il municipio di Tel Aviv. Alcune figure della destra israeliana hanno criticato l'esposizione della bandiera del Libano, uno "stato nemico", a Tel Aviv.

Il 6 agosto il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha visitato Beirut[72].

Incendio[modifica | modifica wikitesto]

Un mese dopo l'esplosione, il 10 settembre, scoppiò un nuovo incendio, anche questa volta nella zona del porto; l'incendio fu causato da delle scintille di una saldatrice che stava risistemando i danni della precedente esplosione. Secondo il ministro dei trasporti e lavori pubblici Michel Najjar, il fuoco interessò un magazzino che conteneva barili di petrolio e pneumatici[73]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Beirut explosion: Death toll rises to 200 as protests continue, in BBC News, 10 agosto 2020. URL consultato il 10 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Beirut blast death toll hits 100 as Lebanon mourns, in The Daily Star, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  3. ^ (EN) Martin Chulov, Michael Safi e Julian Borger, Lebanon: at least 78 killed as huge explosion rocks Beirut, in The Guardian, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  4. ^ (EN) Vari autori, Beirut explosion: Lebanon PM laments 'catastrophe' that killed at least 100 and wounded 4,000 – live updates, in The Guardian, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  5. ^ a b (EN) Mersiha Gadzo, Dozens killed, thousands wounded in Beirut explosion: Live, in Al Jazeera, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  6. ^ (EN) Ghaida Ghantous, Lebanon's health minister says many injuries and large damage from Beirut blast: LBC TV, in Reuters, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  7. ^ (EN) Ted Regencia e Linah Alsaafin, More than 200,000 left homeless by Beirut explosion: Live updates, in Al Jazeera, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  8. ^ (EN) Lebanon Declares 2-Week State of Emergency After Deadly Blast, in VOA News, 6 agosto 2020. URL consultato il 6 agosto 2020.
  9. ^ (EN) Beirut explosion rocks Lebanon's capital city, in CNN, 4 agosto 2020. URL consultato il 6 agosto 2020.
  10. ^ (EN) Alex Horton, Here's what the videos of the Beirut blast tell us about the explosion, in The Washington Post, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  11. ^ (EN) Sander Huisman, Estimation of energy yield of 2020 Beirut port explosion, su Wolfram Community, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  12. ^ (EN) Geoff Brumfiel, Satellite Images Show Aftermath Of Beirut Blast, in NPR, 5 agosto 2020. URL consultato il 6 agosto 2020.
  13. ^ (EN) A. B. C. News, Crisis hits Lebanon's hospitals, among the best in Mideast, su ABC News. URL consultato il 5 agosto 2020.
  14. ^ Tamara Qiblawi, Beirut will never be the same again, su CNN, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  15. ^ a b Timour Azhari, Hundreds wounded as huge blast rips through Lebanon's Beirut, su Al Jazeera, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  16. ^ a b c Jocelyn Grzeszczak, What is the Port of Beirut? Everything We Know About the Site Following Deadly Explosion, su Newsweek, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  17. ^ Charbel Dagher e Christine Maksoud, m/v Rhosus Arrest and Personal Freedom of the Crew (PDF), in The Arrest News, n. 11, ottobre 2015. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  18. ^ Timour Azhari, Beirut blast: Tracing the explosives that tore the capital apart, in Al Jazeera, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  19. ^ (DA) Lars Bach Jørgensen, Ekspert forklarer, hvad der sandsynligvis skete i Beirut [Expert explains what probably happened in Beirut], in TV 2, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
    «The large amount of potentially dangerous fertilizer has been there since 2014, when the Moldavian ship Rhosus had to port due to engine problems.».
  20. ^ a b Eugene Cheng, Points to Consider if your Ship is Arrested, in West of England, 3 aprile 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  21. ^ a b Rescue workers search rubble after deadly Beirut blast, su bbc.co.uk, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  22. ^ Ammonium nitrate sold by ton as U.S. regulation is stymied, The Dallas Morning News. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2018).
  23. ^ a b (EN) Ben Hubbard, Explosions Rock East Beirut, in The New York Times, 4 agosto 2020, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  24. ^ a b M 3.3 Explosion 1 km ENE of Beirut, Lebanon, su Earthquake Hazards Program, U.S. Geological Survey. URL consultato il 5 agosto 2020.
  25. ^ Here's what the videos of the Beirut blast tell us about the explosion, su Washington Post. URL consultato il 4 agosto 2020.
  26. ^ Ryan Pickrell, Shocking videos capture massive explosion that rocked the Lebanese capital of Beirut, su Business Insider. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  27. ^ Beirut explosion updates: Massive blast rocks Lebanese capital, BBC News. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  28. ^ Like an earthquake': Huge explosion rips through Beirut captured on video, Hindustan Times, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  29. ^ Tamara Qiblawi, Beirut's residents describe apocalyptic scenes after explosion rocks city, in CNN. URL consultato il 5 agosto 2020.
  30. ^ (EN) Devastating: the terrible aftermath of the Beirut explosion, su Arab News, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  31. ^ (EN) Jack Khoury e Noa Landau, Massive Beirut Port Blast Kills Over 100, Leaves Thousands Wounded, in Haaretz, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Joseph Haboush, Omar Elkatouri e Ismaeel Naar, Multiple explosions rock Downtown Beirut: Eyewitnesses, su Al Arabiya English, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  33. ^ Massive blast in Beirut kills at least 10, sending shockwaves across city, in Reuters, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  34. ^ Samia Nakhoul e Ellen Francis, Toll expected to rise in blast that shook Beirut, killing 78 and injuring thousands, in Reuters, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  35. ^ (EN) LIVE: Lebanon investigators get four days to find blast culprits, 6 agosto 2020. URL consultato il 6 agosto 2020.
