Elezioni federali tedesche del luglio 1932

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sostenitori di vari partiti fanno campagna elettorale a Berlino nel luglio del 1932

Le elezioni federali tedesche del luglio del 1932 furono le settime consultazioni politiche nazionali della repubblica di Weimar e si tennero il 31 luglio. Quando si conclusero, partirono i preparativi per l'inizio della sesta legislatura del Reichstag.

Principali avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

La Grande depressione, partita dagli Stati Uniti nel 1929 e velocemente propagatasi in tutta Europa, aveva manifestato tutti i suoi nefasti effetti prorompenti in Germania ossia quella nazione occidentale che più dipendeva dai finanziamento stranieri: tra il 1929 ed il 1932 la disoccupazione era passata dall'8.5% a quasi il 30%[1] mentre durante lo stesso periodo la produzione industriale tedesca era calata del 42%[1].

La coalizione di governo che includeva i partiti leali alla repubblica (ossia quello socialdemocratico, quello cattolico e quelli liberali) era fortemente divisa. Uscita indebolita dalle consultazioni del 1930, essa era riuscita solamente a formare un esecutivo di minoraza guidato da Heinrich Brüning del Centro Cattolico, il quale sopperiva alla mancanza di una stabile maggioranza ricorrendo spesso a speciali decreti di emergenza. Le elezioni del 1932 misero ancora più in crisi i movimento filo-repubblicani e portarono alla ribalta il Partito Nazista di Adolf Hitler[1]. La politica di Brüning non aveva assolutamento migliorato la soluzione economica e inoltre aveva fortemente indebolito e delegittimato il sistema parlamentare.

Alle elezioni presidenziali del marzo 1932 solo una coalizione molto ampia, che includeva clamorosamente anche l'SPD, consentì al feldmaresciallo reazionario Paul von Hindenburg di vincere le consultazioni: nonostante la presenza in lista di un eroe nazionale e del forte rappresentante comunista Ernst Thälmann, Hitler riuscì a prendere il 30.2% dei voti al primo turno e il 36.7% al ballottaggio[1] (che però, nella circostanza, venne affrontato non da due ma da ben tre candidati: Hitler, Hindenburg e Thälmann per l'appunto): ciò era un chiaro segnale di come stesse cambiando il vento politico nel paese.

In conseguenza di ciò il Presidente del Reich Hindenburg spostò la sua azione ancora più a destra e nel maggio 1932 si era deciso a sostituire Brüning con Franz von Papen, ex militante dello Zentrum, che formò un gabinetto tecnico e a-partitico dispregiativamente denominato "governo dei baroni". La natura inusuale dell'esecutivo portò alla caduta dello stesso già tre giorni dopo la sua formazione: fu così che si decise di sciogliere il Parlamento e indire nuove elezioni per il 31 luglio[2].

La campagna elettorale si svolse all'insegna della violenza: von Papen revocò il bando alle SA (che Brüning aveva indetto pochi giorni prima di concludere la sua esperienza amministrativa) e le squadracce naziste iniziarono una serie di atti intimidatori, spesso sfociati in fatti di sangue, nei confronti delle organizzazioni comuniste. Gli scontri NSDAP-KPD focalizzarono l'attenzione degli elettori e permisero a entrambi i partiti cospicui miglioramenti[3]: tutto ciò però al prezzo, per quanto concerne il partito di Thälmann, di un numero alto di vittime.

Le elezioni ebbero un'affleunza del 70.84% e portarono grandi benefici al Partito Nazista, che coi suoi 230 seggi diveniva per la prima volta il più grande partito in Parlamento. Tuttavia, gli hitleriani non avevano i numeri per formare la maggioranza[4] e sia il Presidente Hindenburg sia gli altri gruppi parlamentari si rifiutarono di cooperare con loro. Quindi il governo di minoranza guidato da Franz von Papen proseguì la sua esistenza, con l'obbligo però di fissare nuove elezioni in novembre.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Partito Voti percentuali (cambio) Seggi (cambio)
Partito Nazista (NSDAP) 37.8% +19.0% 230 +123
Partito Socialdemocratico Tedesco (SPD) 21.9% -2.9% 133 -10
Partito Comunista di Germania (KPD) 14.6% +1.2% 89 +12
Centro Cattolico (Z) 12.3% +0.6% 75 +7
Partito Popolare Tedesco-Nazionale (DNVP) 6.1% -1.1% 37 -4
Partito del Popolo Bavarese (BVP) 3.6% +0.2% 22 +3
Partito del Popolo Tedesco (DVP) 1.2% -3.3% 7 -23
Partito Democratico Tedesco (DStP) 0.7% -2.8% 4 -16
Cristiano-Sociali al servizio del Popolo (CSVD) 0.5% -1.5% 3 -11
Partito della Classe Media Tedesca (WP) 0.3% -3.5% 2 -21
Partito dei Contadini Tedeschi (DBP) 0.3% -0.6% 2 -4
Lega Agricola 0.3% -0.3% 2 -1
Partito Cristiano-Nazionale dei Contadini e degli Agricoltori 0.2% -2.8% 1 -18
Partito del Popolo di Destra 0.2% -0.7% 1 +1
Altri 0.0% -0.3% 0 +/-0
Totale 100.0%   608 +38

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d The Holocaust Chronicle PROLOGUE: Roots of the Holocaust, 2002
  2. ^ Hornberger How Hitler Became a Dictator, 28 giugno 2004
  3. ^ Solo le minacce nei confronti di molti militanti comunisti impedirono al Partito marxista e rivoluzionario di avere un guadagno ancora maggiore rispetto al 1930
  4. ^ Neanche i 37 seggi degli alleati nazional-popolari sarebbero bastati allo scopo