Hindustan Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hindustan Times
Stato India India
Lingua inglese
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Formato Broadsheet
Fondazione 1924
Sede New Delhi
Editore HT Media Ltd
Tiratura 1.143.000[1]
Diffusione cartacea nazionale
Direttore Sanjoy Narayan
ISSN 0972-0243 (WC · ACNP)
Sito web www.hindustantimes.com
 
Hindustan Times House, New Delhi

Lo Hindustan Times è un quotidiano indiano in lingua inglese fondato nel 1924[2].

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

È il terzo quotidiano indiano per tiratura (dati dell'Audit Bureau of Circulations 2008[1]) e (dati dell'Indian Readership Survey) il secondo giornale indiano in lingua inglese, dopo The Times of India[3]. È diffuso soprattutto nell'Indostan con edizioni locali a New Delhi, Bombay, Calcutta, Lucknow, Patna, Ranchi, Bhopal e Chandigarh.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Lo Hindustan Times è pubblicato dalla HT Media Ltd, controllata al 69% dalla famiglia Birla. Presidente della casa editrice è Shobhana Bhartia, senatrice al Rajya Sabha per il Partito del Congresso e figlia del magnate Krishna Kumar Birla e nipote di Ghanshyam Das Birla[4][5].

Altre testate del gruppo sono il giornale finanziario in inglese Mint, il quotidiano in hindi Hindustan Dainik, il mensile per bambini Nandan e il mensile culturale Kadambani. Il gruppo controlla anche un'emittente radiofonica, Fever 104.0 FM, e organizza un convegno annuale sul lusso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Hindustan Times fu fondato nel 1924 da Sunder Singh Lyallpuri, fondatore del partito sikh Shiromani Akali Dal nel Punjab[6]

Nel 1933 il giornale fu rilevato integralmente dall'industriale Ghanshyam Das Birla, vicino al movimento indipendentista, che pagò il prezzo in contanti. Il quotidiano continua ad appartenere alla famiglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Details of language wise most circulated dailies for the audit period July-December 2013, Audit Bureau of Circulations. URL consultato il 10 novembre 2014.
  2. ^ (EN) sito ufficiale HT
  3. ^ Indian Readership Survey (IRS) 2011 — Quarter 2 (PDF), Newswatch.in, 30 giugno 2011. URL consultato il 16 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2013).
  4. ^ This Is Not Journalism as We Know It, Openmagazine.com. URL consultato il 29 maggio 2015.
  5. ^ Sanjoy Hazarika, Indian Leader Faces a Test At the Polls (India; Maharashtra e Gujarat 5.), NYTimes.com, 3.5.1995. URL consultato il 29 maggio 2015.
  6. ^ HindustanTimes, Urduyouthforum.org. URL consultato il 29 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]