Ella Mai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ella Mai
Ella Mai 2019 by Glenn Francis.jpg
Ella Mai nel 2019
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereContemporary R&B
Periodo di attività musicale2014 – in attività
Etichetta10 Summers Records
Interscope Records
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Ella Mai Howell (Londra, 3 novembre 1994) è una cantautrice britannica.

Ha raggiunto il successo internazionale grazie all'album Ella Mai che include il brano Boo'd Up, vincitore del Grammy Award alla miglior canzone R&B nel 2019.[1] Dall'inizio della carriera ha inoltre pubblicato tre EP e numerosi singoli che hanno raggiunto le prime posizioni delle classifiche R&B statunitensi e britanniche, vendendo in totale oltre 15 milioni di copie. Ha collaborato con Usher, John Legend, Ty Dolla Sign, Chris Brown, Ed Sheeran e H.E.R.. Ha ottenuto inoltre un BET Award, tre Billboard Music Award e due Soul Train Music Award,[2][3] oltre a una candidatura ai BRIT Award.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nella capitale del Regno Unito, Ella Mai ha padre irlandese e madre giamaicana.[4] Si è trasferita a New York all'età di 12 anni, dove ha completato gli studi, per poi tornare nella sua città d'origine.[5] Nel 2014 intraprendere gli studi al British and Irish Modern Music Institute di Londra e prende parte alle audizioni dell'undicesima edizione del talent show britannico The X Factor come membro del trio Arize.[6] Il complesso non è passato oltre le selezioni iniziali e si è sciolto poco dopo. L'anno successivo la cantante ha pubblicato su SoundCloud un EP di quattro canzoni, Trouble. È stata scoperta via Instagram da Mustard, che le ha offerto un contratto con la sua etichetta discografica, la 10 Summers Records.[7]

Tra il 2016 e il 2017 Ella Mai ha pubblicato una trilogia di EP: Time, Change e Ready.[6] L'ultimo progetto discografico riscuote successo nelle classifiche statunitensi, esordendo alla posizione 29 della Billboard 200 e 15 della US R&B/Hip-Hop Albums.[8] Nello stesso periodo è stata inoltre l'artista di apertura per le date europee e nordamericane del SweetSexySavage World Tour di Kehlani, e ha collaborato con Chris Brown, nel brano This X-Mas.[9]

Nella primavera del 2018 una canzone contenuta nell'EP Ready, Boo'd Up, ha iniziato a ottenere inaspettato successo negli Stati Uniti, portando l'etichetta a mandare il singolo in rotazione radiofonica.[10] Un remix ufficiale del brano è stato pubblicato il 4 luglio 2018 e ha visto la collaborazione dei rapper Nicki Minaj e Quavo.[11] Boo'd Up ha raggiunto la quinta posizione della classifica statunitense[12] ed è stata certificata quintuplo disco di platino per i cinque milioni di unità vendute.[13] Il singolo successivo, Trip, è stato pubblicato ad agosto 2018 ed ha raggiunto l'11º posto in classifica negli Stati Uniti ed è certificato doppio disco di platino.[12]

In seguito a questi successi, Ella Mai ha annunciato l'album di debutto eponimo, uscito il 12 ottobre 2018. Il disco, che include collaborazioni con artisti come John Legend, Chris Brown ed H.E.R., ha debuttato 5º nella classifica statunitense ed è stato certificato disco di platino, con oltre un milione di unità di vendita totaizzate. Ha fruttato alla cantante due candidature agli American Music Awards 2019 e tre ai Soul Train Music Awards. Boo'd Up ha vinto il Grammy Award alla miglior canzone R&B alla 61ª edizione della cerimonia dei premi musicali, oltre ad essere nominato anche come album dell'anno.[1]

Negli ultimi mesi del 2019 Ella Mai ha collaborato con la cantante Mahalia nel brano What You Did e con Usher nel singolo di quest'ultimo Don't Waste My Time. Nel 2020 Ella ha ottenuto una candidatura ai Grammy anche per l'album di debutto, nella categoria miglior album R&B.[1] Successivamente pubblica il singolo Not Another Love Song, primo estratto dal suo secondo album in uscita.[14]

Stile musicale e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Ella Mai ha citato Mariah Carey, Chris Brown, Lauryn Hill, le Destiny's Child e Alicia Keys in qualità di artisti che l'hanno influenzata maggiormente.[15]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Ella Mai, Grammy Award. URL consultato il 12 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Gail Mitchell, 2018 Soul Train Awards Exclusive: H.E.R., Bruno Mars & Cardi B Top Nominees, Billboard. URL consultato il 10 settembre 2020.
  3. ^ (EN) Hoe Lynch, 2019 Billboard Music Awards Winners: The Complete List, Billboard. URL consultato il 10 settembre 2020.
  4. ^ (EN) What is Ella Mai's nationality?, su capitalxtra.com. URL consultato il 6 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Andy Kellman, Ella Mai Biography & History, AllMusic. URL consultato il 10 settembre 2020.
  6. ^ a b (EN) Ella Mai Biography, Sony/ATV Music Publishing. URL consultato il 10 settembre 2020.
  7. ^ (EN) Aimee Cliff, Meet Ella Mai, The New Queen Of The Breakup Anthem, Fader. URL consultato il 6 luglio 2018.
  8. ^ (EN) Ella Mai Chart History - Billboard 200, Billboard. URL consultato il 10 settembre 2020.
  9. ^ (EN) Rachel Vensand, DJ Mustard signee Ella Mai is 'Ready' to be a household name in R&B [Interview], su earmilk.com. URL consultato il 6 luglio 2018.
  10. ^ (EN) Gail Mitchell, Ella Mai Premieres 'Boo'd Up' Video and Talks Debut Album: 'You Can Hear the Growth', Billboard. URL consultato il 6 luglio 2018.
  11. ^ (EN) Boo'd Up (Remix) - Single by Ella Mai, Nicki Minaj & Quavo, iTunes. URL consultato il 6 luglio 2018.
  12. ^ a b (EN) Ella Mai Chart History - Billboard Hot 100, Billboard. URL consultato il 6 luglio 2018.
  13. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 6 luglio 2018.
  14. ^ (EN) Ella Mai Talks 'Not Another Love Song' and Taking Chances on Her Upcoming Album - That Grape Juice, su thatgrapejuice.net. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  15. ^ (EN) Chris Brown Previews Ella Mai Collaboration, su rap-up.com. URL consultato il 12 agosto 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4865153775057561550003 · LCCN (ENno2018126048 · GND (DE1190666979 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018126048