  36. ^ (EN) Rebecca Ratcliffe (now); Helen Sullivan, Oliver Holmes (earlier) e Ben Doherty, Beirut explosion: at least 100 dead and 4,000 wounded live updates, in The Guardian, 5 agosto 2020, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  37. ^ Live updates: Lebanese capital rocked by huge explosion, in CNN, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  38. ^ Aidana Yergaliyeva in International on 5 August 2020, Kazakh Citizens Stay Safe After Beirut Blast, Embassy to Be Restored, Says Kazakh FM, su astanatimes.com, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  39. ^ L’architecte français Jean-Marc Bonfils est décédé lors des explosions à Beyrouth, su nouvelobs.com, 5 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  40. ^ a b Hadi Nasrallah e Sunniva Rose, Many injured as large blast rocks Beirut, su BBC News, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  41. ^ Satellite Image Shows Beirut Explosion Devastation, su Forbes, 5 agosto 2020.
  42. ^ Ghazi Balkiz, Tamara Qiblawi e Ben Wedeman, Beirut explosion shatters windows across Lebanese capital, CNN, 5 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  43. ^ Leila Molana-Allen, Food insecurity hits middle class amid Lebanon's economic crisis, su France 24, 1º luglio 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 2 luglio 2020).
  44. ^ Lebanon eyes state of emergency after deadly Beirut blast: Live, in Al Jazeera English, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  45. ^ https://edition.cnn.com/middleeast/live-news/lebanon-beirut-explosion-live-updates-dle-intl/h_5372a5d4a996a45c2a92adfd03525251
  46. ^ Martin Chulov e Michael Safi, Lebanon: at least 78 killed as huge explosion rocks Beirut, in The Guardian, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  47. ^ a b Ben Hubbard e Maria Abi-Habib, Deadly Explosions Shatter Beirut, Lebanon, in New Tork Times, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  48. ^ Austin Ramzy, What We Know and Don't Know About the Beirut Explosions, in The New York Times, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  49. ^ (ES) La embajada argentina sufrió graves daños, pero sin heridos., su Télam, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  50. ^ (EN) Australian embassy 'considerably' damaged in Beirut blast, one Australian killed, su Australian Broadcasting Corporation, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  51. ^ Report: Finnish Embassy in Beirut 'destroyed' by blast, su News Now Finland, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  52. ^ (EN) No S. Koreans Reported Killed or Injured in Beirut Explosions, su KBS World RADIO, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  53. ^ (RU) Мощный взрыв в Бейруте: масштабные разрушения, десятки погибших и тысячи пострадавших, su BBC News Русская служба, BBC News, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  54. ^ Beirut explosion: Romanian embassy HQ slightly damaged, in Romania Insider, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  55. ^ (TR) Beyrut'taki patlamalarda 2 Türk vatandaşı yaralandı, Anadolu Agency, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  56. ^ a b Orient Queen Sinks in Beirut, Two Crew Reported Dead, in Cruise Industry News, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  57. ^ 'I can't believe I'm alive': Survivors recount Beirut explosion, in Al Jazeera. URL consultato il 5 agosto 2020.
  58. ^ Orient Queen Cruise Ship Damaged in Blast In Beirut, su Cruise Law News, 5 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  59. ^ (AR) cedar_news, غرق الباخرة السياحية (Tweet), su Twitter, 5 agosto 2020.with video
  60. ^ Beirut blast: 4 Bangladeshis killed, 21 Bangladesh Navy crew injured, su Dhaka Tribune. URL consultato il 6 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  61. ^ (EN) Lebanon: UN 'actively assisting' in response to huge explosions at Beirut port, su UN News, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  62. ^ Horrific explosion rocks Beirut port, Offshore Energy. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 6 agosto 2020).
  63. ^ Mikhail Voychenko, Beirut port explosion mystery solved? UPDATES: 3 ships disappeared. VIDEO, Fleetmon, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  64. ^ Beirut explosion: Updates after blast kills at least 100 people, BBC News. URL consultato il 5 agosto 2020.
  65. ^ Nazih Osseiran e Jared Malsin, Beirut Explosion Caused by Fire Kills Dozens, Injures Thousands, su The Wall Street Journal, 4 agosto 2020. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  66. ^ (EN) Carbel Mallo CNN, Hundreds reported missing by family members, Health Minister says, su CNN, CNN, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  67. ^ (EN) URGENT: All blood types needed in all hospitals and blood donation centers in Beirut. Use promocode DONATEBLOOD for a free ride to and from the hospital or the blood donations center., su Twitter. URL consultato il 5 agosto 2020.
  68. ^ Esplosioni in Libano: Italia invia due aerei con aiuti umanitari
  69. ^ Vigili del fuoco in missione di soccorso a Beirut
  70. ^ Libano: Nave San Giusto lascia la Terra dei Cedri
  71. ^ Il Presidente Conte a Beirut
  72. ^ Déclaration du Président Emmanuel Macron à son arrivée au Liban deux jours après l'explosion au Port de Beyrouth.
  73. ^ (FR) Le port de Beyrouth frappé par un gigantesque incendie, quelques semaines après l'explosion, su ladepeche.fr. URL consultato il 10 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]